Politica
La pesante responsabilità di chi ha alimentato una propaganda razzista e fascista

La risposta de L’Altra Fermo - Fermo migliore e L'Altra Europa - Sinistra Unita Fermo alle accuse di Fratelli d'Italia

La pesante responsabilità di chi ha alimentato una propaganda razzista e fascista

Non si è fatta attendere la risposta della sinistra fermana ai manifesti e alle accuse di Fratelli d'Italia.

 

In una nota firmata da L’Altra Fermo - Fermo migliore e L'Altra Europa - Sinistra Unita Fermo, si rimarca come la sottovalutazione di certi fenomeni che si protraggono da anni sia anche responsabilità di una parte della politica cittadina.

 

“La verità sui fatti che accadono a Fermo - si legge - sta emergendo nonostante tentativi di mistificazione e colpevoli sottovalutazioni. Esiste, intorno a settori degli ultras, un ambiente violento e sconsiderato, infarcito di “ parole d’ordine” razziste e xenofobe, contiguo a gruppi neofascisti come Casa Pound e Aries; un coacervo reso pericoloso - in tutta Italia ed in Europa - da oltre un decennio di propaganda razzista (contro gli immigrati, i rifugiati e le realtà di solidarietà ed accoglienza), che, a Fermo, è stato sottovalutato o persino blandito da una parte del potere cittadino”.

 

Anche la definizione di anarchici, affibbiata a Bordoni e Paniconi subito dopo il fermo, diventa elemento di riflessione.

“Che non siano anarchici lo avrebbe capito anche un bambino, sbirciando il profilo facebook di uno dei due; i quali sono invece, con evidenza, legati allo stesso contesto e nutriti della stessa retorica fascistoide e violenta di Mancini. Non è un caso che ora il braccio istituzionale di questi gruppetti - “Fratelli d’Italia” - venga allo scoperto con un vergognoso manifesto contro Don Vinicio Albanesi; con un testo che ripete tutti i luoghi comuni e le falsità che imperversano su siti leghisti e neofascisti, oltre che sul profilo di Paniconi”.

 

Un motivo di polemica, soprattutto nei manifesti affissi dal coordinamento regionale di FdI, è il ruolo di Don Vinicio Albanesi che, al contrario, secondo L’Altra Fermo - Fermo migliore e L'Altra Europa - Sinistra Unita Fermo, “aveva pienamente ragione nell’intuire che questi gesti criminali sono maturati (anche se in forme diverse) nello stesso ambiente, pericoloso proprio per questo miscuglio di incultura, propaganda razzista e atteggiamenti violenti; e ha fatto bene Don Vinicio, hanno fatto bene le associazioni e le forze sindacali e politiche (che hanno promosso le manifestazioni antirazziste ed antifasciste di queste settimane) ad alzare la voce e sollevare quel velo di ipocrisia provinciale diffuso da una preoccupante “zona grigia”. Quest’ultima non è meno pericolosa dei violenti, perché è più diffusa e può far sentire ai quei soggetti la legittimazione delle loro azioni criminali”.

 

Con la convinzione che le indagini e l'attività giudiziaria proseguira con la stessa determinazione dimostrata nelle settimane precedenti, le due forze della sinistra fermana invitano le istituzioni a non sottovalutare anche le responsabilità di quei soggetti che “con diversi strumenti hanno gettato fango e continuano a diffondere bugie razziste sul lavoro della Caritas, della Comunità di Capodarco e di tutte le realtà impegnate in un lavoro straordinario, serio, difficile, di accoglienza, solidarietà, integrazione”.

 

Realtà religiose e laiche alle quali viene manifestata una piena ed incondizionata solidarietà. Ad esse e alle comunità di immigrati o richiedenti asilo continueremo ad essere vicini. Non consentiremo che il seme del razzismo e del neofascismo si estenda ulteriormente nella nostra città, perché amiamo Fermo, la sua tradizione democratica, di umanità e di solidarietà, infangata non da chi mette a nudo i problemi e la verità, ma da chi compie azioni o diffonde idee non solo incostituzionali, ma disumane ed estranee all’identità autentica dei fermani”.

Commenti dei lettori
9 commenti presenti
  • Cosimo Del Faro

    24-07-2016 15:11 - #9
    Parole parole parole. Io apprezzo chi con coerenza prende posizione contro un chiarissimo caso di razzismo. E con chi con i fatti aiuta centinaia di persone con disagio (di qualsiasi credo e razza) e da lavoro a centinaia di persone (fermanissime per lo più mi pare...). E se hanno la prova che don Vinicio ruba soldi ne fornissero la prova e già che ci sono i commentatori qui presenti mi piacerebbe esponessero come loro danno lustro a Fermo con le loro opere filantropiche
  • Max

    23-07-2016 14:45 - #8
    Don Vinicio, il misericordioso. Don Vinicio che protegge i propri clienti a discapito della verità. Don Vinicio che mente e non chiede perdono. Don Vinicio il potente che chiama e tutti accorrono senza se,ma e nemmeno un forse.
  • Ipocrisia sinistra

    23-07-2016 12:28 - #7
    Questi signori di sinistra dalle sigle che rivelano fallimenti di vecchi partiti dovrebbero ricordare che durante l'amministrazione di sinistra di Fermo aprì la sede di casa paund sotto piazza e loro stettero tutti zitti. Nemmeno una parola. L'allora assessore alla cultura in quota sel andò alla sfilata sulle foibe con tutti i neofascisti locali compreso "Amedeo è uno di noi" e i grandi personaggi della sinistra locale che oggi scrivono allora tacquero muti. Se vogliono conservare ameno una vaga parvenza di dignità vadano dal prefetto a chiedere la chiusura delle sedi fasciste invece di fare gli avvocati difensori di Don Vinicio che ipocritamente tace dopo le menzogne donate alla città di Fermo sull'appartenenza politica di attentatori e omicidi, che hanno in comune il razzismo il fascismo e la violenza oltre che la frequentazione della curva. E facciano una cura di fosforo per la memoria i compagni
  • Sfroos

    23-07-2016 11:50 - #6
    siamo alle comiche...comunisti che difendono preti ed anarchici! mai una parola su come viene gestita l'emergenza immigrazione in italia...il milione di euro che hanno fregato al cara di mineo non è razzismo? ammucchiarli nelle stazioni non è razzismo? eppure il posto di sarebbe, addirittura per qualche italiano che dorme in macchina, visto che il 20% del patrimonio immobiliare italiano è di proprietà della chiesa...sembrerebbe che a guadagnarci con le disgrazie altrui siano molti di più di quanto si possa immaginare...
  • Antonio

    22-07-2016 18:45 - #5
    i soliti servi sciocchi del grande capitale internazionale e dei nuovi mercanti di schiavi: esaltano addirittura il business dei migranti delle note cricche piddine
  • ffrancescor

    22-07-2016 15:29 - #4
    Svegliatevi ragazzi siamo nel 2016 e non nel 1946 ancora ste C.....e
  • Don Vinicio...altro che fascismo...lo sfruttamento di immigrati...

    22-07-2016 15:14 - #3
    Don Vinicio...altro che fascismo...lo sfruttamento di immigrati...
  • roby9990

    22-07-2016 13:44 - #2
    Ogni tanto fate anche una inchiesta su coloro che sostengono a spada tratta questo flusso a senso unico di immigrazione. La sensazione è che ci siano introiti e fior di soldi che vogliono camuffare con la solita e puntuale storiella del razzismo.
  • ma mica sono fascisti e razzisti.. No sono "anarchici" fa comodo così..

    22-07-2016 13:32 - #1
    Sono preoccupata dalla violenza fascista proveniente da ambienti degradati. Ma sono ancora più preoccupata nel constatare l'evidenza che certi comportamenti disumani che minano le basi del vivere civile trovano ampio consenso in larga parte della cittadinanza incivile di Fermo. "Amedeo è uno di noi. Amedeo ti voglio bene" E poi tanta gente adulta in doppiopetto che senza ritegno trabocca dello stesso razzismo. E infine la cosa più grave su cui i democratici e gli antifascisti non possono permettersi nemmeno un passo indietro. A definire "anarchici" i due attentatori son rimasti solo gli inquirenti e un giornale locale dalla condotta indecente. Persino l'avvocato di uno dei due attentatori dichiara nero su bianco: "non è anarchico" Il profilo fb di uno dei due attentatori è colmo di fascismo razzismo post di salvini e contro gli immigrati. Non mi sento tutelata da inquirenti che negano l'evidenza. Una società si regge sulla verità e sulla giustizia. Chi lavora per la giustizia deve affermare la verità. Gli attentatori tutti sanno che hanno messo le bombe in funzione anti-immigrati. E come è possibile che la FErmo che si dice democratica e civile reciti la parte in questo teatrino squallido! Verità e Giustizia!!
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications