Politica
Porto San Giorgio. Morese sul caso degli aumenti mensa: “Correzione di costi fatta di sottecchi e senza nulla spiegare del perchè”

“Da una parte, lavori socialmente utili per chi non riesce ad arrivare alla fine del mese, dall’altra aumento del costo della mensa scolastica per chi ha un isee superiore a 25.000 €. Praticamente un aumento per molte famiglie sangiorgesi spiazzate da una correzione di costi fatta di sottecchi e senza nulla spiegare del perchè. E’ evidente che questa amministrazione non abbia la bussola ben orientata e finisce con lo sbandare vistosamente”. Fratelli d’Italia entra nella polemica per l’aumento della mensa scolastica e lo fa per bocca del suo coordinatore cittadino Emanuele Morese.

Porto San Giorgio. Morese sul caso degli aumenti mensa: “Correzione di costi fatta di sottecchi e senza nulla spiegare del perchè”

“Nessuno si sognerebbe di attaccare la bonarietà dell’intervento per soccorrere le famiglie in difficoltà, ma è discutibilissimo il metodo con cui arrivano questi aiuti. Nessuno sapeva – continua Morese – e nessuno aveva compreso la portata di questi aumenti, ma soprattutto non c’è stato modo di parlarne e di discuterne sia in Consiglio Comunale che tra i cittadini. In questo bilancio di previsione si è parlato solo di opere pubbliche per riportare Porto San Giorgio a chissà quali antichi fasti ma nemmeno una parola per queste problematiche sociali. Le famiglie più bisognose si potevano aiutare con delle agevolazione invece di caricare tutto sulle altre famiglie? Si potevano creare più fasce limite isee per rendere più precisi gli scaloni? Meglio prendere come riferimento il reddito lordo o l’isee? Domande a cui non avremo mai risposta perché non ci è stata data la possibilità di porle. Hanno parlato di tutto, hanno buttato persino due ore per parlare di cittadinanza onoraria ai figli degli stranieri, per parlare anche del brodetto e nessun secondo speso per discutere dei figli di tutti. Un errore di comunicazione imperdonabile da parte di questa Giunta, che sorprende tutti e costringe le famiglie a pagare di più”.

Morese che aggiunge:“A nulla sono valse le assunzioni di responsabilità da parte del primo cittadino sui social, dove nel frattempo, la polemica impazza già da ore, segno ineludibile che la questione ha interessato molti.Quando parlavamo di un Consiglio Comunale divenuto passa carte della Giunta di centro-sinistra intendevamo questa assenza di dialogo con i cittadini e le opposizioni per far fronte a queste situazioni che, sia ben inteso, riguardano un po’ tutte le amministrazioni locali. Il sindaco blocchi d’emergenza il provvedimento e convochi una riunione con i rappresentanti delle scuole e indica subito un’assemblea comunale sulla questione. Meno pubblicità su vendite di immobili pubblici, mercatini, vongole, opere acchiappavoti e più vicinanza ai problemi dei cittadini, sia quelli con reddito basso sia quelli con reddito normale”.

Letture:5524
Data pubblicazione : 18/09/2015 15:31
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • Morese

    18-09-2015 20:12 - #2
    Grazie Fra, apprezzo molto lo sputo riflessivo e la volontà di non fare polemica. Purtroppo avevo un impegno e sono arrivato appena ho potuto perchè di solito i consigli comunali si fanno di giovedì (ricordando a chi non lo sapesse che comunque non sono un consigliere comunale). Nessuno vuole discutere la bonarietá dell'intento di aiutare chi ha più bisogno, stupisce la metodologia. Il provvedimento, apprendo dai social, è stato messo in essere ad agosto, ma sembra che nessuno tra rappresentanti dei genitori, genitori e dirigente scolastica sapesse nulla. Secondo me questa cosa si poteva discutere in un punto specifico all'ordine del giorno così da dare risalto alla questione. Purtroppo invece nel consiglio comunale non si può discutere, si vota solo quello che la maggiornaza ha deciso unilateralmente. Per mio modo di vedere le cose, dovrebbe finire questa metodologia di aumentare a qualcuno per dimunuire agli altri, specie a fronte di due milioni di opere pubbliche. Sul fatto che non sono stati previsti soldi per allagamenti e sicurezza la rimando a quanto abbiamo scritto a seguito di attento studio del bilancio. Lo sapeva che non è previsto un centesimo per aiutare chi è in cerca di lavoro? Se ne poteva discutere ma non c'è stata possibilità. Sono contento che tutti analizzino le tematiche (nel suo caso le politiche sociali) di PSG. Fare politica è così, informarsi ed impegnarsi a migliorare le cose. La prossima volta che mi vede in consiglio mi fermi, così ci conosciamo!
  • Fra

    18-09-2015 17:03 - #1
    Mi scusi Emanuele, non è per polemizzare, ma per senso della verità: l'ho vista arrivare al Consiglio comunale del 14/9 scorso, in cui si è trattato di bilancio, parecchio dopo l'orario di inizio, quando gli assessori Bisonni, Gramegna, Ciabattoni, per i quali non ho una spiccata simpatia, avevano già illustrato le opere sociali compiute dall'amministrazione e non contestate perché incontestabili da nessuno dell'opposizione(vedere Del Vecchio, Agostini, Bragagnolo)....Io stessa, sbagliando, asserivo che con il loro criterio di selezione(ISEE e numero di componenti di un nucleo famigliare)si sarebbe andati ad agevolare le famiglie straniere nella graduatoria per il nido, ma, avendo fatto le opportune verifiche, ero in errore. Un aumento della mensa ci sta e non è rilevante, nessuna famiglia vedrà il bilancio interno minato da ciò, oltretutto la tariffa è un po' più bassa per chi ha più figli in età scolare e non dimentichiamo che chi è veramente nel bisogno, con i dovuti criteri, è sostenuto dal comune......non voglio dilungarmi ma all'occorrenza sono disponibile per delucidazioni proprio perché io stessa sto cercando di controllare come operino i servizi sociali a P.S.G. e.....c'è poco da dire....su altri punti, c'è molto da attaccare...Del Vecchio docet e nessuno fiata alle sue considerazioni, tipo l'indecenza di un paese che si allaga con 10 minuti di pioggia....
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications