Politica
Casina delle Rose, Rossi e Torresi: "La vendita un scelta ideologica e pregiudiziale che esprime sfiducia nel valore delle risorse della città"

Massimo Rossi, consigliere di Fermo Migliore, e Maria Giulia Torresi, esponente de "L'altra Fermo", che venerdì mattina avevano presentato in conferenza stampa il proprio progetto alternativo alla vendita della Casina delle Rose, sono tra gli esponenti della minoranza che ieri hanno abbanondato l'aula prima della votazione sull'inserimento dell'immobile nel piano delle alienazioni.

Oggi i due tornano sull'argomento attaccando l'amministrazione comunale e annunciando che continueranno a fare di tutto per ostacolare questa scelta.

Casina delle Rose, Rossi e Torresi:

"Sino all'ultimo momento abbiamo cercato di dissuadere il sindaco e la sua maggioranza dal compiere una scelta così sbagliata, rinunciataria e pregiudizievole, ma si è trattato di un muro di gomma - si legge nella nota -. Una scelta ideologica e pregiudiziale.

Una scelta che esprime sfiducia nel valore delle risorse della città, nei gioielli del suo patrimonio, nelle sue intelligenze ed intraprendenze, che avrebbero potuto elaborare ed attivare un progetto pubblico/privato di recupero e rilancio del bene, supportato da possibili e imminenti risorse europee. La Giunta regionale ha infatti recentemente annunciato il possibile finanziamento del milionario progetto degli "ITI urbani" precedentemente escluso.

Una scelta che tradisce gli stessi contenuti del programma elettorale dell'attuale maggioranza, ma già ipotecata all'indomani del suo insediamento, visto che, come è emerso clamorosamente dagli atti, la valutazione dell'immobile era stata chiesta già nell'ottobre del 2015.

Ma ciò che offende e disarma di più è sentir definire come "scelta del fare" o persino come "scelta coraggiosa" quella di liquidare un bene pubblico di valore storico culturale, quella di lavarsi le mani come è stato fatto sinora, di lasciare a qualche improbabile e facoltoso "capitano coraggioso" il compito di farci sognare.

Per queste ragioni abbiamo voluto enfatizzare la nostra contrarietà non partecipando al voto, preannunciando che non ci fermeremo qui e continueremo ad ostacolare in tutti modi questa scelta".

Letture:2119
Data pubblicazione : 09/05/2017 16:56
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications