Politica
Fermo al voto. L'intervento della Torresi: “Lotti di Casabianca e via Respighi qual’e’ l’interesse pubblico?”

In qualità di candidata coinvolta nel confronto elettorale, ma soprattutto come ex amministratrice rimango perplessa dalla proposta del candidato Sindaco Zacheo e dai modi in cui è stata presentata alla cittadinanza. La soluzione ipotizzata da Zacheo per i quattro lotti di Casabianca è in perfetta continuità con le ipotesi formulate dalla Giunta Brambatti, sia nella soluzione urbanistica proposta che nel metodo.

Fermo al voto. L'intervento della Torresi: “Lotti di Casabianca e via Respighi qual’e’ l’interesse pubblico?”

In sostanza il progetto è pressoché lo stesso della proposta avanzata dal circolo PD di Lido di Fermo (peraltro illustrata dagli stessi progettisti di allora), anche nel metodo siamo in perfetta sintonia con la passata Amministrazione: una proposta concordata con la proprietà prima che con i cittadini, ai quali si sottopone solo a giochi fatti e con l’unica possibilità di decidere sulle opere compensative.
L’unica novità della proposta Zacheo è che è reticente su alcuni punti fondamentali, non spiega infatti la questione del valore delle opere compensative che i privati dovrebbero realizzare per ottenere l’ambita Variante al Piano regolatore, che consentirebbe loro di trasformare i previsti alberghi in appartamenti e negozi.
La soluzione proposta darebbe la possibilità di costruire al posto dei 4 alberghi (che da trent’anni nessuno, pur avendone il diritto, ha ritenuto conveniente realizzare), 2.325 mq di superficie commerciale con i relativi incrementi di traffico e necessità di parcheggi, 5.475 mq di residenze (per un incremento di 136 abitanti equivalenti), 800 mq di superficie alberghiera con 400 mq di servizi connessi e 3.500 ma di parcheggi interrati. In sostanza 28.262 mc di volumi aggiuntivi in un’area già congestionata e priva dei servizi essenziali.
Ciò con utili enormi per il privato che, al posto di un volume solo teorico da destinare ad attività alberghiere, si troverebbe a gestire superfici residenziali e commerciali, a fronte di opere compensative che, nella descrizione fatta da Zacheo, sono quantomeno inadeguate. Le proposte presentate fra le quali la futura Amministrazione dovrà scegliere sono studiate in funzione del piano economico dei privati. Anche qui il ruolo dell’Amministrazione, quale semplice tramite nei confronti di una cittadinanza passiva, sono molto evidenti.
Entrando nel merito delle proposte poi, si resta quantomeno perplessi. Si propone una rotatoria lungo la Statale, un parcheggio sul lato ovest della Statale stessa, generiche migliorie alla fascia verde e accessi al mare, realizzazione di un sottopassaggio ferroviario, un collegamento tra Via del Pescatore e la Statale 16, la previsione di uno spazio attrezzato per lo sport nel campo “Leon d’oro”, riqualificazione della passeggiata del lungomare Nord con pista ciclabile e nuovi arredi, nuovo percorso dallo Chalet Ondina all’Apr 40. Sembrano opere individuate a caso senza una visione in prospettiva, scollegate da un’idea di città condivisa con i cittadini.
La trattativa con il privato va impostata da una posizione di coerenza e se necessario anche di forza da parte dell’Amministrazione. Una cosa è certa: non può essere impostata in continuità con il passato, lasciando troppo spazio al privato che finora ha dimostrato di non voler edificare gli alberghi ma di puntare ad una trattativa per la realizzazione di volumi residenziali.
Inoltre come si possono legare due vicende urbanistiche differenti quali i lotti di Casabianca e l’edificio di Via Respighi?
Sono due vicende autonome.
Per i lotti di Casabianca si tratta di un diritto ad edificare che il privato vorrebbe modificare. Per Via Respighi si tratta invece di un presunto abuso edilizio che ha indotto la Procura della Repubblica di Fermo a contestare il grave reato di Lottizzazione Abusiva. Proprio per la gravità del reato contestato la Procura ha chiesto e ottenuto il Sequestro Preventivo dell’immobile. Tale sequestro è preordinato alla eventuale confisca, che verrebbe obbligatoriamente disposta nel caso in cui una sentenza dovesse accertare la correttezza dell’impianto accusatorio.
In questo contesto è doveroso attendere la conclusione del giudizio penale, in caso di confisca, infatti, la nuova Amministrazione comunale potrà decidere quale sarà l’utilizzo dell’immobile più adeguato a soddisfare le esigenze della comunità fermana, anche con destinazioni di tipo sociale a difesa dei soggetti più deboli.
Per quanto riguarda le questioni penali spetta alla magistratura accertare le eventuali irregolarità, mentre per quanto riguarda gli aspetti amministrativi la legge chiarisce perfettamente i limiti delle azioni possibili, che non comprendono la trattativa con il privato. Stupisce pertanto come un uomo di legge possa dare ad intendere che si possa mercanteggiare su questioni talmente delicate.
Non si capisce quale sia la effettiva urgenza e opportunità per Via Respighi di trattare con la Proprietà una soluzione che oggi non potrebbe prescindere dalla definizione del procedimento penale. I posti di lavoro ipotizzati dalla COOP stanno molto a cuore a tutti, ma il dovere prioritario di un amministratore è coniugare rispetto della legge con interesse pubblico.
Ipotizzare una soluzione che unisca le due diverse vicende solo perché la proprietà è la stessa ci lascia sconcertati e siamo seriamente preoccupati su come potrebbero essere gestite queste ipotizzate trattative con il privato, rispetto alle quali la comunità ha tutto il diritto di esigere massima trasparenza, partecipazione e totale condivisione.
Solo l’impegno comune di cittadini attivi e responsabili potrà consentire la definizione di questioni quali quelle sopra indicate troppo a lungo rinviate, ponendo come centrale l’interesse pubblico.

Letture:3050
Data pubblicazione : 20/05/2015 13:23
Scritto da : Maria Giulia Torresi – Ex consigliere comunale, candidata nella lista “L’ALTRA FERMO” per Massimo Rossi Sindaco
Commenti dei lettori
19 commenti presenti
  • RENZO PIANO

    21-05-2015 16:52 - #19
    Le opinioni in campagna elettorale assumono contorni piuttosto colorati, su richiesta anche "color rosso", tuttavia è importante ricordare che ciò che conta in politica non è la polemica (che aiuta a capire gli errori e quindi a non commetterli nuovamente) piuttosto la proposta (la risoluzione ai problemi). Quale sarebbe la proposta concreta indicata nell'articolo?Cosa vorrebbe fare la Torresi in queste aree?L'articolo è scritto da un Geom. o da un Arch.?(o da tutti e due?)
  • Gabriele

    21-05-2015 15:19 - #18
    Valga per l'incerto Alberto: le parole della Torresi non sono, come molto volgarmente lui dice, "una sviolinata agli ambientalisti": le parole della Torresi SONO ambientaliste, sono opinioni e parole e comportamenti ambientalisti. Ci pensi un pò e impari un attimo a distinguere tra chi pronuncia parole ambientaliste solo le tre settimane precedenti le elezioni, per sembrare ambientalista e andare a pesca di voti, e chi invece pronuncia parole ambientaliste SEMPRE, anche quando a farlo ci si rimette...
  • Vai avanti Zacheo

    21-05-2015 11:17 - #17
    La macchina del fango per ottenere consenso elettorale, tutto da chiarire i casi lotti di Casabianca e via Respighi, ma i sinistri hanno già tutto chiaro, loro, a prescindere.(.)Perchè sempre lotti alberghieri e via respighi? Ma non è singolare per una persona che ha a cuore, per quanto afferma, il paesaggio fermano? Cifaccia sapere Torresi, visto che lei ha già deciso e previsto tutto, a prescindere dalla giustizia. Zacheo vai avanti, non ti far intimidire da chi ti attacca in maniera scomposta e con argomenti risibili, sei l'unica persona credibile in queste elezioni e in diversi se la fanno sotto.
  • Sandro

    21-05-2015 10:45 - #16
    Riecco la pasionaria degli ambientalisti a corrente alternata, così come alternato è il suo comportamento e collocazione politica. Inutile sottolinerae il comportamento poco comprensibile della Torresi nella passata amministrazione a guida pd e Brambatti, ma nonstante questo si ripropone agli elettori in una coalizione che vede il suo candidato Rossi, ex presidente della provincia di Ascoli Piceno, politicamente mai amato dai cittadini fermani. Vedremo se la pasionaria troverà ancora spazio, ma visti i suoi scritti, demagocigi e funzionali alla propaganda politica, credo che si sia ridotto di molto, è rimasto solo un piccolo pertugio dove tenta ancora di infilarsi. Gli ultimi fuochi Torresi.
  • Lorenzo

    21-05-2015 09:13 - #15
    Vedo che è facile chiacchierare a caso, e questi commenti ne sono un esempio. Basti ricordare a Fabio che la Torresi, sui parcheggi smaltati del cinema di Campiglione, non solo non li ha votati, ma ci ha lasciato il partito. Si informi prima di parlare a vanvera.
  • Pasquale80

    21-05-2015 06:07 - #14
    I difensori della Brambatti ieri, oggi Zacheo sono scesi in campo, la Torresi ha detto due cose ovvie, parliamo di un abuso che potrà essere risolto o con la demolizione o con la fiscalizzazione dopo averlo accertato e di un diritto di edificare gli alberghi che i privati non vogliono fare, saranno i privati che devono fare la proposta, il Comune dovrà decidere se accettarla o meno. Partire per primo come ha fatto Zacheo lascia seri dubbi.
  • Giorgio Benni

    20-05-2015 22:42 - #13
    Non saprei dove collocare il post di Brenna, se tra le provocazioni o la reale e sincera voglia di approfondire le problematiche che Giulia,(mi permetto il tono confidenziale visto che ci conosciamo da tempo), ha posto in merito alla questione dei lotti di Casabianca. La provocazione, qual’ora l’intento fosse stato quello, non mi appartiene e la lascio a chi la fa di professione. L’approfondimento invece si. Sui lotti di Casabianca la posizione, del PRC Circolo di Fermo e non di Benni come ex consigliere è chiara da tempo ed espressa in tutti i contesti. In primo luogo il rispetto delle norme vigenti, senza tentennamenti o cessioni al privato. Dimostrare debolezza, come è successo è stato fatale. Quelle aree diventano appetibili solo se trasformate in residenza. Ecco, allora, il ruolo fondamentale di guida della politica e di chi governa i processi di pianificazione che è quello di non cedere di un millimetro davanti agli interessi, prioritari, della collettività rispetto a quello di pochi e noti. Partire da una situazione di forza e non di accondiscendenza, per ottenere quello che Giulia chiama l’interesse pubblico è fondamentale, richiamato anche dall’ultima modifica al DPR 380/01 sulle varianti urbanistiche. Non esistono diritti acquisiti dopo che, su una lottizzazione di oltre 50 anni, con gli unici 4 lotti rimasti a destinazione alberghiera, sono stati rilasciate, decadute e rinnovate per ben tre volte le autorizzazioni necessarie. Chi dice questo ha interessi contrapposti a quelli dei cittadini, Nessuno diritto leso, anzi chi è lesa è proprio la collettività ed il decoro pubblico che da diversi anni vede nelle quattro aree mastodontiche gru, inutilizzate e messe a guardia di aspettative mai sopite. La strada maestra per quei lotti, se la politica vuole riacquistare credibilità era ed è la riprovazione del piano attuativo, destinando parte delle aree a verde pubblico e parte ad attrezzature a servizio del quartiere. Questa era e rimane la posizione dei compagni del PRC di Fermo. Stesso discorso vale per il problema di Via Respighi. I miei interventi fatti sulla stampa ed in una conferenza stampa di qualche tempo fa vanno verso l’unica direzione possibile e praticabile. In primo luogo occorre conoscere bene quanto di quello realizzato è conforme alla norma vigente, per poi applicare il dettato normativo. Annullamento dei Permessi di Costruire, demolizione delle opere, eventualmente difformi e come ultima possibilità, la fiscalizzazione delle opere difformi. Questo è quello che la norma prevede e non il PRC. Scorciatoie, come ho letto recentemente, sono solo frutto di fantasiose ricostruzioni dei fatti che hanno l’unico scopo di complicare ulteriormente una vicenda che rischia di finire, nel tipico gioco Italiano. La PRESCRIZIONE dal punto di vista penale con conseguenti gravissimi danni, anche economici, per la collettività per i ritardi con cui l’amministrazione ha sempre affrontato la tematica. Aspettare le decisioni della Procura è l’attestazione del fallimento della politica e della buona amministrazione. Si ha più la sensazione di affidarsi ad altri per proprie incapacità che avere chiara la problematica da affrontare. Scusandomi per una intromissione non voluta da me, ma richiesta dal sig. Brenna e sperando di aver chiarito la posizione dei compagni dell’allora circolo di Fermo saluto cordialmente, giorgio benni
  • Torresi coraggiosa parla di confisca dell'immobile

    20-05-2015 21:16 - #12
    La confisca potrebbe essere una possibilità per chiudere le diatribe su via Respighi e l'utilizzo dell'immobile per fini sociali lo trovo auspicabile, magari nuove case popolari
  • mendicante

    20-05-2015 19:26 - #11
    Mi risulta geometra, non dottore. Deves'essere un problema dei Torresi (sia ben chiaro, non mi frega nulla)...
  • La verità fa male!!!!

    20-05-2015 19:05 - #10
    Dai commenti che leggo si vede proprio che la verità fa male a qualcuno. I commenti finora non entrano nel merito di quello che dice Giulia Torresi per il semplice motivo che non c'è nulla da eccepire a quanto scritto. Continuate a nascondervi dietro a nickname fasulli per difendere l'indifendibile, spaventati dal fatto che perderete le elezioni, tanto la giustizia farà il suo corso.
  • QUELLI DI ROSSI, QUELLI DEL NO, QUELLI CHE BLOCCANO LE AMMINISTRAZIONI

    20-05-2015 18:37 - #9
    ECCOLI I SIGNORI DEL NO A TUTTO, QUELLI CHE TENGONO LE AMMINISTRAZIONI X LE P....., CHE FANNO GLI AMBIENTALISTI A CRINALI ALTERNI, CHE SONO DELLA SINISTRA ESTREMA DURA E PURA, QUELLA DEI SALOTTI BUONI E DEI GARANTITI, QUELLI CHE HANNO ESPRESSO UN ASSESSORE ALL'URBANISTICA (PERALTRO CONLO STESSO COGNOME DEL CANDIDATO SINDACO) CHE HA TENUTA FERMO FERMA.SE VOTATE ROSSI AVRETE QUESTI= NO, NO POI NO MA ANCHE NO.SI MA CHE PROPONETE???????FATECELO SAPERE OLTRECHE CRITICARE!! ANARCHICI IN PULLOVER
  • giorgio

    20-05-2015 18:10 - #8
    Una senplice domanda, il candidato Torresi e' architetto o geometra? Stavolta il consiglio comunale e' un miraggio.
  • roberto

    20-05-2015 17:54 - #7
    Dell'ex consigliere Torresi mi ricordo solo la polemica perchè aveva votato in consiglio, dopo essere uscita dal Partito Democratico, una variante per i parcheggi del cinema a Campiglione posti in una zona a ridosso del fiume, passibile di innondazione. Questa è l'unica cosa che mi ricordo, pochino mi sembra.
  • Luca

    20-05-2015 17:15 - #6
    mi auguro per la città che la signora Giulia Torresi rimanga un ex amministratore, perchè tante chiacchiere, retorica a piene mani ma in 4 anni nessun valido contributo alla collettività. C'è chi tenta anche con fatica di risolvere i problemi e c'è chi parla, parla, e non combina niente.
  • Domenico Brenna

    20-05-2015 16:51 - #5
    Dott.ssa Torresi, mi delude, dopo la critica ci dovrebbe essere la proposta, non crede? Nel suo interventi tutto ha detto, per altro scontato e già detto da altri, ma nulla di quello che il suo candidato e la sua lista vuole fare di queste importanti problematiche, Casabianca e Via Respighi. Spero di non ricordare male ma anche in Consiglio Comunale lei non ha mai avanzato soluzioni, ipotesi sul tema è rimasta, per così dire in attesa degli eventi. Ora, sperando di ricordare bene, l'ex Consigliere del PRC Benni, invece, proponeva per i lotti di Casabianca una variante urbanistica per farli ritornare aree pubbliche, in quanto qualsiasi edificazione avrebbe aggravato la già precaria situazione dell’area priva degli spazi vitali sufficienti a garantire, soprattutto durante il periodo estivo una accettabile vivibilità. Strada, questa, mai seguita e presa in considerazione da nessuna forza politica preferendo tutti, per la risoluzione del problema, assecondare il volere privato. Residenze anziché Alberghi. Mentre per, l’altra questione di Via Respighi, ricordo la conferenza stampa di qualche tempo fa, dove, sempre Benni ed altri tecnici, sostenevano che il primo obbligo dell'amministrazione era quello quantificare le volumetrie e le opere realizzate in maniera non corretta rispetto alle norme vigenti e non già alle Concessioni Edilizie o come si chiamano oggi Permessi di Costruire rilasciati. Differenza non da poco e poi, eventualmente, annullare gli atti rilasciati del Comune e ordinare la demolizione delle parti non conformi. Questa a grandi linee la strada indicata. La fiscalizzazione di cui parla oggi Zacheo era data come ultima ipotesi di un processo tecnico amministrativo molto più complesso. Questo appare, il quadro della situazione rileggendo gli articoli del tempo. Aggiungo che, sempre secondo quanto riportato in quella conferenza stampa, i ruoli della Magistratura e del Comune erano completamente autonomi ed indipendenti e che ciascuno poteva svolgere autonomamente il proprio compito a prescindere delle scelte fatte dall'altro organo e non come da lei detto. Ora non so se Benni sia ancora del PRC o se non faccia più parte del vostro partito ma una cosa è certa, l'allora PRC indicò chiaramente una via da seguire per risolvere i problemi, giusta o sbagliata non spetta a me giudicarlo da semplice cittadino,ma solo di prenderne atto, mentre l'attuale candidato Rossi, che credo sia sempre del PRC, nulla ha detto sul tema. Manca la proposta esplicita e chiara. Zacheò pur con tutte le contraddizioni ha avanzato la sua idea e quella del PD. La sinistra, quella che aspira a governare la città no, perché?
  • mendicante

    20-05-2015 16:25 - #4
    Questa è una ex del PD che si è recata dal notaioper far cadere la giunta Brambatti, e go detto tutto...
  • alberto

    20-05-2015 16:09 - #3
    Cicli e ricicli, la Torresi si era candidata con il PD appoggiando la Brambatti, eletta, fuoriuscita dal PD ma continuava a votare con la maggioranza e per l'ex sindaco Nella Brambatti, ora all'estrema sinistra con il candidato Rossi, bel percorso, appunto, cicli e ricicli. Vorrei sapere cosa ha fatto lei negli ultimi 4 anni in consiglio comunale, ma non si sente di aver partecipato attivamente al declino della città? Il bel sermone molto opinabile che ci ha sottoposto, se lo poteva anche risparmiare perchè è il suo punto di vista, che francamente lo trovo molto di parte, una sviolinata rivolta agli ambientalisti??????????? per fare voti ???????????????
  • azzeccagarbugli

    20-05-2015 15:27 - #2
    Solo critiche, sempre critiche. Diteci finalmente che volete fare voi a Casabianca e per via Respighi, però diteci anche quali norme volete applicare per fare quello che dite, se ce lo dite finalmente. Sennò state zitti, di chiacchieroni a vuoto ne abbiamo piene le p....e. Almeno Zacheo ha detto pubblicamente e chiaramente da dove vuole cominciare e che vuole trovare l'accordo con i cittadini. Basta chiacchiere Torresi volete lasciare tutto com'è, i cittadini si sono stufati, avanti chi si prende le responsabilità e parla chiaro, a casa chi sa solo criticare
  • fabio

    20-05-2015 14:08 - #1
    L'ondivaga torresi non ha votato fino all'ultimo in consiglio comunale per la brambatti compresa la variante dei parcheggi smatati del cinema a campiglione? Non e' la stessa che e' in condizioni di inelleggibilita' anche questa volta per un contenzioso legato alla sua professionw che la vede contrapposta al comune? Come superera' il problema questa volta,(.) Eh sti architetti....ha ragione catalini, fuori dal comune e niente rotazioni ai dirigenti, a sentirvi parlare ruotano vorticosamente solo quelle....la tua presa di posizione sulle vicende giudiziarie mi sa tanto di guerra tra bande di architetti: chi la fa l'aspetti.....
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications