Politica
Rubbianello. Graziella Ciriaci:"Dobbiamo ridare dignità alla gente". Si è tenuto ieri presso la bocciofila Val Verde un incontro pubblico

Fare del malcontento generale, uno sprone per ridare dignità alla gente in difficoltà attraverso il riappropriarsi del valore della democrazia

Rubbianello. Graziella Ciriaci:

Questo il fulcro tematico dell’incontro pubblico tenuto ieri sera (mercoledì 21 febbraio) da Graziella Ciriaci, imprenditrice ortezzanese, candidata dal partito di Forza Italia, all’uninominale per il Senato, al collegio Marche sud (Fermo, Ascoli Piceno e basso Maceratese) per le elezioni politiche del 4 marzo, presso la Bocciofila Val Verde di Rubbianello di Monterubbiano.

Durante la serata si è tenuto un confronto aperto tra la candidata ed il pubblico presente, da cui è chiaramente emersa la sfiducia nei confronti della politica e del modo di fare politica e allo stesso tempo il bisogno di chiunque di tornare a fidarsi 'del politico'. "Incontrando la gente di ogni luogo in campagna elettorale – ha detto la Ciriaciho toccato con mano tanta amarezza, difficoltà economiche e disagi sociali. Siamo stati impoveriti da un sistema politico che ha massacrato la classe media, creando disagi e grandi difficoltà, vissute con altrettanta grande dignità. Ed è proprio per ridare dignità ad ognuno di noi, a questa terra (la Regione Marche ha perso 11 punti di Pil dal 2008 ad oggi) e soprattutto alle aspettative dei nostri figli, che è indispensabile riflettere sul valore della nostra espressione di voto. Chiediamoci se siamo contenti della nostra sanità, del carico fiscale, della burocrazia che spinge a rinunciare, della sicurezza dei nostri territori, così come della condizione delle strade, del modo in cui è stata gestita l’emergenza post sisma, e soprattutto – ha concluso – chiediamoci se vogliamo prendere coscienza della democrazia che abbiamo ereditato e farne la determinazione ed il coraggio nella scelta per cambiare e cominciare a lavorare per prospettare un futuro dignitoso ai nostri figli".

Un confronto aperto, quello a Rubbianello, come ogni incontro tenuto dalla Ciriaci nel corso della campagna elettorale: non un confronto tra candidato al Senato ed elettore, ma un confronto tra persone che vogliono fare di un'aspettativa di vita, un progetto reale.

 

Letture:1267
Data pubblicazione : 22/02/2018 15:48
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • Giusy

    22-02-2018 16:27 - #1
    Ciriaci, la capisco anche Lei deve fare la sua parte ma per favore non parli di cose più grandi di Lei. Democrazia, dignità, giustizia sociale e di tante altre fesserie che, oggi, alla vigili delle elezioni tutti promettete di attuare e che, domani, una volta eletti vi scordate di sostenere e/o attuare. Voi da Berlusconi a Salvini, alla Meloni, per passare a Gasparri, Renzi, Casini la Lorenzin sono anni che governate e sono anni che promettete e non mantenete. Ci dica Ciriaci, ma in che cosa è cambiata questa nazione prima governata da voi, poi da tecnici ed oggi dal PD ? In nulla di nulla ! C'è chi parla di mirabolanti riforme fatte e per le quali oggi l'economia "vola" insieme al debito pubblico e chi ancora promette meno tasse per tutti e milioni posti di lavoro ma è così o solo "sbruffonate" da bar ! Nessuno parla di cosa ha veramente bisogno questa nazione segno di pochezza politica, di scarsa sensibilità e di poca conoscenza dei reali problemi della gente ! Un consiglio e alcuni temi da affrontare. Primo e urgente una seria riforma del lavoro che incentivi le assunzioni a tempo indeterminato e affronti con serietà la poca trasparenza delle industrie in tema di delocalizzazione e utilizzo con troppa disinvoltura del lavoro precario (progressività della possibilità di accedere a finanziamenti solo in base alla quantità di personale assunto a tempo indeterminato e della quantità di somme reinvestite nella azienda in ricerca tecnologica e acquisto di macchinari innovativi). Riforma della disoccupazione con un reddito base progressivo rispetto all'età e alla situazione famigliare. Riforma della giustizia a con norme chiare, certe e tempi massimi dei processi max tre anni. Riforma dell'architettura dello Stato. ( Una sola camera e con più compiti di bilanciamento alla Corte Costituzionale, riduzione delle regioni con il loro accorpamento, eliminazione delle provincie e obbligo per i comuni di accorparsi in entità minime di 15/20 mila abitanti con accorpamento dei servizi. eliminazione delle regioni a statuto speciale anacronistiche nel 2018. Riforma della scuola con seri programmi di apprendimento, scuola a tempo pieno, ritorno del latino e ampliamento della offerta didattica. Riforma della Sanità con la qualificazione dei medici di base che servirebbe a ridurre il numero delle persone che si rivolgono al pronto soccorso, e riduzione delle liste di attesa. Riforma con la eliminazione degli enti inutili che invece di diminuire prolificano. Riforma del credito con una più organica, qualificata e semplificata organizzazione bancaria. Queste sono le riforme ma non solo che la gente seria si aspetta da politici seri e non la solita e stancante fiera delle vacche che ad ogni campagna elettorale tutti mettono in campo. Si modernizzi Ciriaci, si modernizzi altrimenti resterà l'emblema al femminile del Suo "padrone" !
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications