Politica
Porto San Giorgio. Morese a gamba tesa su Ciccioli: "La sua è un'ingerenza intollerabile, non sarà Ancona a decidere le sorti della nostra città"

“Le dichiarazioni del coordinatore regionale Carlo Ciccioli sono dichiarazioni espresse a titolo personale senza alcuna concertazione con il coordinamento sangiorgese.

Porto San Giorgio. Morese a gamba tesa su Ciccioli:

E questo rappresenta un’ingerenza intollerabile. Noi non abbiamo padroni, esterni o interni, agiamo nell’esclusivo interesse della città.” – queste sono le parole al vetriolo che Emanuele Morese, coordinatore sangiorgese di Fratelli d’Italia, riserva a Carlo Ciccioli, coordinatore regionale del suo stesso partito, che è intervenuto a gamba tesa nella politica cittadina, sconfessando la linea intrapresa dal coordinamento sangiorgese.
“Imporre il proprio pensiero senza sentire gli altri è già di per sé disdicevole, ma lo diventa di più quando si ha il ruolo di coordinatore. Ciccioli avrebbe fatto bene ad interessarsi delle vicende di Porto San Giorgio da sempre e non solo al momento delle elezioni. Perché è chiaro – puntualizza un Morese per nulla spiazzato – che non si manca di rispetto a me o al partito locale, fatto di gente autonoma e pensante, ma piuttosto alla città che viene ancora una volta investita dalle ingerenze dei signorotti di Ancona”.
“Le sue strampalate alchimie – rincara la dose – appartengono ad un modo di fare politica desueto che non trova apprezzabile riscontro tra la gente. La partecipazione, la democrazia interna e la trasparenza sono requisiti fondamentali della politica, ma devono anche essere il volano dell’Italia del futuro. Credo che prima di scendere in giudizi e consigli avrebbe dovuto ascoltare il coordinamento sangiorgese e quello provinciale, senza comportarsi da padrone”.
Con Morese si schierano tutti i componenti del direttivo e il candidato alle regionali Massimo Riccardo Tarantini, che dicono di essere pronti alle dimissioni di massa se non vedranno rispettato il loro ruolo e l’autonomia delle proprie scelte.
“Quando siamo approdati in Fratelli d’Italia ci hanno dato solo due bandiere e una pacca sulla spalla, noi abbiamo portato il partito al 7% alle regionali, creando un gruppo di giovani capaci di cui vado orgoglioso – rimarca Morese – Il nostro candidato alle regionali è arrivato primo della lista, collezionando la bellezza di 555 preferenze. In città siamo apprezzati per la serietà delle nostre battaglie e a noi questo basta. Ciccioli dal canto suo ha seminato zizzania ovunque, distruggendo il centrodestra sangiorgese e facendo cadere un’intera amministrazione comunale. Non ha mai portato un contributo apprezzabile per il territorio salvo la smania di essere il protagonista di sante alleanze politiche improbabili”.
“Non sarà Ancona a decidere delle sorti di Porto San Giorgio, con logiche che nulla hanno a che vedere con il territorio, bensì saranno i sangiorgesi. Il mio coordinamento - conclude Morese - deciderà liberamente ed in totale autonomia, con il coordinamento provinciale, le strategie da adottare alle elezioni, incluse le alleanze. Consiglio a Carlo di rilassarsi e concentrarsi sul ruolo che gli compete, esattamente come faccio io nel ruolo che compete a me per garantire autonomia al mio gruppo politico”.

Letture:3980
Data pubblicazione : 21/10/2016 10:04
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • Luca Toni

    22-10-2016 14:50 - #2
    Sig. Renolio in un certo senso ha ragione, deve sapere però che anche nel 2008 con la vittoria del centro-destra su un piatto d'oro (a sinistra erano in 4) i signori Romagnoli e Ceroni IMPOSERO a Porto San Giorgio l'ex-Sindaco (venuto da Marte) la prima per farsi ricambiare i voti alle regionali del 2010 il secondo per i suoi personali interessi ...."rapagnanesi". Quindi errato dire cosa dobbiamo fare.... nella nostra città..... ma questo deve valere sempre !!! Anche perché poi non è che quella scelta portò una amministrazione "doc" - anzi, tutt'altro !!!
  • Carlo Renoglio

    22-10-2016 07:52 - #1
    Bravi! Ciccioli si è visto solo prima delle elezioni. Sempre puntuale a dire cosa dobbiamo fare.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications