Politica
Fermo al voto. Lotti di Casabianca. La coalizione di Zacheo attacca: "Approssimazione e polemica. Da noi, invece, soluzione celere e vantaggiosa"

"Comprensibile - scrive in una nota la coalizione a sostegno del candidato sindaco Pasquale Zacheo - l’intento di intervenire in campagna elettorale su una vicenda importante che si trascina da decenni com’è quella dei lotti di Casabianca. Purtroppo, occorre sottolineare l’approssimazione e l’evidente vis polemica con cui l’argomento viene trattato da alcuni, perdendo di vista l’obiettivo finale che è quello di una soluzione celere e vantaggiosa per la comunità di Casabianca e per l’intera città".

Fermo al voto. Lotti di Casabianca. La coalizione di Zacheo attacca:

"In questa logica si è mossa la coalizione guidata dal candidato sindaco Zacheo che, domenica scorsa, ha voluto presentare una proposta per provare a risolvere l’annosa questione. L’idea ruota intorno all’ipotesi di una significativa riduzione in termini di metri cubi rispetto all’ipotesi originaria: 28.000 invece degli iniziali 51.000. Prevede inoltre la possibilità di trasformare alcuni lotti in residenziali e commerciali lasciando soltanto un’area destinata ad uso alberghiero. Infine rilevanti sono gli interventi compensativi per la cittadinanza con una riqualificazione complessiva dell’area. Ma ciò che più conta è la filosofia che sottende al progetto: non è un intervento il cui impatto si riferisce al mero quartiere di Lido Casabianca ma riguarda invece tutta la città con una idea di valorizzazione dell’intero litorale fermano. Un’idea che non può prescindere oltre che, ovviamente, da un confronto con la proprietà, da una logica partecipativa con i cittadini, gli operatori, etc… È un progetto integrato in cui è previsto che metà di ogni singolo lotto sia lasciato nella disponibilità del pubblico, condizione questa che consentirà alla comunità di disporre di ulteriori aree qualificate in aggiunta alle opere compensative. “Una proposta innovativa, intelligente, aperta” commenta Zacheo “in linea con la nostra idea di costruire prospettive di sviluppo sostenibile per la città, sul piano urbanistico e non. Trovo completamente infondate le approssimative supposizioni di chi sostiene che le proposte presentate siano state studiate in funzione del piano economico dei privati e, dunque, senza salvaguardare l’interesse pubblico. Invito gli stessi a documentarsi o semplicemente assistere ai dibattiti pubblici nei quartieri come fatto, per altro, da altri candidati in altre liste. Noi vogliamo essere trasparenti e disponibili al confronto. In ogni caso - prosegue Zacheo - questa ipotesi andrà discussa con i proprietari dei lotti e con i residenti. Mi aspetterei, anziché la sterile polemica, un confronto aperto su proposte alternative ed altrettanto concrete. Quanto poi al collegamento con la vicenda di via Respighi, il riferimento da taluni fatto al «mercanteggiare», riferito al sottoscritto, è offensivo oltreché fuori luogo. Ma si comprende il livore di chi non ha argomenti se non l’offesa. Noi, rispetto agli altri, cerchiamo di dare risposte concrete con soluzioni efficaci, immediate e comunque a vantaggio della comunità ovvero nel pieno perseguimento dell’interesse pubblico”.

 

Letture:2233
Data pubblicazione : 21/05/2015 10:22
Scritto da : redazione
Commenti dei lettori
4 commenti presenti
  • paolo

    21-05-2015 18:22 - #4
    ZACHEO COME BERLUSCONI O RENZI......RISOLVE TUTTO!!!!
  • Isabella

    21-05-2015 17:25 - #3
    Chi offende è perchè non ha altri argomenti da portare avanti e teme fortemente che Zacheo quale perrsona attiva ed in grado di fare, capace anche dii ascoltare veramente la gente fermana, possa concretamente dare una soluzione.
  • Giuseppe Morresi

    21-05-2015 11:37 - #2
    Zacheo...Zacheo..anche Di Ruscio avrebbe detto le sue identiche parole, per giustificare scelte che oggi non hanno senso. Mi deve spiegare per quale motivo il PD, che lei rappresenta, sarebbe migliore di Forza Italia..facce della stessa, brutta, medaglia a mio giudizio e dove la copertura dell'interesse pubblico diventa il grimaldello per giustificare scelte che di sociale non hanno nulla. Vede Zacheo non è secondario come sostiene lei la destinazione da dare ai lotti, perché forse le sfugge che la soluzione che lei propone contrasta con il piano di lottizzazione che prevede solo alberghi. Quale sarebbe l'urgenza di fare altri volumi residenziali che renderebbero ulteriori problemi alla già precaria situazione? ... Un albergo ha scarso valore commerciale, visto il luogo, i costi di realizzazione e di gestione e le condizioni economiche attuali. Sa quanto renderebbe invece l'operazione commerciale, che lei sponsorizza, al privato? all'incirca 32 milioni di euro lordi e netti circa 16 milioni e con case che saranno ad uso esclusivo di chi deve reinvestire i soldi dei profitti non sempre chiari e trasparenti ... Se vuole essere corretto, come ambisce ad essere, proponga alla proprietà che quegli immobili siano destinati a giovani coppie, che non possono sposarsi a prezzi concordati e con un valore max di €. 1800/2000 al mq. o all'Edilizia Residenziale Pubblica !!! Ecco, anche se la scelta di realizzare volumi in qui lotti non è condivisibile, almeno così avrebbe tutto il diritto di parlare di una vera e propria scelta di chiara impronta sociale. E' vero lei ha scelto la strada più facile quella di seguire il passato. Rastelli ha ragione che differenza passa tra la proposta del PD e quella fatta dall'allora PDL nessuna o meglio solo una L, che oggi è un semplice dettaglio. Zacheo forse pensava che fare politica fosse come comandare una legione di carabinieri ma non è così, quì la gestione della cosa pubblica ha mille sfaccettature e non sempre i suggeritori sono all'altezza della situazione.
  • minima moralia

    21-05-2015 11:28 - #1
    Primo specchietto per le allodole: "riduzione di metri cubi rispetto all'ipotesi originaria 28.000 al posto di 51.000." Ma di quale riduzione parlano? Tutti sanno che se rimane la destinazione alberghiera, sui quattro lotti non si costruirà mai niente. Se non si sono costruiti gli alberghi in quarantanni all'epoca del turismo di massa al mare, figuriamoci adesso che tutti gli alberghi della costa adriatica sono in crisi. Secondo specchietto: "Rilevanti sono gli interventi compensativi per la cittadinanza." Hanno stabilito esattamente le volumetrie da trasformare in appartamenti e negozi. Una colata di 28.000 metri cubi di cemento sopra un quartiere già completamente edificato. Quindi dovrebbero sapere esattamente quanto il privato viene a guadagnare grazie a questa Variante urbanistica. Si tratta certamente di molti milioni di euro. Perchè non ci dicono chiaramente quanto guadagnerebbe il privato e quanto verrebbe loro richiesto di valore in opere compensative ? Quando Massimo Rossi era Presidente della Provincia promulgò le linee guida per le variante urbanistiche approvate con l'accordo di programma che prevedeva un minimo di opere compensative pari alla metà dell'aumento di valore conseguito dal privato con la Variante proposta. Se si rispettasse tale principio le opere pubbliche compensative sarebbero tante da riqualificare completamente l'intero quartiere ed oltre con attrezzature sportive, aree verdi, centri sociali, ecc.. Invece su tale aspetto fondamentale Zacheo resta zitto, anzi come è stato riportato nell'articolo precedente apparso su Informazione TV, dopo aver elencato sei possibili opere compensative dice testualmente: "su tali opere si dovrà scegliere in base al piano economico dei privati". Appare chiaro quindi che ancora una volta viene subordinato l'interesse pubblico a quello dei privati. L'intenzione della coalizione di Zacheo appare evidente: l'ennesima colata di cemento in Variante al Piano regolatore per favorire i privati in cambio di un piatto di lenticchie per poter rabbonire l'opinione pubblica.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications