Politica
Quote rosa. Loira risponde: "Non posso mettere in Giunta persone di cui non ho fiducia. La Vitturini si sarebbe candidata con me in cambio di un assessorato"

Il primo cittadino sangiorgese risponde ai tre consiglieri di minoranza (Maria Lina Vitturini, Carlo Del Vecchio e Renzo Petrozzi) che hanno impugnato il decreto di nomina della giunta sangiorgese in relazione al mancato rispetto delle prescrizioni contenute nella legge Delrio (la 56/2014) che, all’articolo 1, comma 137, stabilisce che “nelle giunte dei comuni con popolazione superiore 3.000 abitanti, nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura inferiore al 40 % con arrotondamento aritmetico.”

Quote rosa. Loira risponde:

Nicola Loira risponde ai consiglieri di minoranza che hanno presentato ricorso al Tar pochi giorni fa: “In questi anni molti si sono mossi sulla questione del genere e io mi sono limitato, anche grazie a voi organi di stampa, a rispondere. Ora visto il ricorso che tre consiglieri comunali hanno fatto verso la Giunta, è il caso che io dica qualcosa per ribadire innanzitutto che a nessuno e a nessuna di coloro che sono intervenuti in questi mesi (tranne le consigliere di parità regionale e provinciale) interessa la questione della parità di genere, a nessuno di loro interessa la questione delle quote rosa. Per i ricorrenti in primis, ma per tutti, è un modo per cercare di destabilizzare il quadro politico e indebolire la figura del Sindaco e l’operato dell’Amministrazione Comunale, in accordo con la strada degli anni scorsi. Una politica che non si cura quindi delle questioni concrete e degli interessi della collettività ma cerca vie brevi per mettere in difficoltà l’avversario e rompere gli equilibri. La battaglia sulle quote rosa è una conseguenza della politica individualistica.”

 

“Voglio anche sottolineare – ha continuato Loira – che non mi sorprendono i nomi dei due consiglieri che non hanno appoggiato il ricorso al Tar: mi riferisco a Fabio Bragagnolo e Marco Marinangeli, sangiorgesi veri.

 

“Questo è il risultato di una politica individualista e autoreferenziale che viene fatta soltanto per se stessi e trova la sua sublimazione nel consigliere Vitturini, che è stata in questi mesi colei che, più di ogni altro, trovando sponde in maggioranza e in opposizione, ha interpretato questo tipo di politica portando avanti queste istanze. Mi chiamò dicendomi anche che si sarebbe candidata con me se io gli avessi garantito un assessorato, cosa che mai ho fatto e mai farò. Pochi giorni dopo era già schierata tra le prime file dei sostenitori di Marinangeli" ha commentato il primo cittadino.

 

"Per Petrozzi e Del Vecchio non spendo nemmeno parole perché la storia parla per loro: ricordo che lo stesso Petrozzi in consiglio comunale si disse contrario a questa legge” ha poi sentenziato Loira.

 

Loira parla poi nello specifico del ricorso al Tar e la motivazione dell’istanza cautelare che recita: “L’interesse legittimo della ricorrente (Vitturini) a ricevere l’incarico assessorile”. Loira commenta così la motivazione: “Io dovrei inserire nella mia Giunta una persona che si batte quotidianamente verso di me? Dovrei conferire l’incarico di assessore a una persona di cui non ho fiducia? Questo è l’interesse per la collettività e per i cittadini di cui parlano?”

 

"Ottemperando alla disponibilità che avevo dato alle consigliere di parità della Regione Marche di intraprendere un discorso che avrebbe ristabilito la parità di genere all’interno della giunta municipale ho inoltrato loro, come richiesto entro il 30 settembre, un piano di rimozione della discriminazione di genere per ristabilire la parità. Entro 120 giorni bisognerà stabilire questa parità all’interno della mia Giunta: se approveranno questa diventa vincolante se dovessero sentenziare che non lo rispetto, i consiglieri potranno fare ricorso” ha spiegato Loira.

 

Ai cittadini voglio anche comunicare che una delle condizioni imprescindibili è il vincolo di fiducia tra il sindaco e gli assessori (fiducia politica e professionale). Le donne di mia fiducia, per motivi personali o professionali, hanno detto di no” spiega Loira. “Devo avere all’interno della mia giunta persone con cui c’è un rapporto di fiducia, uomini e donne che condividono il mio programma, questo per il bene della cittadinanza: non posso selezionare una donna oltrepassando il presupposto della fiducia.”

Letture:3892
Data pubblicazione : 30/09/2017 13:41
Scritto da : Alessandra Bastarè
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • ffrancesco

    01-10-2017 15:52 - #2
    Loira, non ti ho votato , ma ti dico subito che sono daccordo con te, ma ci puo essere una legge più stupida di cosi? Si! visto quale parlamento la votata. Uno si dovrebbe fare operare da una donna incapace per rispettare la legge. ( .....qualcuno diceva: " MA MI FACCIA IL PIACERE!"
  • Piero

    01-10-2017 08:17 - #1
    E' evidente quindi che nella lista "Porto S.Giorgio a Sinistra", seppur rappresentata in Consiglio e determinante per la vittoria al primi turno, il Sindaco non ha trovato persone degne della sua fiducia. Bene a saperlo.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications