Politica
Agire per il bene di Porto Sant'Elpidio e sostegno a Franchellucci: ecco il gruppo civico "La città del fare"

La campagna elettorale per le elezioni politiche del prossimo 4 marzo è ormai definitivamente entrata nella sua fase più calda, ma non è comunque troppo presto per guardare avanti anche al successivo appuntamento con le amministrative.

A Porto Sant'Elpidio, il comune più importante del Fermano chiamato a rinnovare il proprio consiglio comunale in primavera, questa mattina si è presentato il gruppo civico “La città del fare”, una compagine composta da una ventina di persone che si sono trovate e conosciute nelle ultime settimane accomunate da due fattori fondamentali: la propensione ad agire e a mettersi in discussione per il bene della città e la stima, l'affetto e la fiducia nei confronti del sindaco uscente Nazareno Franchellucci.

Agire per il bene di Porto Sant'Elpidio e sostegno a Franchellucci: ecco il gruppo civico

E già nel simbolo scelto dal gruppo è espresso in maniera chiara qual è il suo obiettivo: “Nei colori, nella barche e nel sole c'è un riferimento allo stemma di Porto Sant'Elpidio – spiega Laura Cifani, che poi si affida ad una metafora -: quello del marinaio è un lavoro di silenzio. Il marinaio è una persona che tace e agisce, preso dal suo compito di riportare la barca sana in porto con il carico e tutto l'equipaggio: questo è esattamente ciò che vogliamo fare anche noi”. Non una campagna elettorale contro qualcuno, dunque, ma una politica intesa come un tentativo di apportare il proprio contributo di idee a favore della comunità.

 

“Siamo un gruppo totalmente autonomo, lontano da qualsiasi gerarchia di partito – spiega Marco Biagetti, storico addetto stampa del Porto Sant'Elpidio Basket e coordinatore del gruppo -. Ci sono anche persone, come me, che prima d'ora non hanno mai approcciato la politica, ma questo non ci ha bloccato. Ognuno di noi, infatti, nella nostra vita ama agire, fare qualcosa, impegnarsi per il bene della città in vari campi, dallo sport, al mondo del sociale a quello della scuola”.

“La città del fare”, sottolinea lo stesso Biagetti, per il momento è solo un gruppo civico costituitosi nelle ultime settimane e che ha alle spalle qualche riunione per buttare giù alcune idee ed esprimere sostegno al sindaco: ci sarà tempo da qui in avanti per parlare di programmi di concerto con le altre forze della coalizione e per decidere chi entrerà in lista, ma l'obiettivo per ora è quello di far conoscere il proprio progetto e di sottolineare la propria apertura nei confronti di chiunque abbia suggerimenti e idee da dare: “Oggi è un po' una data zero di un tour che inizieremo a fare in città – chiarisce Biagetti – promuovendo incontri con i quartieri e con le associazioni e andando in mezzo alla gente per conoscere le problematiche ed ascoltare idee e proposte”.

 

Un gruppo, quello di “La città del fare”, che è riuscito a coagulare al proprio interno anche persone con idee politiche completamente diverse: lungi dal'essere un problema, però, secondo Biagetti questa deve essere considerata una ricchezza e un motivo di vanto, perché “è nello scambio di idee che si cresce”.

Ecco allora che, tra i vari componenti del gruppo a prendere la parola (da Benedetto Crescenzi a Stefano Offidani, da Eleonora Rossi a Federico Zampaloni), spunta una persona come Christian Simoni, ex esponente di Forza Italia, che nel corso dell'ultimo mandato amministrativo ha avuto modo di accrescere ulteriormente una stima verso Franchellucci che comunque c'era sempre stata: “Credo che con Nazareno si sia avviato un percorso importante – spiega – e ho avuto modo di apprezzare alcune sue caratteristiche, su tutte la capacità decisionale: ci vuole sempre qualcuno che detti le linee e porti avanti il programma, perché quando si dice che comandano tutti in realtà non comanda mai nessuno”.

Simoni non risparmia stilettate né ad Alessandro Felicioni né al centrodestra più tradizionale: “Vedo tanta confusione nella mia area di appartenenza iniziale – commenta – qual è l'idea di città di Felicioni? Cosa vuole realizzare? Per non parlare poi del centrodestra dei partiti, che purtroppo temo darà vita ad un dibattito scadente in campagna elettorale e non ad un confronto serio, basato su questioni concrete”.

 

Alla presentazione non poteva mancare ovviamente il sindaco Franchellucci, che si è detto “umanamente e personalmente emozionato di questa squadra”: “Mentre con gli altri rappresentanti della coalizione ho vissuto la vita amministrativa e politica legata agli sviluppi della città – ricorda il primo cittadino – con ognuno di loro, nei rispettivi campi di azione, ho condiviso qualcosa di profondo dal punto di vista umano. La grande stagione riformista e operativa che la città ha vissuto negli ultimi vent'anni si è sempre basata non soltanto sull'azione del partito di riferimento, dai Ds al Pd, ma anche sulla capacità di questi ultimi di attrarre vicino a sé altre forze politiche e civiche e questa forza deve essere confermata. Sono veramante convinto che la nostra coalizione andrà forte, unita e compatta verso il traguardo finale”.

 

Letture:2495
Data pubblicazione : 17/02/2018 12:21
Scritto da : Andrea Pedonesi
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications