Politica
Moira Canigola: "Confronto e condivisione: ecco la mia idea di provincia"

Si è tenuta questa mattina, presso i locali della Federazione provinciale del Partito Democratico di Fermo, la conferenza stampa di presentazione della candidatura del sindaco di Monte Urano Moira Canigola alla presidenza della Provincia.

Moira Canigola:

Le elezioni, che in virtù delle disposizioni contenute nella legge 56/2014 (la cosiddetta legge Delrio), sono consultazioni di secondo grado (non saranno dunque i cittadini a votare direttamente i propri rappresentanti, bensì i sindaci e i consiglieri dei comuni della provincia), si terranno domenica 18 dicembre e per la poltrona di presidente vedranno la sfida tra due donne, Moira Canigola, per l'appunto, e Maria Federica Paoloni, sindaco di Magliano di Tenna.

La candidatura della Canigola ha ricevuto una spinta molto importante da tutto il territorio: sono state infatti ben 127 le firme di amministratori locali in favore del primo cittadino di Monte Urano, a fronte delle solo 74 richieste per legge. Proprio questa spinta ha convinto la Canigola ad accettare la candidatura e a lanciarsi in questa avventura: “Quella di candidarmi è stata una scelta da un lato un po' sofferta, dall'altro però anche gratificante e impegnativa perché voluta, caldeggiata e richiesta da un numero di sindaci importante e da tanti amministratori che si sono trovati d'accordo sul mio nome. Gli amministratori che hanno voluto la mia candidatura vengono da tutto il territorio e non sono concentrati in una sola area. Essi sono espressione sia dei comuni più piccoli che di quelli più grandi (tra questi ultimi la Canigola ha citato e ringraziato pubblicamente il sindaco di Fermo Paolo Calcinaro) e questo ritengo che sia senz'altro un aspetto molto importante”.

L'idea di provincia portata avanti dalla Canigola si basa infatti in primo luogo su due concetti cardine, confronto e condivisione, che sono emersi più volte nelle sue parole durante la conferenza stampa: “Ho già fatto incontri nell'area del Tenna e nella Valdaso, credo fortemente nel confronto continuo per raccogliere le richieste dei vari comuni e avere un rapporto diretto con loro. Confronto, conoscenza e ascolto delle necessità di sindaci e amministratori sono un'esigenza fondamentale per un ente che sovrintende e coordina il territorio”.

L'obiettivo è dunque quello di una Provincia che cammini in maniera unitaria, che venga amministrata senza scontri e possibilmente anche senza una distinzione così netta tra maggioranza e opposizione, nel solco di quanto accaduto durante l'esperienza della giunta Perugini, con cui la candidatura della Canigola vuole mettersi in continuità: “La mia idea di provincia è quella di una “Casa dei Comuni”: un punto di raccordo, coordinamento e supporto per le realtà più piccole, che vivono una fase storica di sofferenza, ma anche per una politica completa del territorio che guardi nondimeno ai comuni più grandi. Un'azione congiunta e coordinata delle varie amministrazioni può portare ad uno buono sviluppo e ad una crescita complessiva. Unitarietà e condivisione sono fondamentali in un territorio di così piccole dimensioni”.

Comunque vadano le elezioni di domenica, la Provincia di Fermo avrà il primo presidente donna della sua giovane storia, ma la rappresentanza femminile nelle liste è per il resto piuttosto limitata. Interpellata su questo argomento, la Canigola ha espresso dispiacere, ma ha sottolineato come l'impegno in provincia andrebbe ad aggiungersi a quello nel rispettivo comune di appartenenza, oltre a quelli famigliari e lavorativi. Per questi motivi, e anche per l'elemento di carattere culturale che rende generalmente più complesso l'accesso delle donne alla vita politica, per molte di loro non è semplice pensare di lanciarsi in questa avventura. Qualora dovesse essere eletta, la stessa Canigola ha dichiarato che lascerà temporaneamente, seppur con dispiacere, il suo lavoro presso il Comune di Fermo per dedicarsi a tempo piena all'attività amministrativa di carattere sia comunale che provinciale.

Resta poi un grande punto interrogativo che pende come una spada di Damocle sul futuro dell'ente provincia in sé. La legge Delrio legava esplicitamente il destino delle province a quello del referendum costituzionale (al comma 51 dell'articolo 1 si legge infatti: “in attesa della riforma del Titolo V della parte seconda della Costituzione e delle relative norme di attuazione, le province sono disciplinate dalla presente legge”), varando nel frattempo il sistema di elezione di secondo grado degli organi costitutivi della Provincia stessa e la riduzione delle sue funzioni fondamentali in vista della successiva abolizione definitiva dell'ente.

Ora che la riforma costituzionale è stata bocciata in maniera netta dai cittadini è però immaginabile che si possa prima o poi tornare indietro ad una provincia più simile a quella precedente e quindi con funzioni più ampie e organi eletti nuovamente mediante suffragio universale diretto: “Si, il risultato del referendum è stato chiaro ed inequivocabile – ha commentato la Canigola a questo proposito - immagino che a ciò seguirà una ridefinizione del ruolo e della composizione della provincia”.

Non resta che attendere sviluppi su questo fronte, dunque, ma per il momento il presente è rappresentato dalle elezioni di secondo grado di domenica 18 dicembre. Anche con funzioni depotenziate e ridotte in numero e rilevanza, la Provincia rimane infatti pur sempre un ente importante nella vita dei cittadini: “E' un ente che ha subito una serie di trasformazioni, ma che gestisce e regola investimenti su scuole, infrastrutture (viarie, ma anche informatiche e telematiche, un aspetto su cui secondo la Canigola si può lavorare), rifiuti e ambiente - afferma il sindaco di Monte Urano - Una gestione ottimale di quest'ente incide dunque in maniera importante sulla qualità della vita e sull'aspetto economico di tutto il territorio”.

 

Letture:4171
Data pubblicazione : 12/12/2016 13:38
Scritto da : Andrea Pedonesi
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • Ce l' avete con Moira?

    07-06-2017 17:41 - #2
    Ma insomma, ce l' avete proprio con quella poveretta di Moira? Non basta avere pubblicato due - tre volte l' articolo del furto che ha subito a casa sua a dicembre dello scorso anno, adesso pure la ripubblicazione degli articoli precedenti la elezione a Presidente della Provincia ?
    Risposta
    Nessun accanimento. Soltanto un vecchio articolo che a volte ricompare quando spostiamo le notizie e che poi viene prontamente riposizionato fuori dalla home. Non si allarmi. Il direttore.
  • speranzoso

    12-12-2016 20:17 - #1
    Speriamo, qualora venga eletta, che si informi bene sulla buona situazione del liceo classico e non butti via tempo e soldi per stare dietro alle fisime delle mamme agitate, quando nella provincia di Fermo ci sono situazioni post-terremoto che richiedono ben più rispetto e impegno. Altrimenti,se , come presidente della provincia, avrà tempo e soldi da buttare,alla faccia degli ultimi, che si spostino/ricostruiscano tutte le scuole superiori dal centro di Fermo, non solo quelle dei genitori che urlano di più, noncuranti delle esigenze di un territorio, quello marchigiano, devastato dal sisma.Non bisogna aver paura dell'arroganza e della prepotenza di certa gente: da un politico ci si aspetta ancora che lavori per il bene comune, anche se sembra una visione passata di moda.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications