Politica
Morese sulla Pensione Sangiorgio: "Si sta facendo un bel regalo ai proprietari che, dopo il consiglio comunale, disporranno di un immobile residenziale pronto per essere venuto senza limitazioni"

“Quale ritorno per gli interessi pubblici dalla variazione del piano regolatore sulla Pensione Sangiorgio?” – questa è la domanda che pone il coordinatore di Fratelli d’Italia, Emanuele Morese all’amministrazione comunale alla vigilia del Consiglio Comunale di martedì sera in cui verranno trattate delle variazioni al piano regolatore.

Morese sulla Pensione Sangiorgio:

“Nei documenti presentati dalla Giunta, l’occhio cade sulla Pensione Sangiorgio. Si tratta di una struttura ricettiva che, si legge, nell’anno 2011 la Provincia di Fermo ha notificato alla proprietà la mancanza dei requisiti minimi richiesti dalla normativa in materia di strutture ricettive e conseguentemente i proprietari, nell’anno 2012, hanno riconsegnato la licenza in Comune e cessato definitivamente l’attività. Pertanto i proprietari richiedono il cambio di destinazione d’uso da struttura ricettiva ad un uso residenziale”.

 

“Discorso ineccepibile se solo si spiegasse quale ritorno ha l’interesse pubblico dalle plusvalenze che inevitabilmente si creano da questo apparentemente semplice cambio di destinazione d’uso. Il discorso è piuttosto semplice: se ieri la struttura ricettiva valeva 1 euro simbolico al metro quadrato domani, con una semplice votazione, la struttura diventata residenziale varrà molto più di 1 euro al metro quadrato”.

 

“E’ evidente – continua Morese – che si sta facendo un bel regalo ai proprietari che da mercoledì, dopo il consiglio comunale, disporranno di un immobile residenziale pronto per essere venduto senza alcuna limitazione per i futuri acquirenti. I sangiorgesi vorrebbero capire quale ritorno c’è per la collettività e qual è la contropartita di questa operazione”.   

 

“Si potrebbe discutere a lungo sulla necessità di questa operazione sul piano politico e valutare se sia giusto che una città a vocazione turistica elimini strutture ricettive per mancanza di requisiti minimi che potrebbero essere recuperati con appositi investimenti. E si potrebbe anche discutere dell’opportunità di altri proprietari di svolgere la medesima operazione vantaggiosa sotto ogni profilo economico. Ma oggi vogliamo solo chiedere: quale contropartita per l’interesse pubblico da un netto vantaggio realizzato per un privato?”.

 

“Sui giornali abbiamo letto che il rilancio della nostra attività turistica inizia da un cartone animato dal nome “Giorgino” che rappresenta il nostro Santo Patrono sconfiggere il drago. E’ chiaro che i draghi non siano mai esistiti e che i mali della nostra città non siano creature leggendarie ma speculazioni di ogni genere. Chissà se il nostro Giorgino avrebbe approvato questa variante?” – chiude ironicamente Morese.

Letture:3325
Data pubblicazione : 12/03/2018 12:19
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications