Politica
"Solito sistema di potere VS speranza di cambiamento". Il ballottaggio visto da Marcotulli: "Domenica non si vota per scegliere il padrone della città"
"Mancano appena sei giorni al voto ed è ormai chiaro che quello di domenica 24 giugno non sarà un semplice ballottaggio, ma sarà un autentico referendum per Porto Sant'Elpidio" sono le parole del candidato sindaco elpidiense Giorgio Marcotulli.
"Da un lato c'è tutto ciò che già conosciamo - continua Marcotulli. I soliti volti, il solito sistema di potere, la solita politica del "fare tanto per fare" e dell'"accontentiamoci, meglio di niente". Il solito amministrare la città come trampolino in vista di ambiziose carriere politiche.
Dall'altro c'è una speranza concreta di cambiamento. "E' una parola vuota", penserà qualcuno. "Tutti la usano e abusano al giorno d'oggi". E' vero. Sta a noi riempirla di contenuti, di persone affidabili, di metodi diversi, di programmi seri e realizzabili. Il centrodestra ha proposto la sua idea di città, ha fissato obiettivi a breve e a lungo termine, ha toccato tutti gli aspetti che interessano la nostra comunità. Un progetto che si è arricchito delle proposte e delle soluzioni elaborate dal Laboratorio civico di Alessandro Felicioni, con il quale c'è una piena convergenza. Un programma aperto, l'ho detto già più volte, al contributo di altre forze politiche che non partecipano con i propri esponenti e simboli al ballottaggio, ma debbono essere protagonisti delle istituzioni e del futuro di Porto Sant'Elpidio. Quando leggo di partecipazione, di smart city, di centralità delle politiche del lavoro, di europrogettazione nel programma dei 5 Stelle, o di maggiore supporto al commercio, potenziamento dei centri di aggregazione e più attenzione alle politiche giovanili in quello di Casapound, capisco che parliamo la stessa lingua."
 
"Personalmente non ho paura di prendere degli impegni chiari - continua Marcotulli - l'amministrazione che ho in mente è aperta, plurale, dialogante con tutti, ma porterà il mio nome e sarò io a rispondere di progetti, risultati ed errori. Io a dovermene assumere la piena responsabilità. Questo significa che non mi ritroverete candidato sindaco, tra cinque anni, se non sarò stato in grado di debellare il problema della prostituzione dalle nostre strade. Non mi ritroverete se il livello di sicurezza della nostra città non sarà tornato a livelli tali da garantire a imprese e famiglie di vivere serenamente la propria casa, attività e gli spazi pubblici. Non mi ritroverete a dire "ho fatto il possibile", se avrò lasciato sul tappeto gli stessi problemi di oggi, se non addirittura peggiorati.
Domenica non si vota per confermare un padrone della città o per sceglierne uno nuovo. La maggioranza della città ci ha già detto che il modo in cui è stata amministrata non l'ha soddisfatta e che vuole cambiare. Ora deve solo avere il coraggio di farlo davvero."
Letture:1166
Data pubblicazione : 18/06/2018 15:45
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications