Politica
Ex conceria, ex Sadam e Ceramica Lauretana: il PD chiede un confronto serio a Calcinaro

I democratici aprono ad un contributo di idee e ad sostegno politico, ma vogliono che sia l'Amministrazione comunale a svolgere un ruolo determinante

Ex conceria, ex Sadam e Ceramica Lauretana: il PD chiede un confronto serio a Calcinaro

Il Partito Democratico di Fermo fin dalle prime fasi ha seguito con interesse il dibattito che si è sviluppato sul recupero dell’area dismessa dell'ex conceria, in passato campo di prigionia durante la seconda guerra mondiale.

 

Le idee messe in campo, con la partecipazione ai vari dibattiti della stessa Amministrazione comunale, sono apparse anche brillanti ma a nostro avviso arrivare ad una sintesi sostenibile sia sul piano economico che funzionale, per il futuro di quell’area, è ancora una meta lontana.

 

La complessità di trasformare una ex area produttiva, con edifici che hanno decine di anni e con un suolo che forse ha anche bisogno di una bonifica ambientale dato che ha ospitato un’attività conciaria con le sue implicazioni chimico-ambientali, si presenta in tutta la sua interezza e incertezza.

 

La posta in gioco è però alta e quindi il PD in tutte le sedi istituzionali e pubbliche, purché seriamente si voglia puntare a soluzioni possibili e in tempi accettabili, è disponibile a dare il suo contributo di idee e il suo sostegno politico.

 

Riteniamo però che al di la dei comitati e associazioni, che vanno ringraziati per il loro impegno, un ruolo determinante ed incisivo deve essere svolto dall’Amministrazione comunale.

 

A nostro avviso, infatti quel luogo che prima di essere conceria è stato un luogo di sofferenza con la presenza di migliaia di prigionieri di guerra, deve diventare un luogo della memoria e della pace che si ricollega con la storia della resistenza passiva e la grande solidarietà espressa dalle popolazioni del Fermano dopo il settembre del ’43, quando spesso i prigionieri inglesi fuggiti da quel campo, venivano ospitati con coraggio dai coloni e dalle famiglie del territorio.

 

Questo comporta che il Comune di Fermo diventi il comune capofila in un progetto di recupero che coinvolga non solo il Fermano, ma addirittura l’intera regione, che a livello europeo qui ha scritto una nobile parte della storia della seconda guerra mondiale.

 

Riteniamo anche che sempre nella cornice di un luogo possano essere previste nel recupero destinazioni ricettive legate alla stessa storia di quell’area compatibili con siti di occupazione intellettuale per i giovani.

 

Occorre insomma tenere alto il profilo progettuale, legato e inserito nella storia del territorio e che il comune di Fermo svolga un ruolo di promozione e coordinamento istituzionale.

 

Riteniamo anche che, in quest'ottica, l’Amministrazione Calcinaro debba aprire una discussione seria con la città e con il territorio non solo sul recupero della ex conceria ma anche degli altri importanti siti come l’ex Sadam o la ceramica Lauretana.

 

Al riguardo un nostro suggerimento e una nostra proposta, al sindaco e alla sua giunta, è anche quella di partire con un prossimo consiglio comunale aperto che apra un serio dibattito sulla programmazione di recupero dei siti dismessi per dare l’idea di un assetto futuro della nostra città e del Fermano.

Letture:3071
Data pubblicazione : 17/05/2016 10:45
Scritto da : Manolo Bagalini (Consigliere comunale PD) e Giovanna Barbone (Segretario di Circolo Campiglione Conceria San Girolamo)
Commenti dei lettori
3 commenti presenti
  • alberto

    17-05-2016 16:30 - #3
    Enrico non è solo il PD con la Brambatti ad aver fatto danni, ma l'intera sinistra e civici vari, tutti compresi nel pacchetto dono che ci hanno rifilato nel 2011, si un bel pacco. Che oggi i PD sparuti rimasti, vogliano dialogare con Calcinaro, che era parte dell'armata Brancaleone della Brambatti non fa ridere, ma girare i cosiddetti, perchè non è cambiato niente, solo che l'ex sindaco di Nella Brambatti è oggi sindaco, e mi dispiace Enrico non ci trovo nulla da ridere.
  • mendicante

    17-05-2016 14:26 - #2
    Calcinaro vota Renzie (sempre a storpiare i nomi), ed è stato vicesindaco e assessore, esattamente come il suo vice Trasatti, dell'allora giunta Brambatti. Mentre molti altri di questa amministrazione, o votanti, sono grillini, o di sinistra e di destra a piacimento. No, così, altrimenti passa tutto in cavalleria e ci spacciano questi ex amministratori che riciclano le idee delle ex amministrazioni come il nuovo. E che cavolo, mi tocca rimpiangere mendicante da mendicante. Riguardo questo abominio: Il nemico, tenetevelo bene a mente, marcia sempre alla tua testa. In genere è autoritario, autoreferenziale, legato alle sue lontane e polverose conquiste, fucina di progetti fumosi e partecipati (parola d'ordinanza più che d'ordine), tra pubblico e privato, con il pubblico che diventa privato, e si circonda di professionisti, studi privati, possibilmente pianificatori, progettisti, urbanisti. Politicismo, professionismo, unitarismo.. Ah, dimenticavo, la dieta mediterranea!
  • Enrico

    17-05-2016 10:53 - #1
    Trovo che siamo alle comiche con il PD, dopo la tragica amministrazione a loro guida con il sindaco Nella Brambatti che ha messo in ginocchio la città i cui riflessi negativi ancora non sono emersi del tutto, adesso vogliono confrontarsi con Calcinaro, roba da chiodi. Scrivono giusto per giustificare una loro presenza in consiglio comunale, parole vuote e non credibili, frutto della massima demagogia di cui sono i campioni, basta vedere Renzie.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications