Politica
Fermo. Pasquale Zacheo: “La Giunta Calcinaro è illegittima. Violata la legge che prescrive tassativamente il rispetto della parità di genere”. E solleva l'incompatibilità di Francesco Trasatti

“La Giunta Calcinaro è illegittima, e questo è ormai noto a tutti. E’ stata violata la legge N.56/2014 che prescrive tassativamente il rispetto della parità di genere. I TAR nazionali, in cinque casi su cinque nel 2015, hanno già dichiarato illegittime le giunte comunali che non rispettavano la legge, disponendo l’annullamento della nomina”. Così il capogruppo di Io Scelgo Fermo Pasquale Zacheo, in merito all'amministrazione Calcinaro.

 Fermo. Pasquale Zacheo: “La Giunta Calcinaro è illegittima. Violata la legge che prescrive tassativamente il rispetto della parità di genere”. E solleva l'incompatibilità di Francesco Trasatti

Pasquale Zacheo che spiega: “Stessa sorte, dunque, potrebbe a breve prospettarsi per la giunta appena nominata, con conseguenze politiche ed amministrative ovviamente gravi per la città. Ma non è tutto. Al di là del fatto formale riconducibile alla violazione della legge, in questi giorni, abbiamo registrato un episodio dai contorni davvero surreali, che segna il pressapochismo e la scarsa sensibilità istituzionale della compagine di governo cittadino”.

La nota ufficiale del capogruppo di Io Scelgo Fermo prosegue: “Nei giorni scorsi, l’assessore al personale Trasatti, riunendo i dipendenti del Comune e le rappresentanze sindacali, pare non si sia reso conto della sua manifesta incompatibilità. Infatti, controparte nella riunione, la madre, dipendente e rappresentante sindacale. Come se nulla fosse, lo stesso assessore ha affrontato la discussione come se stesse a casa. Tra l’imbarazzo dei molti presenti, lo stesso non ha avvertito alcun disagio nel dialogare con la madre nella sua veste di dipendente/rappresentante sindacale. Come si possono conciliare due ruoli che dovrebbero quantomeno essere contrapposti, visto che tutelano diverse posizioni e diversi interessi? Come possono sentirsi tutelati i dipendenti sindacalmente rappresentati nelle loro legittime rivendicazioni? Sono domande che riteniamo di rivolgere allo stesso assessore Trasatti ed al sindaco Calcinaro, sperando che sappiano risolvere l’imbarazzante questione, magari rivedendo la distribuzione delle deleghe. Non si può incorrere in errori così grossolani. La città di Fermo merita diversa sensibilità istituzionale e molta più competenza”.

Letture:6244
Data pubblicazione : 11/07/2015 13:23
Scritto da : Paolo Paoletti
Commenti dei lettori
15 commenti presenti
  • Massimiliano Turigliatto

    15-07-2015 22:35 - #15
    Bertoldo 15 ha sentito "luminari", termine da non confondere con luminarie, politici che hanno sentenziato "giunte senza quote rosa sono illegittime", manco a farlo apposta il Sole 24 ore, noto giornale estremista di Confindustria e sempre vicino al potere scrive " Legge 56/2014" basta anche la presenza di una donna nella giunta e la formazione è legittima. Ora per dirla tutta, la questione è controversa e ciascuno si sente dalla parte della ragione. Concordo con San Tommaso, le leggi sono scritte da cani ed il senso va capito ed interpretato. E' evidente che se il Sindaco giustifica l'impossibilità di rispettare la norma non c'è TAR o Consiglio di Stato che tengano. Le giunte sono legittime. Ora, Zacheo e Bertoldo che ragionano all'unisono sanno benissimo che la loro più che certezza è il tentativo di destabilizzare i "baldi giovani" eletti democraticamente(.). Possiamo dirlo, ci hanno provato ma gli è andata male. Ma, attenzione Calcinaro e C (.)ci sono altri, molti cittadini, che, rispetto a qualche scelta assessorile, importante, nutrono dubbi e perplessità sulle persone scelte. Forse Zacheo da buon Consigliere Comunale farebbe bene a puntare l'attenzione, su questi personaggi che, stando ai bene informati, non sono certo quello che la città si aspettava. Per carità tutto smentibile dai fatti e dagli atti che verranno messi in campo,..... però, però occorre fare attenzione, molta attenzione per evitare disastri prossimi venturi. Nella pubblica amministrazione ci sono settori che per le loro implicazioni politiche e sociali, non possono essere messe in mano al primo venuto, (.) Quindi, occhio, Zacheo, a cui suggerisco battaglie più nobili per l'opposizione, ed occhio Calcinaro Sindaco a cui suggerisco di porre attenzione, molta attenzione a settori che non possono essere lasciati all'improvvisazione (.). A buon intenditor poche parole....!!!
  • Carlo

    15-07-2015 20:23 - #14
    Interpretiamo, ecc comunque il fatto è che nella giunta ci sono poche donne (gli assessori sono nominati dal sindaco e li può chiamare anche se non eletti in consiglio). Il problema è politico... di opportunità, diciamo di buon gusto... delle donne capaci se voleva le trovava...
  • azzeccagarbugli

    15-07-2015 18:17 - #13
    Tommasino guarda che Bertoldo ha ragione, la legge dice esattamente quello che ha scritto e non lo dice nemmeno fumosamente, stavolta è scritta chiara e semplice che la capisce anche un bambino delle elementari. E siccome lu patreternu è justu, ci sta pure la sentenza del Tar che dice che la legge è cogente e vincolante. Vanne la scola coccu.
  • San Tommaso D'Acquino

    15-07-2015 16:43 - #12
    Ammettiamo per un secondo che Bertoldo 15 dall'alto della sua "saggezza contadina" abbia ragione, ma la legge non dice quello che dice il buon Bertoldo....anzi ben altro.....Ma ammesso che abbia ragione ci troveremmo nell'assurdo che in caso di non disponibilità di nessuna delle elette a ricoprire la carica assessorile, Calcinaro, si dovrebbe, dopo aver preso 10000 voti dimettere perché non riesce a formare una giunta dove mancano le quota rosa che Bertoldo sostiene come norma vincolante e cogente......!!!!! Arriveremo al paradosso che una amministrazione pur eletta democraticamente non possa governare perché non trova quote rosa....!!!! Caro Bertoldo siamo all'assurdo nel suo ragionamento. E' vero la legge è legge e come tale va applicata ed anche, però, interpretata ed è per questo che, in Italia ci sono i giudici ed i tribunali, poi i TAR, poi i Consigli di Stato ed infine la Corte Costituzionale, tutti nati per interpretare la norma che, come spesso accade è scritta da "cani". Organismi, questi, che spesso danno interpretazioni contrastanti rispetto al contenuto della norma stessa. Quale è l'interpretazione giusta? Sicuramente quella del buon Bertoldo o quella di chi è nato per interpretare? . Siamo la patria del diritto e dell'interpretazione.....!!!! Allora, caro Bertoldo quale è la legge perfetta per lei ? Quella che lei interpreta a suo insindacabile giudizio o forse quella ben più attinente alla logica ed al buon senso che il legislatore voleva dare?. Obbligare qualcuno a fare qualcosa non tassativa è solo il frutto di menti poco avvezze all'elasticità mentale tipico atteggiamento di indottrinamento militarculturale che spesso porta a giudicare sbagliati gli atteggiamenti degli altri anche quando questi sono frutto di una semplice e pura logica di ragionamento. Ma qui entreremo in un campo difficilissimo per alcune categorie che fanno della presunzione il loro modus vivendi... ed allora è giusto abbandonarli al loro destino...in fondo se siamo a questo oggi a Fermo un motivo ci sarà pure o no ...????!!!
  • bertoldo 15

    15-07-2015 12:16 - #11
    Per la "vexata questio" Bertoldo,nella sua saggezza contadina e prima di scrivere,ha chiesto a chi si intendeva di legge,di dare un parere.All'unanimità hanno detto: la legge del Rio prevede,con assai restrittive deroghe,che le giunte comunali di paesi con più di 3000 ab.DEVONO avere almeno il 40% di genere,contandoci pure il sindaco.Nè la circolare esplicativa può essere più chiara al riguardo.Nè vale lo Statuto Comunale perché ha valore meno "cogente" di una legge dello Stato.Dunque,sotto questo profilo,la Giunta non è legale.Dice:occupiamoci di cose più serie.Beroldo si chiede.c'è qulcosa di più serio della legalità?Il cui rispetto,senza deroghe,comporta di attenersi alle regole,TUTTE.Infatti,altrimenti,non si esce più dal costume di lassismo,.superficialità tipico di tanti italiani.Che apettano la Magistratura per far rispettare la legge,e non si educano mai.Sono quelli che dicono:una dipendente(di qualsiasi struttura) ha fatto una telefonata alla parrucchiera dal proprio ufficio? pensiamo a cose più serie! Senza contare che quello è peculato.Un altro dipendente esce 15 m' a fare la spesa con il cartellino timbrato?pensiamo a cose più serie!..Senza contare che quella è frode allo Stato! E così via fino ad arrivare:la Giunta può,per un motivo anche "ridicolo",essere fuori legge? Pensiamo a cose più serie!Senza contare che,se acclarato,le delibere possono essere in nullità.A tutti quelli che ragionano con il concetto di legalità relativa Bertoldo consiglia il motto di Renzo Arbore:meditat,gente,meditate!e
  • Erasmo da Rotterdam

    13-07-2015 17:07 - #10
    Sig. Zacheo, in confronto a lei Comunardo Niccolai era un dilettante dell'autogol. E' evidente non ha assorbito la "tranvata" politica che si è in parte causato da solo e l'altra parte grazie ad un PD che, in fase di rinnovamento ha nominato due "baldi giovani" alla guida del partito, nuovi di zecca. E' come dire, le cose vanno male in Italia richiamiamo Andretti e Cossiga per risolverle...!!!! Zacheo, al di la della sua poca propensione alla politica, è evidente che uno dei suoi grandi limiti è stato il partito a cui si è affidato, il PD. Partito allo sbando a livello nazionale ed in fase di estinzione a livello locale. Squali e squaletti (..) sono entrati in scena ed a lei non è rimasto che giocare sull'effimero delle incompatibilità e parlare di genere. Ben poca cosa per chi aveva promesso battaglia/e su temi importanti. Nulla ...! Non lo abbiamo mai visto impegnato in discussioni politiche serie e che riguardano i temi veri di questa città. Le cose sono due. O Calcinaro sta lavorando bene o lei non svolge bene il suo ruolo. Si decida e decida come fare opposizione o sull'effimero o su fatti seri e concreti, poi ne possiamo riparlare. Richlieu fondava il suo agire politico su cinque principi...."Simula, dissimula, loda tutti, non dire mai la verità, non credere a nessuno"....Per Lei, invece, quali sono i principi ispiratori del suo agire politico..." Dopo i trenta gloriosi ci troviamo con gli ingloriosi del PD e liste civiche a dover commentare il declino e la fine della politica nella nostra città....!!!
  • Luca

    13-07-2015 11:28 - #9
    Zacheo perchè non punti il dito sul finto nuovo di Calcinaro e Trasatti, anni in amministrazione con la Brambatti e ci dicono di voler fare piazza pulita, ma per paradosso dovrebbero cominciare con loro stessi. Perchè non punti il dito su di una giunta formata da persone inesperte in amministrazione che non danno garanzie di una buona riuscita, donne e uomini ma qual'è la differenza. Ti perdi in un bicchiere d'acqua e vorrei che rispondessi alle affermazioni del tuo collega consigliere del PD Malvatani, che dal suo intervento mi è sembrato voler prendere le distanze da te e ha fatto una sviolinata a Calcinaro, che l'avevi pure indicato come assessore se avessi vinto le elezioni. Se non sciogli i tanti dubbi sul tuo rapporto con il PD, ti troverai sempre in difficoltà e non sarai in grado di fare una sana e forte opposizione.
  • francesco

    12-07-2015 17:11 - #8
    Sig. Zaccheo pensa a cose piu serie e accetta la sconfitta.
  • blond

    12-07-2015 07:15 - #7
    Siamo veramente alla frutta! Dottor Zacheo invece di immergersi nel formalismo (.), che porta solo al nulla, cominci a lavorare mettedosi a servizio dei cittadini di Fermo che l'hanno accolta e votata, lasci il perbenismo a casa e guardi ai fatti. la città è stanca delle chiacchiere, passiamo ai fatti, basta con tutte queste (.) che ingessano il fare, basta con questa visione ideale di un mondo che in realtà non c'è, il genere che cos'è il genere:(.) di chi nasconde le vera realtà. Solo formalismi , hanno anche fatto le leggi, ma in realtà tutto è peggio di prima lavorate per migliorare una situazione disperata, mettetevi tutti a fare, basta parole vogliamo fatti concreti, altrimenti state a casa a vedere la tv.
  • giustoprocesso

    12-07-2015 04:47 - #6
    La questione della madre di Trasatti e' (.) pretestuosa. Se Trasatti a causa del legame famigliare ha violato doveri d'ufficio o comunque danneggiato qualcuno che Zacheo lo dica chiaro e tondo. Se no, si risparmi queste uscite pretestuose e di cattivo gusto. I militari dovrebbero rimanere tali. In politica non sono adatti.
  • Fabio Petrini

    11-07-2015 22:45 - #5
    Ho fatto una piccola ricerca e a quanto mi risulta le sentenze dei TAR citate da Zacheo si riferiscono a giunte comunali in cui non c'era neanche una donna. Inoltre lo statuto del Comune di Fermo non prevede un numero preciso di assessorati guidati da donne. Quindi a mio avviso, dopo aver letto le motivazioni delle sentenze, la giunta del Sindaco Calcinaro non rientra nei casi citati da Zacheo.
  • Paolo Bartolomei

    11-07-2015 21:25 - #4
    Credo che la legge valga solo se il consiglio comunale l'ha adottata nel proprio comune, modificando lo statuto comunale, come successo nei comuni in cui sono stati presentati (e vinti) i ricorsi al TAR. A Fermo invece la modifica non è stata adottata (lo doveva fare l'amministrazione Brambatti). Peraltro l'art. 6 del TUEL recita: << Quanto alla parità di genere il Tuel prevede che gli statuti comunali stabiliscano norme per assicurare condizioni di pari opportunità tra uomo e donna e per garantire la presenza di entrambi i sessi nelle giunte >>. Come tante altre leggi fatte con i piedi in Italia, se non prevedi un termine per l'obbligo e soprattutto una sanzione, la legge può essere non attuata e restare lettera morta. I comuni che hanno modificato lo Statuto lo hanno fatto solo per libera scelta o per senso civico. Superfluo dire che si tratta dell'ennesima buccia di banana su cui scivola il buon Zacheo (dopo quelle di Borsellino, degli SMS e dell'incompatibilità di Rossi per soli 3mila euro...). Quali e quante altre amenità dovremo leggere ancora nei prossimi mesi prima che l'opposizione cominci a lavorare ai problemi della città? mah...
  • franco

    11-07-2015 20:17 - #3
    zacheo assomiglia (.) ad agostini andrea sconfitto a porto san giorgio. sarà il caso che qualcuno gli spieghi come si affronta una sconfitta e come si fa un opposizione intelligente. prima si sta zitti per almeno 3 mesi durante i quali, spero, i suoi sponsors piddini cercheranno di farlo tornare da dove è venuto. ma, se ancora in consiglio, si propongono delle soluzioni alternative e magari migliori in merito alle scelte della giunta. senza sbracciarsi tanto. perchè così non agevola il compito degli iscritti pd che hanno delle gatte non facili da pelare e ingoiare. o vuole fare il prossimo segretario pd a fermo? non sarebbe strano considerato il brancolare di questo partito! no, aspettano solo il nuovo partito di sx per dividersi, calma zacheo.
  • Arbace Santarelli

    11-07-2015 17:39 - #2
    Art. 1 della legge 56/2014 : la presente legge detta disposizioni in materia di città metropolitane, province, unioni e fusioni di comuni al fine di adeguare il loro ordinamento ai principi di sussidiarietà, differenziazione e adeguatezza. Art.27: Nelle liste nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura superiore al 60 per cento del numero dei candidati. Cosa c'entra questa legge con la Città di Fermo e la Giunta Calcinaro ?
  • SCONTATO....

    11-07-2015 16:02 - #1
    Immaginavo che il problema sarebbe emerso, era lampante....
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications