Politica
I profughi, i numeri dati e quelli reali. Botta e risposta a Porto San Giorgio sul progetto Sprar

All'attacco di Morese di Fratelli d'Italia sull'arrivo di nuovi migranti replica la Consigliera comunale Baldassarri

I profughi, i numeri dati e quelli reali. Botta e risposta a Porto San Giorgio sul progetto Sprar

Fratelli d'Italia torna ad attaccare sul tema dei migranti, con una nota del coordinatore di Porto San Giorgio Emanuele Morese. Ma la risposta da parte della maggioranza non si è fatta attendere. È la Consigliera comunale Elisabetta Baldassarri, da anni impegnata su questa fronte, a replicare alle accuse della destra sangiorgese.

 

Ricostruiamo, quindi, la querelle. Morese, dopo aver appresto la notizia dell'arrivo di nuovi profughi attraverso il Progetto SPRAR Sconfinamenti Porto San Giorgio, aveva parlato di svendita del territorio “a gente che guadagna sulle disgrazie degli immigrati”.

 

“Qualche settimana fa - aveva rimarcato il coordinatore di FdI - abbiamo interrogato l’Assessore alla sicurezza Vesprini e quello alle politiche sociali Gramegna, per conoscere lo stato in cui verte la nostra città per far fronte all’emergenza di nuovi arrivi. Come sempre non è arrivata alcuna risposta. Meglio pensare ai campi da calcio e alle mense scolastiche. Adesso leggiamo sui giornali che arriveranno nuovi rifugiati con problemi psichici e la cittadinanza non viene nemmeno rassicurata sulla questione. Loira è un irresponsabile, scambia Porto San Giorgio per un villaggio turistico tralasciando le grandi questioni che investono la nostra città. Per 5 anni lo abbiamo sentito parlare di piazze e piazzette, giardini, mercatini e di ogni altro genere di frivolezze, ma nessun intervento è arrivato sui veri problemi. Il porto è bloccato, il ripascimento della spiaggia fuori tempo e con mille difficoltà e adesso la grana dell’accoglienza fuori controllo”.

 

“Se dalla stampa leggiamo che siamo in difficoltà sulla sicurezza perché le forze dell’ordine non hanno i numeri per garantire il giusto controllo, come facciamo ad accogliere nuovi immigrati che sappiamo di non poter minimamente controllare? La Giunta deve prendere una posizione.

 

Poi l'affondo rivolto alla Giunta: “Se volete riempire Porto San Giorgio di immigrati ditelo a chiare lettere ma almeno provvedete a garantire la sicurezza dei nostri cittadini. Abbiamo posto delle domande semplici. Quanti sono i rifugiati accolti nelle strutture sangiorgesi? Quali sono le strutture sangiorgesi? Chi gestisce questo progetto di accoglienza nello specifico e come fanno a garantire la sicurezza sia per i cittadini che per gli immigrati? Quale progetto stanno portando avanti per promuovere un qualsivoglia tipo di integrazione? La città vuole risposte”.

 

“Non ci si venga a dire che siamo razzisti perché noi puntiamo il dito contro quel meccanismo che vede italianissimi lucrare sui poveri cristi che arrivano qui fuggendo dalla guerra - aveva concluso lo stesso Morese -. Lo stato mette a disposizione più di 30 euro ad immigrato, fregandosene degli italiani. Loira prenda una posizione e rassicuri la città, perché a Porto San Giorgio fa il sindaco e non il capo villaggio”.

 

Dalla Baldassarri, a distanza di poche ore, la risposta. “Mi sembra di ritrovare nell’intervento di Morese, come spesso è accaduto in queste settimane nel nostro territorio, l’affermazione 'Non sono razzista ma' sentita più e più volte nel commentare il tragico episodio avvenuto a Fermo. Fa ancora più impressione che, notizie sicuramente false, dettate 'spero' dalla mancanza di conoscenza sui progetti di accoglienza sul nostro territorio, siano divulgate da chi ambisce ad amministrare una città”.

 

La stessa Baldassarri ha poi ripercorso la storia dello Sprar di Porto San Giorgio, attivo dal 2004. “Il Comune è titolare, finanziato dal Ministero degli Interni attraverso il fondo nazionale delle politiche dell’asilo (obbligo questo che viene dall’Unione Europea); attualmente il progetto Sprar è destinato a 5 richiedenti asilo maggiorenni con problematiche di tipo psichico (da notare come nell’intervento di Morese si cerchi di far passare la facile equazione problemi psichici = problemi di sicurezza). E’ stato approvato dal Ministero dell’Interno un nuovo progetto, non ancora partito, che sarà gestito dalla Cooperativa RES in collaborazione con il CVM per l’accoglienza di 20 richiedenti asilo maggiorenni (15 uomini e 5 donne); tengo a precisare che si tratta di un progetto rivolto a persone senza problematiche di tipo psichico, che saranno alloggiati in appartamenti distribuiti nella città”.

 

Il contributo che gli enti gestori riceveranno? “Andrà dai 35 ai 40 euro per ospite. Ogni richiedente asilo ospitato riceverà, al contrario di quello che dice Morese e di quello che certi politicanti vogliono far passare, 3 euro al giorno per un totale di 90 euro mensili (pocket money), il resto della quota è destinato alla gestione del progetto (ovvero, stipendi per gli operatori, ecc.), tra l’altro nei progetti SPRAR tutto debitamente rendicontato”.

 

Un clima sempre più avvelenato da una propaganda incessante, anche a Porto San Giorgio. “Si parla di emergenza - ha aggiunto la Baldassari - ma bisognerà smetterla di parlare di emergenza, è uno stato di fatto con cui facciamo i conti da anni e con cui faremo i conti ancora per molto. Invece di soluzioni tampone occorre elaborare una strategia complessiva che riguarda il salvataggio, l’accoglienza e il percorso su cosa fare con queste persone. Un’emergenza reale dovrebbe durare poco. Stiamo accogliendo delle persone ed è nostro dovere farlo, ma se non siamo in grado di capire dove andiamo, come mettiamo in gioco istituzioni, servizi, comunità, avremo pesanti conseguenze: non si può lasciare questo fenomeno a se stesso, alla buona volontà”.

 

Sul “cosa fare”, la Baldassari prova ad avanzare alcune proposte, evidenziando anche i limiti del sistema di accoglienza. “La via più lungimirante da intraprendere è quella della pianificazione di grandi politiche nazionali e sovranazionali e di importanti investimenti: in economia e intelligenza, in cooperazione internazionale e accordi bilaterali, in progetti di partenariato e in corridoi umanitari, in piani di reinsediamento e di ammissione umanitaria. È certamente tutto assai arduo, ma l’ostacolo principale non è la complessità dell’impresa e i lunghi tempi che richiede. L'ostacolo vero è di natura culturale e coincide proprio con il mancato riconoscimento di quel presupposto e con le profonde implicazioni politiche che ne derivano. Tra esse è determinante l’assenza di una linea europea sull’asilo comune a tutti i Paesi e, ancor prima, quella di un sistema che eviti ai richiedenti protezione la necessità di quei viaggi così insidiosi e letali sia via mare che via terra”.

Letture:3882
Data pubblicazione : 31/07/2016 12:01
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
4 commenti presenti
  • Carlo

    01-08-2016 13:21 - #4
    Io sono per la statalizzazione, in strutture pubbliche e con impiegati pubblici assunti (psicologi, insegnati di italiano e quanto serve con contratti a termo determinato, ma pubblici ufficiali). Se lo copiano, non è detto che funziona. Risparmiare sull'affitto non è un male, anzi più soldi per i richiedenti asilo. Comunque non è ben chiara la cosa, a Fermo so che ci sono case con più di 6 residenti... ma non so se sono centri di prima accoglienza o di seconda accoglienza. E poi solo 6 mesi, ma sono quelli che richiedono l'asilo e aspettano l'esito della commissione o sono quelli che hanno ottenuto l'asilo. Mha... sarà che sono per lo Stato e non per delegare ai privati (che siano chiese, onlus o srl). Comunque ben vengano i profughi senza se e senza ma (vanno accolti, io utilizzerei metodo migliore, però se non c'è di meglio che la delega al privato, utilizziamo questo metodo). Mi incuriosisce che ne pensa la destra fermana che fa parte della maggioranza multicolore. Il progetto Sprar è facoltativo... PS siccome ho casa da affittare quanto mi pagano? Così facciamo due conti... un'amica ma di altra provincia mi ha detto 100 euro a richiedente asilo... lei ne ha 5... casa piccola purtroppo, pagamento sicuro... io su 300 mq quanti ne posso mettere (oddio sto facendo i conti sulle vite umane... meglio smettere... ecco perché sono per la statalizzazione...) Saluti e buon lavoro.
  • Progetto Sprar

    01-08-2016 10:09 - #3
    Il progetto Sprar è copiato da tutta Europa: il richiedente asilo (badate bene non migrante, ma richiedente asilo perchè viene da una zona dichiarata ufficialmente in guerra e quindi chiede asilo in seguito a convenzioni internazionali) appena arriva firma un contratto tra lui e lo stato italiano dove ha diritti e doveri. Tra i doveri c'è quello di imparare l'italiano con un minimo di 10 ore settimanali di corsi. Nei primi 6 mesi starà in casa con altri rifugiati (max 5) monitorati e aiutati ad inserirsi da professionisti. Questo team di professionisti comprende insegnanti di italiano, psicologi ecc ecc. che quindi sono stipendiati e ricevono un lavoro da quei famosissimi 35€. Dopo 6 mesi il richiedente asilo, se ha delle richieste tramite i servizi sociali può essere accolto in una famiglia che ha dato disponibilità. Naturalmente viene valutata e selezionata la famiglia dal team di professionisti per vedere se idonea. In questi 6 mesi tramite dei tirocini lavorativi proverà ad inserirsi nel mondo lavorativo. Così alla scadenza del progetto il richiedente asilo con un lavoro e sapendo bene l'italiano potrebbe inserirsi serenamente nella nostra società. A Fermo ne arriveranno 32 in 6 appartamenti. Questi di privati che riceveranno affitto regolare. Se il richiedente asilo, che appena arriva firma un contratto di diritti e doveri, non si mostra volenteroso di lavorare, imparare l'italiano ecc ecc esce dal progetto Sprar e di conseguenza perde il diritto all'asilo. Ripeto questo progetto è copiato da altri paesi d'Europa, ed è provato statisticamente essere molto più efficace dei vari centri di accoglienza dove per i numeri assurdi i richiedenti asilo o i migranti stanno li senza fare niente e quindi la loro integrazione diventa impossibile. Questo progetto in questo modo tiene d'occhio anche i numeri e monitora singolarmente ogni richiedente asilo. Di Porto San Giorgio non so esattamente i dettagli ma penso siano simili.
  • matteo

    31-07-2016 17:43 - #2
    ...come se i miei famigliari avessero problemi ed io andassi ad occuparmi di quelli del vicino...fino a quando non risolvi i problemi in casa tua meglio non andare dal vicino altrimenti i problemi in casa diventeranno irrisolvibili. ..poi la pazienza di tua moglie e dei tuoi figli finirà fino a quando non ti cacceranno di casa....ma dubito il vicino che hai aiutato ti aiuterà...amen
  • ffrancesco

    31-07-2016 16:06 - #1
    BALDASSARI, HAI IMPARATO MOLTO BENE LA POESIA RENZIANA E ALFANIANA. iL VOTO è 110 /con lode e pubblicazione..
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications