Politica
Porto San Giorgio. Morese alla vigilia delle elezioni:"Per favorire l’integrazione è necessario eleggere un consigliere straniero pagato da noi cittadini?"

“Per favorire l’integrazione è necessario eleggere un consigliere straniero pagato da noi cittadini?” – questo è l’interrogativo che lancia Emanuele Morese, coordinatore sangiorgese di Fratelli d’Italia e componente di Rinnovamento Cittadino, alla vigilia del voto che porterà all’elezione di un consigliere comunale aggiunto straniero nell’assise cittadina.

Porto San Giorgio. Morese alla vigilia delle elezioni:

“E’ l’ultima trovata di una sinistra ridicola - scrive Morese -  che prende in giro tutti, italiani e stranieri. In tempi come questi, come si fa a promuovere la figura di un consigliere aggiunto che, pur non votando, percepisce il gettone di presenza? Noi di Fratelli d’Italia lottiamo da anni per chiedere l’abolizione di qualsiasi remunerazione della carica di consigliere comunale, e Loira ce ne piazza un altro, inutile e per di più pagato. Sembra un cine-panettone ma è la verità”.

“Ripercorriamo i tentativi dell’amministrazione di integrare gli stranieri – argomenta Morese per nulla convinto da un’operazione, che a suo dire, è solo il contentino ai sindacati e alla sinistra estrema – Nel 2013 nasceva la consulta degli stranieri, dove veniva eletta presidente Fatima Khanjar, studentessa e mediatrice culturale libanese. Una consulta che, nonostante l’apertura di uno sportello d’informazione, non ha prodotto alcun risultato apprezzabile o quanto meno percepibile. Non contenti del primo fallimento adesso la Giunta Loira si butta a capofitto nel secondo. Ma la cosa che più di altre ci lascia pensare è rivedere come candidati gli stessi identici nomi di chi ha composto e diretto la consulta degli stranieri oramai sparita dai radar come se nulla fosse. Per completare l’operazione di facciata, il buon Nicola, invece di iniziare una vera rivoluzione che sarebbe stata graditissima, sporca la figura del consigliere straniero con i vecchi vizi italiani, uno tra tutti il gettone di presenza”.

“Ci sentiamo così di esprimere piena solidarietà a tutti gli stranieri sangiorgesi, imbrogliati da questi falsi metodi d’integrazione di una sinistra avvizzita su ideali vecchi e dissociati dalla realtà. I sangiorgesi sono stanchi di farsi prendere in giro da queste pagliacciate intrise di un finto moralismo. Avevo chiesto meccanismi di partecipazione per i ragazzi con meno di 18 anni, stranieri e non, per avvicinarli alla vita amministrativa della città, ma non mi ha risposto nessuno. Forse per loro non c’è spazio!”.

Il mio appello – conclude Morese – è rivolto a chi siederà sulla poltrona di consigliere comunale straniero: rinunci al gettone di presenza e dia dimostrazione di avere più coscienza di chi ha creato questa norma per motivi elettorali o non d’integrazione”.

Letture:3985
Data pubblicazione : 12/12/2015 15:15
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
5 commenti presenti
  • Alessandro

    16-12-2015 00:19 - #5
    Bene. Allora si risparmi le idiozie sul gettone di presenza. Il populismo becero non le fa onore.
  • Morese

    15-12-2015 12:23 - #4
    Punto uno: lo abbiamo già fatto. Punto due: Fratelli d'Italia non ha consiglieri in consiglio comunale.. Basta informarsi, anche se è più facile scrivere a vuoto..
  • Alessandro

    14-12-2015 16:15 - #3
    Allora cominci a proporre la cosa ai consiglieri eletti, a partire dai suoi, e poi vediamo come va a finire.
  • Morese

    14-12-2015 11:21 - #2
    La pochezza disarmante sta nella sua ignoranza di fronte ai fatti. NON SONO CONSIGLIERE e per questa ragione non percepisco gettoni di presenza. Ma le dico di più, se lo fossi, rinuncerei senza esitazione o lo devolverei direttamente ad un'associazione di volontariato. Prima di pensare alle mie di belle figure, le consiglio di fare attenzione alle proprie..
  • Alessandro

    12-12-2015 23:29 - #1
    Lei, Morese, ha rinunciato al suo gettone di presenza? Detto questo, il comunicato di cui sopra è di una pochezza disarmante. Ma davvero lei pensa di aver fatto una bella figura nel contestare questa scelta?
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications