Politica
Il Movimento 5 Stelle di Porto Sant'Elpidio non ci sta. Sui fatti dello chalet Salè commenta: "Siamo sicuri di chiamarla ancora sicurezza? Prevenire è meglio che curare"

Riportiamo di seguito la lettera con cui il Movimento 5 Stelle di Porto Sant'Elpidio prende posizione in merito agli atti di vandalismo che ha colpito lo Chalet Salè della città.

Il Movimento 5 Stelle di Porto Sant'Elpidio non ci sta. Sui fatti dello chalet Salè commenta:

"Appuriamo il costante aumento della percezione del pericolo da parte dei cittadini elpidiensi confermato purtroppo dai fatti di microcriminalità e atti di vandalismo che puntualmente accadono a danno delle persone, delle abitazioni e alle strutture commerciali di Porto Sant’ Elpidio.

Il riferimento và agli eventi avvenuti allo chalet Salè della scorsa notte per citarne uno, senza dimenticare l’aggressione avvenuta ai danni di un giovane in via Mameli nei pressi della Stazione, a dimostrazione del fatto che a Porto Sant’ Elpidio la sicurezza urbana, purtroppo, non è un tema trascurabile.

Il tema della sicurezza secondo noi è un tema importante che non và affrontato con sufficienza o con slogan ad effetto. Per noi la sicurezza passa per la costante manutenzione ed il decoro della città, riqualificazione delle aree degradate servendole con servizi e illuminando le zone buie, senza tralasciare la programmazione urbanistica ed il controllo sul territorio a partire dagli uffici anagrafici del Comune.

Vista la presenza di furti e aggressioni che costantemente siamo costretti ad osservare, l’amministrazione Franchellucci dovrebbe porsi numerosi interrogativi, visto che trasformare la città di Porto Sant’Elpidio in un grande fratello con l’istallazione di telecamere ovunque e la mancanza di scelte politiche adeguate fin dal 2013 ad oggi non hanno dato lo sperato effetto.

Nell’immediato la proposta è quella di potenziare la caserma dei carabinieri magari spostandola in un sito idoneo come quello di via Pesaro e attuare dei programmi alla prevenzione della criminalità ed il ritorno ai vigili di quartiere validi referenti e deterrenti per dare più sicurezza ai cittadini sul territorio.

Inoltre più che di sicurezza bisogna iniziare a parlare di prevenzione alla criminalità, eliminando tutte le possibili cause che possano favorire eventi criminosi o attirare persone atte a delinquere; perché se si parla di sicurezza abbiamo perso in partenza la battaglia per la conquista della serenità quotidiana."

Letture:1939
Data pubblicazione : 20/10/2017 18:02
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications