Politica
“L’Amministrazione regionale alzi il sipario sul Corpo della Polizia Provinciale. Non si gioca sulla pelle dei lavoratori e dell’Ambiente”. Interrogazione del consigliere regionale Marcozzi

Trasparenza, garanzie lavorative e professionali, e tutela ambientale e faunistica.  Questi i punti centrale dell'interrogazione presentata dal consigliere regionale di Forza Italia Jessica Marcozzi. "L’Amministrazione regionale - spiega la Marcozzi -  ha dei precisi doveri nei confronti della collettività".

“L’Amministrazione regionale alzi il sipario sul Corpo della Polizia Provinciale. Non si gioca sulla pelle dei lavoratori e dell’Ambiente”. Interrogazione del consigliere regionale Marcozzi

"Per questo motivo - spiega la Marcozzi - l'amministrazione regionale deve fare chiarezza sulla ricollocazione del Corpo della Polizia Provinciale che attende con ansia le prossime mosse della Giunta regionale e auspica che l’Assessore al Bilancio, Fabrizio Cesetti, mantenga le promesse fatte in campagna elettorale, quando, nelle vesti di Presidente della Provincia di Fermo si è speso, avanzando oltretutto specifiche richieste al Governo Renzi, per preservare la continuità delle funzioni della Polizia Provinciale eventualmente anche in altre Polizie o enti diversi dalle Province stesse come la Regione. Al riguardo ho presentato un’interrogazione al Presidente della Giunta regionale, Luca Ceriscioli in cui chiedo di sapere quale sia la posizione dell’Amministrazione al riguardo, quale sia il programma che intende adottare per garantire la tutela dei territori, la sicurezza ambientale e quella dei residenti in aree e zone extra urbane, quali manovre verranno adottate per continuare a garantire la lotta al bracconaggio e alle frodi che riguardano la protezione degli animali selvatici, dei pesci, dei boschi, quale destino lavorativo prevede l’Amministrazione regionale per gli Agenti delle Polizie Provinciali della Regione Marche, e come intenda l’Amministrazione regionale tutelare gradi, qualifiche e sedi di lavoro degli Agenti delle Polizie Provinciali nell’ipotesi di una presa in carico da parte della Regione Marche. Non si gioca sulla pelle dei lavoratori e dell’Ambiente".


Consigliere che aggiunge: "La Polizia Provinciale, che nella nostra Regione conta 87 unità, rischia, infatti, lo scioglimento o la messa in mobilità dei singoli Agenti presso le varie Polizie Municipali, in ordine sparso. Dinanzi a queste ipotesi, sarebbero altamente a rischio le funzioni di vigilanza ittico-venatoria e ambientale di cui fino a oggi la Polizia Provinciale si è fatta carico con dedizione e professionalità. Con lo scioglimento del Corpo si rischia il collasso dei controlli in materia di caccia, pesca, rifiuti, utilizzo del suolo e delle acque pubbliche, polizia fluviale e lacustre e gestione faunistica. E non si faccia finta di non sapere che anche la nostra Costituzione, all’articolo 9, stabilisce che: “La Repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”. Lo scorso 16 ottobre le principali sigle della Caccia, ovvero FIdC, EnalCaccia, ANUU Migratoristi, Arci Caccia, Eps, CNCN, hanno segnalato: “L’esigenza che le Istituzioni, nazionali e regionali, trovino rapidamente un punto d’intesa omogeneo affinchè le Regioni recuperino le energie di questa “Polizia del territorio” e le mettano a disposizione con specifiche competenze, delle Province, ancorchè Enti di secondo grado, auspicando anche in piena armonia con gli Enti di gestione faunistica come Atc, Ca, Aree Protette”. Le Associazioni FIdC, EnalCaccia, ANUU Migratoristi, Arci Caccia, Eps, CNCN sostengono che: “La preoccupazione che deriva dal superamento dei Corpi di Polizia provinciale, costituiti per essere impegnati nella lotta al bracconaggio e alle frodi che riguardano la protezione degli animali selvatici, dei pesci, dei boschi ma anche nella sicurezza di donne e uomini che, nelle campagne, risiedono e producono risorse insostituibili per l’economia del Paese, è forte tra quanti vivono correttamente la natura e, tra questi, i cacciatori”. Anche il Presidente interprovinciale Ascoli-Fermo Federcaccia, Stefano Artico, in data 23 ottobre, ha esortato: “La Giunta Ceriscioli a trovare rapidamente un punto di intesa omogeneo affinchè la Regione recuperi le energie della Polizia Provinciale e le metta a disposizione con specifiche competenze, delle Province stesse” ricordando che lo stesso Assessore regionale al Bilancio: “In campagna elettorale ha preso al riguardo impegni ben precisi”. Anche Italia Nostra ha condiviso le preoccupazioni del Corpo della Polizia Provinciale".

Letture:1902
Data pubblicazione : 30/10/2015 13:14
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • lucy

    30-10-2015 16:26 - #1
    Però ste foto, cambiatele , non siate pigri ! Questa, in particolare, quante volte l'avete pubblicata...cento, mille, diecimila ? :-)
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications