Politica
Massimo Rossi replica duramente alle critiche del Pd per quanto riguarda la rivalutazione dell'Ex Mercato Coperto: "Opportuno chiarire il suo valore strategico"

Non le manda di certo a dire Massimo Rossi che ha risposto alle varie critiche per quanto riguarda la questione inerente l'ex Mercato Coperto di Fermo. Un intervento che incomincia così: "Siccome sembra che non ci si capisca, o forse, in particolare da parte del PD, si fa finta di non capire, riteniamo opportuno chiarire che è proprio la consapevolezza del valore strategico dell’ex mercato coperto, nel quadro di un progetto innovativo di rilancio della città, che ci porta ad insistere sulla necessità di cogliere la straordinaria opportunità di ottenere fra meno di due anni, a spese dell’Agenzia delle entrate (che si sistemerebbe nei due piani sottostanti), il piano superiore della struttura di circa 1000 mq ristrutturato e funzionale.  Pronto per essere adibito da parte del Comune a vetrina/mercato permanente ed attrattivo dei prodotti tipici, naturali, biologici e “fatti a mano” del territorio. Destinazione già contenuta, peraltro, nel nostro programma elettorale."

Massimo Rossi replica duramente alle critiche del Pd per quanto riguarda la rivalutazione dell'Ex Mercato Coperto:

Massimo Rossi che prosegue: "Ciò grazie ad un rapido e limpido project-financing, finalizzato alla ristrutturazione di tutto l'immobile. Finanza di progetto in questo caso applicabile in modo rigoroso, senza bisogno delle fallimentari acrobazie dell’era Di Ruscio. Tutte le altre ipotesi sul futuro di tale struttura sono ancora chiacchiere al vento che si aggiungono alle troppe già fatte nel passato. I tempi che corrono non consentono infatti tante fantasie... e questo ci fa temere che ipotesi diverse da questa, nella impossibilità del Comune di programmare investimenti (anche in caso di disponibilità finanziarie correnti) a causa della sciagurata stretta del patto di stabilità, rischierebbero di mettere inopinatamente in gioco parte significativa dell’immobile, svendendola a privati. Se questa è proprio l'ipotesi coltivata di chi oggi liquida con sufficienza la nostra proposta sarebbe onesto almeno dichiararlo!"

Rossi che conclude il suo intervento così: "Riteniamo quindi che la soluzione da noi avanzata, e largamente condivisa in città, non possa essere accantonata frettolosamente dall’Amministrazione Comunale, come sembra si voglia fare, anche perché dalle nostre verifiche planimetriche risultano sussistere le condizioni tecniche per soddisfare le esigenze di superficie poste dall'Agenzia delle entrate. Per non parlare poi di tutte le altre condizioni logistiche poste dal bando (parcheggi, accessibilità, flessibilità distributiva, ecc,) sicuramente migliori di qualsiasi altra soluzione tra quelle prospettate in queste ore (ex sede dell’Università dei beni culturali e dell’edificio di Piazza Dante).  Ipotesi, quest’ultime, comunque migliori rispetto all’eventualità di lasciare al "mercato" l’opportunità finanziaria “irripetibile” rappresentata dai canoni di affitto dell’Agenzia delle entrate. Perché allora non rispondere all’”Avviso di indagine di mercato immobiliare” dell’Agenzia con tutte queste ipotesi, per poi intavolare un, seppur tardivo, dialogo diretto con questo Ufficio Statale,  come si converrebbe tra due enti pubblici facenti capo alla stessa Repubblica?"

 

Letture:4899
Data pubblicazione : 05/09/2015 16:18
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
5 commenti presenti
  • Alessandro

    06-09-2015 09:57 - #5
    Avete capito chi comandera' a Fermo ? E nessuno si permetta di dissentire ! Sinistra, sinistra, sinistra. E siamo solo all'inizio. Non sognatevi di puntare su iniziative artigianali, turistiche, alimentari, commerciali o simili, DEVE ESSERE LO STATO CON SUOI UFFICI AD OCCUPARE I POSTI STRATEGICI. Inoltre, a giudicare dalle persone che circolavano ieri in piazza la rivoluzione di questa citta' e' gia' in atto. Droga libera, sesso libero, immigrazione, stato padrone. AUGURI !!!
  • Piazza Pulita

    05-09-2015 18:14 - #4
    Ribadiamo un dato oggettivo proveniente dagli uffici: piano garage e piano primo sono largamente inferiori rispetto a quanto richiesto dal bando (anche contando il mezzanino). Per poter rispondere al bando bisognerebbe sacrificare all'Agenzia delle Entrate anche quell'ultimo piano che Rossi vorrebbe, giustamente, destinato ad altri progetti. I numeri, purtroppo, sono numeri: oltre alla difficoltà di prevedere un bando e la realizzazione dei lavori in 18 mesi. Oltre a riflettere che gli affitti per quasi un ventennio andrebbero all'impresa realizzatrice in luogo del Comune (come invece accadrebbe in caso di individuazione della ex sede della facoltà di beni culturali)
  • Pasquale

    05-09-2015 17:22 - #3
    "Piazza pulita" non deve rimanere uno slogan elettorale ma deve essere il programma principale di questa amministrazione. I cittadini non hanno votato il programma, ma hanno votato l'idea di fare "piazza pulita", non possiamo, oggi vedere una continuazione della passata amministrazione.
  • Giove Pluvio

    05-09-2015 16:48 - #2
    Ma il Consigliere Rossi dove ha letto che l'Agenzia delle Entrate sistemerebbe tutto l'ex mercato coperto ? Il bando mi pare dica altro. Certo fare politica con il solo intento di fare polemica è un ben noto metodo di certa sinistra che è ancora in cerca di identità. Comunque Rossi tranquillo l'Agenzia delle Entrate resterà dove è. Quello pubblicato o solo un bando "civetta" dal titolo altisonante "ricerca di mercato" ma non di quello coperto. Si vuole far vedere che rispetto alla soluzione attuale non c'è alternativa. Figurarsi poi ristrutturare l'intero ex mercato. Certo non occorreva un politico navigato per farci sentir dire che ha trovato la soluzione. Come mai oggi la "nuova sinistra" è tanto favorevole alla finanza di progetto quando in precedenza era vista come il diavolo assoluto. O è cambiata la finanza di progetto o è cambiata la sinistra...??? Basta solo decidersi..!!
  • Pasquale

    05-09-2015 16:48 - #1
    Concordo pienamente con Rossi, purtroppo la sua lucida analisi non si verificherà a Fermo, né perderà l'intera città; il Sindaco già ha detto che non offrirà il mercato coperto all'Agenzia delle Entrate con dei pretesti che si sono rilevati infondati. Oggi scende in campo a favore del Sindaco anche il PD, forse è tornato il vecchio amore, quindi si procederà con i piani del PD sulle partecipate, con le svendite per fare cassa?
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications