Politica
Sant'Elpidio a Mare. Terrenzi presenta la sua ricetta per il rilancio della parte antica della città

E' uno dei principali obiettivi che il candidato sindaco di Sant'Elpidio a Mare Alessio Terrenzi intende raggiungere assieme alla sua coalizione, quella con cui si presenterà al cospetto degli elettori alle prossime elezioni dell'11 giugno: la riqualificazione ed il rilancio della parte antica della Città.

Sant'Elpidio a Mare. Terrenzi presenta la sua ricetta per il rilancio della parte antica della città

E' questo l'argomento con cui Terrenzi ha aperto l'incontro di ieri sera con la cittadinanza all'auditorium Giusti.

"La riapertura del Cine Teatro Cicconi, avvenuta di recente, rappresenta un importante tassello della politica di rilancio del centro storico che abbiamo in mente, una ripartenza da attuare dando seguito a politiche già avviate dall'Amministrazione attuale e che meritano di essere perseguite con maggiore slancio" - ha detto Terrenzi ricordando poi alcune scelte già effettuate e da portare a termine.

"Alla sede dell'ex-Inapli è stata trasferita una parte delle attività didattiche dell'Istituto Tarantelli – ha spiegato il sindaco uscente – mentre al Palazzo Montalto Nannerini è previsto l'uso del piano terra e del primo piano sempre per le attività dell'Istituto Tarantelli, mentre il secondo, il terzo e il quarto piano daranno forma alla Nuova Casa di Riposo. E' stato completato il recupero dell'ex-Chiesa Sacro Cuore, da destinare ad Auditorium/spazio espositivo; verrà poi mantenuta la vocazione sociale che caratterizza attualmente l'ex Casa di Riposo e verranno individuati i servizi che potrà accogliere in base alla programmazione a livello di Ambito Sociale. Nelle sedi dell'Istituto Tarantelli che resteranno libere in Corso Baccio abbiamo intenzione di trasferire la Biblioteca, l'archivio Storico e i Servizi Comunali relativi a cultura, sport e tempo libero, mentre al secondo piano del Complesso Bramucci - ex Poliambulatorio intendiamo trasferire la Scuola di Formazione professionale Regionale (ex INAPLI). Si tratta di una riorganizzazione di spazi che ha già preso avvio e che, se gli elettori mi daranno fiducia, andrà a compimento".

Poi Terrenzi è sceso nello specifico.

"Per quanto riguarda l'incentivazione della fruibilità del Centro Storico intendiamo abbattere la tassazione alle attività commerciali nei limiti concessi dalla legge, aderire al fondo di garanzia regionale per i finanziamenti delle attività commerciali e residenziali, ma anche puntare sull'abbattimento degli oneri di concessione recupero immobili, su incentivazioni per l'apertura di nuove attività commerciali e professionali ed altro ancora – aggiunge Terrenzi – ma siamo convinti che si debba intervenire sul patrimonio edilizio per poi portare gente a vivere nel cuore della nostra Città.

In questo discorso rientrano l'idea di Housing Sociale da attuare mediante sviluppo di convenzioni con Fondazioni Bancarie in stretta collaborazione con gli enti pubblici territoriali. L'obiettivo del fondo è quello di valorizzare e gestire il patrimonio immobiliare per realizzare progetti di Housing Sociale per alloggi destinati a giovani coppie. Poi il programma "Case ad 1 Euro", che riguarda la riqualificazione degli immobili attraverso devoluzioni gratuite. Si tratta di intervenire sugli immobili più antichi tramite specifici bandi con i quali i proprietari aprono alla cessione gratuita a favore di agenzie, società e privati disponibili ad investire in un progetto complessivo di recupero e valorizzazione degli edifici del centro e delle sue adiacenze più immediate. I soggetti attuatori, mediante specifiche convenzioni, si impegnano a predisporre un apposito progetto di recupero dell'immobile, nonché ad iniziare e terminare i lavori entro un termine predefinito. In questo modo si potrebbero recuperare immobili destinati alla rovina: si riqualificherebbe il Centro Storico, si potrebbe incentivare la residenzialità e, di conseguenza, una rivitalizzazione complessiva. E' evidente che sulla carta è tutto molto semplice: c'è però da lavorarci in modo serio e noi siamo pronti a farlo".

L'incontro è poi proseguito parlando di altri interventi e tematiche riguardanti il centro, non solo la parte storica della Città.

Letture:2076
Data pubblicazione : 30/05/2017 17:37
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications