Politica
Montegiorgio. Prosegue il botta e risposta tra Benedetti e Sforza. Il segretario del locale circolo Pd: "Nessuna scorrettezza, semplicemente un'idea diversa di paese"

Il Sindaco Benedetti, nel replicare al comunicato di ufficializzazione della candidatura alle prossime elezioni amministrative dell'Ing. Marco Ramadori, e citandomi direttamente, da un lato nega l'esistenza di un denunciato declino e degrado di Montegiorgio e, dall'altro e al tempo stesso, afferma che al massimo questa situazione sarebbe imputabile ad un mancato sviluppo industriale ed artigianale degli anni '60/70. Inoltre, mi accusa di scorrettezza nell'analisi sul ruolo ormai perso da Montegiorgio nel contesto della Media Valle del Tenna". Comincia così la replica del segretario del circolo Pd di Montegiorgio Carlo Nunzio Sforza alle dichiarazioni del sindaco uscente  Armando Benedetti. 

Montegiorgio. Prosegue il botta e risposta tra Benedetti e Sforza. Il segretario del locale circolo Pd:

"In totale onestà -prosegue Sforza- ho l'impressione che il Sindaco Benedetti, persona che ha tutta la mia stima ed amicizia personale, veda e descriva un paese che nella realtà non esiste più da molto tempo.

La situazione attuale di evidente difficoltà per Montegiorgio, infatti, non può di certo essere imputata alle scelte di 50 anni addietro, che altrimenti non gli avrebbero consentito di ergersi a capoluogo politico-amministrativo di un'intera zona di territorio.  

Al contrario, le politiche degli ultimi anni e l'assenza di interventi significativi, con un'Amministrazione che di fatto ha “tirato a campare” (vedendo le dimissioni persino dei due Assessori con le deleghe più importanti, lavori pubblici e bilancio), hanno determinato uno stallo che ha danneggiato il Paese".

 

"La scelta di collocare in Località Crocedivia il nuovo ipotetico Polo Scolastico è stata imposta senza una adeguata condivisione - prosegue il segretario del locale circolo Pd -. Perché non un'assemblea pubblica sul tema insieme alla cittadinanza? Perché ai commercianti e ai tanti cittadini, sia del centro storico che di Piane di Montegiorgio, che hanno chiesto un ripensamento si è detto che si trattava di “scelta politica insindacabile”? Perché acquistare in fretta e furia l'area privata per un costo di quasi 300mila euro nell'imminenza delle elezioni amministrative e sapendo benissimo che ciò avrebbe potuto vincolare anche la futura amministrazione? Eppure c'erano e ci sono molti altri luoghi più idonei in cui collocare quel Polo, che non determinerebbero una cattedrale nel deserto, ma preserverebbero realmente lo sviluppo sia del Centro storico che di Piane".

 

"L'esternalizzazione dei servizi, frutto della mancata sostituzione di dipendenti in quiescenza, non ha ridotto le spese, ma semmai le ha aumentate, senza peraltro garantire quel ricambio nei dipendenti del Comune che, oltre a dare lavoro, avrebbe aiutato la sua programmazione quotidiana - prosegue Sforza -. Per Palazzo Colonna, infine, l'Amministrazione, oltre ad inserire il punto informativo del Paese proprio lì sotto, ha realizzato interventi tutti differiti nel tempo. Forse per paura di azioni legali da parte dei proprietari, che già avevano diffidato il Comune, e che a questo punto potrebbero ricadere sulla nuova Amministrazione?"

 

"In conclusione, si tiene a precisare che non c'è nessuna polemica o scorrettezza da campagna elettorale. Si tratta di rilievi che tutta l'opposizione – si pensi alla questione del Polo Scolastico – ha da anni manifestato - conclude Sforza -. C'è, questo sì, una visione differente di Paese rispetto a quella messa in piedi negli ultimi dieci anni e la volontà di cambiare le cose nell'interesse della cittadinanza". 

Il Sindaco Benedetti, nel replicare al comunicato di ufficializzazione della candidatura alle prossime elezioni amministrative dell'Ing. Marco Ramadori, e citandomi direttamente, da un lato nega l'esistenza di un denunciato declino e degrado di Montegiorgio e, dall'altro e al tempo stesso, afferma che al massimo questa situazione sarebbe imputabile ad un mancato sviluppo industriale ed artigianale degli anni '60/70. Inoltre, mi accusa di scorrettezza nell'analisi sul ruolo ormai perso da Montegiorgio nel contesto della Media Valle del Tenna.

In totale onestà, ho l'impressione che il Sindaco Benedetti, persona che ha tutta la mia stima ed amicizia personale, veda e descriva un Paese che nella realtà non esiste più da molto tempo.

La situazione attuale di evidente difficoltà per Montegiorgio, infatti, non può di certo essere imputata alle scelte di 50 anni addietro, che altrimenti non gli avrebbero consentito di ergersi a capoluogo politico-amministrativo di un'intera zona di territorio.
Al contrario, le politiche degli ultimi anni e l'assenza di interventi significativi, con un'Amministrazione che di fatto ha “tirato a campare” (vedendo le dimissioni persino dei due Assessori con le deleghe più importanti, lavori pubblici e bilancio), hanno determinato uno stallo che ha danneggiato il Paese.
La scelta di collocale in Località Crocedivia il nuovo ipotetico Polo Scolastico è stata imposta senza una adeguata condivisione. Perché non un'Assemblea pubblica sul tema insieme alla cittadinanza? Perché ai commercianti e ai tanti cittadini, sia del centro storico che di Piane di Montegiorgio, che hanno chiesto un ripensamento, si è detto che si trattava di “scelta politica insindacabile”? Perché acquistare in fretta e furia l'area privata per un costo di quasi 300mila euro, nell'imminenza delle elezioni amministrative prossime e sapendo benissimo che ciò avrebbe potuto vincolare anche la futura Amministrazione? Eppure c'erano e ci sono molti altri luoghi più idonei in cui collocare quel Polo, che non determinerebbero una cattedrale nel deserto, ma preserverebbero realmente lo sviluppo sia del Centro storico che di Piane.
L'esternalizzazione dei servizi, frutto della mancata sostituzione di dipendenti in quiescenza, non ha ridotto le spese, ma semmai le ha aumentate, senza peraltro garantire quel ricambio nei dipendenti del Comune che oltre a dare lavoro avrebbe aiutato la sua programmazione quotidiana.

Per Palazzo Colonna, infine, l'Amministrazione, oltre ad inserire il punto informativo del Paese proprio lì sotto, ha realizzato interventi tutti differiti nel tempo. Forse per paura di azioni legali da parte dei proprietari, che già avevano diffidato il Comune, che a questo punto potrebbero ricadere sulla nuova Amministrazione?

In conclusione, si tiene a precisare che non c'è nessuna polemica o scorrettezza da campagna elettorale. Si tratta di rilievi che tutta l'opposizione – si pensi alla questione del Polo Scolastico – ha da anni manifestato.

C'è, questo sì, una visione differente di Paese rispetto a quella messa in piedi negli ultimi dieci anni e la volontà di cambiare le cose nell'interesse della cittadinanza.

 

Letture:2081
Data pubblicazione : 17/03/2018 16:32
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • Ingrid Marziali

    18-03-2018 15:15 - #1
    Dott. Nunzio Sforza, comprendo che la politica, "purtroppo", ha il cattivo vezzo di dire che quello che hanno fatto gli altri è tutto sbagliato, ma forse sarebbe anche giusto dire apertamente e senza tanti giochi di parole che su alcune cose c’è condivisione TOTALE. Partiamo dal nuovo Polo Scolastico. Lei ha affermato, chiaramente, di essere pienamente in sintonia con l’attuale amministrazione di delocalizzare le scuole dal Centro Storico quando ha affermato che : “Eppure c'erano e ci sono molti altri luoghi più idonei in cui collocare quel Polo, che non determinerebbero una cattedrale nel deserto, ma preserverebbero realmente lo sviluppo sia del Centro storico che di Piane” implicitamente riconoscendo che portare fuori le scuole è un obbligo. Perfetto apprezzo la sua coerenza di condividere la scelta con l’amministrazione attuale. Poi afferma “…. Ci sono molte altre aree in cui collocare il nuovo Polo Scolastico….senza però citarne una. Forse per dimenticanza o forse perché sa bene che non esistono aree idonee per poter collocare DEGNAMENTE i plessi delle scuole medie ed elementari nell’intorno del Centro Storico se non ripetendo l’errore del Liceo Classico. La storia insegna e dovrebbe essere da monito per chi governa ! “Sbagliare è umano, perseverare è diabolico” . A Lei, pesona intelligente ed attenta le conclusioni. Costi dell’area e tempistica. Dott. Sforza Nunzio forse le sfugge che Montegiorgio nel 2016 prima ad Agosto e successivamente a Ottobre è stato colpito da un sisma di notevole impatto che ha provocato danni ingenti alle strutture pubbliche tra cui molti edifici e scuole in particolare del Centro Storico e che grazie alla velocità operativa di ditte e tecnici comunali è stato consentito di completare l’anno scolastico ed avviare l’attuale. Cosa di non poco conto vista l’urgenza. Nel frattempo, l’amministrazione dopo ampio confronto con i genitori, le istituzioni scolastiche ed i cittadini ha dato avvio, primo comune ricompreso nel cratere, ad un progetto di fattibilità tecnico economica redatto dall’ing. Marco Ramadori,il quale ha offerto, con molta disponibilità e convinzione, cosa che gli va riconosciuta il Suo contributo come cittadino di Montegiorgio a far si che l’individuazione dell’area e la progettazione consentisse all’Amministrazione di poter accedere, immediatamente, a fondi importanti di circa sei milioni di euro, altrimenti destinati ad altri comuni. Sicuramente un importante obiettivo per l’intera comunità di Montegiorgio. Altro aspetto i costi dell’area. Leggendo di altre situazioni e realtà ritengo che Montegiorgio dovrebbe dire un doppio grazie all’Amministrazione Comunale e al privato che ha ceduto ad un prezzo irrisorio l’area di mq. 45.000, se ci rapportiamo a quanto altri comuni hanno speso per aree di molto inferiori, non urbanizzate, ed in posizioni veramente inadeguate, con costi sette volte superiori a quelli di Montegiorgio. Forse un po di informazione gioverebbe alla realtà fattuale. Fermo e Provincia insegnano ! Centro Storico. Siamo in sintonia, dott. Sforza, va rivitalizzato ma quale ricetta ha il PD ed i suoi alleati? Nulla viene detto in merito e per chi spera di governare un paese è un po pochino ! Almeno questa Amministrazione ha avviato un Concorso di Idee non certo uno strumento usuale, molto innovativo, apprezzato a livello regionale e Nazionale anche in questo caso uno dei pochi comuni che lo hanno utilizzato. Forse le innovazioni fanno paura al PD, partito per “antonomasia progressista” ? Piazza Colonna, la famosa incompiuta ! Anche qui va riconosciuto a questa amministrazione, rispetto al passato, di aver messo in campo tutti gli strumenti per poter addivenire ad una soluzione sia essa condivisa con la proprietà che d’imperio con un atto di esproprio che resta l’ultima razio per risolvere il sessantennale problema di Montegiorgio! Dott. Sforza un consiglio se mi è permesso. Fate i progressisti, veramente, imparate dagli errori di Renzi, non continuate a dire che voi siete i migliori ed i più bravi a governare che avete soluzioni per tutto ma che poi sono le solite ricette del “ Che ve serve fra” di democristiana memoria. Cambiate altrimenti anche a Montegiorgio se i 5 Stelle si presentano arriverete quarti su tre !
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications