Politica
Bocciata la proposta della Lega sull'utilizzo di cartelli contro il commercio abusivo. Marinangeli: “'L'obbligo di ripristinare la legalità”. Di Virgilio: “Encomiabile lavoro della Municipale"

“Più legalità, più sicurezza, più difesa degli operatori commerciali contro il commercio abusivo: su questi temi non posso che non essere d’accordo con il consigliere Marinangeli, il quale ci da modo di poter ancora una volta evidenziare l’azione e l’impegno del comune e del sindaco sulle questioni sopra riportate: ci da modo di poter ricordare che, quando nel 2012 si insediò la prima giunta Loira,  i vigili effettivi in servizio erano 8 su una pianta organica di 18; oggi ne abbiamo 12 più 9 stagionali da metà giugno a metà settembre per un totale di 21 con potenziamento dei turni serali e del servizio  esterno di pattugliamento” il commento di Andrea Di Virgilio, capogruppo PD, dopo che la mozione presentata dal consigliere di minoranza Marco Marinangeli, di affiggere in spiaggia dei cartelli che vietino il commercio abusivo, è stata bocciata.

Bocciata la proposta della Lega sull'utilizzo di cartelli contro il commercio abusivo. Marinangeli: “'L'obbligo di ripristinare la legalità”. Di Virgilio: “Encomiabile lavoro della Municipale

“Un plauso al comandante della polizia municipale ed a tutti gli effettivi per l’encomiabile lavoro che stanno svolgendo – ha proseguito Di Virgilio. Ricordiamo anche che compiti di ordine pubblico sono di pertinenza di forze di polizia e carabinieri e non potrebbero essere demandati ai vigili urbani: nonostante ciò nel 2017 la locale polizia municipale ha effettuato 25 interventi anti abusivismo e nel 2018 siamo a 15, interventi spesso effettuati in borghese. Più di una volta il sindaco, così come previsto all’art. 54 del Testo Unico degli Enti locali, ha provveduto ad informare il Prefetto competente e la nuova Questura circa la situazione inerente reati consumati nel nostro territorio e problematiche legate all’abusivismo commerciale, stimolando l’intervento delle forze di polizia, carabinieri e guardia di finanza così come previsto dalla legge. Ricordiamo poi, in tema di sicurezza, il potenziamento delle videocamere di sorveglianza ad alta definizione per una migliore e maggiore controllo della nostra cittadina.”

“Queste sono le migliori e giuste risposte che l’amministrazione comunale ha dato e sta dando contro fenomeni legati a vari reati e all’abusivismo commerciale e, sinceramente, la proposta avanzata dalla Lega di spendere risorse per affiggere su tutte le spiagge e per tutto il centro città cartelli con riportato ciò che è previsto dal decreto Legislativo 114/98 in tema di abusivismo e ciò che prevede la legge 23/07/09 n.99 in tema di sanzioni contro coloro che acquistano prodotti contraffatti, ci sembrerebbe più che altro un provvedimento spot. Semmai potrebbe essere auspicabile utilizzare risorse economiche per potenziare ancor di più gli effettivi della municipale piuttosto che spendere risorse per riempire tutte le spiagge e il centro cittadino con cartelli dal contenuto ovvio e ampiamente conosciuto da tutti: infatti è risaputo che sia chi vende sia chi compra merce contraffatta commette un illecito” ha continuato il capogruppo PD.
“E se coloro che vendono merce contraffatta sono spesso spinti a commettere tale reato dalla disperazione, coloro che acquistano tali prodotti non fanno altro che alimentare l’abusivismo commerciale, commettendo un illecito amministrativo che reca forte danno ai nostri commercianti. Chiediamo all’amministrazione di proseguire ancor di più sulla strada del pattugliamento e del controllo del territorio; chiediamo un sempre maggiore rapporto con prefettura e questura, tenendo senza dubbio alta l’attenzione sulle problematiche legate all’abusivismo commerciale senza dimenticare, però, i ben più gravi problemi che si chiamano furti, scippi, risse, aggressioni, fatti di droga” ha concluso Di Virgilio.

 

 

Non si è fatto attendere il commento del capogruppo della Lega Marco Marinangeli dopo che la mozione è stata bocciata. "La maggioranza di Porto San Giorgio a trazione PD ha respinto la mozione presentata dalla Lega, accusando di strumentalizzazione. Nella mozione si chiedeva un impegno forte per combattere il commercio abusivo ormai dilagante nelle spiagge e nelle zone centrali della città. È evidente che tale problema va risolto con un impegno forte e serio, con un costante e puntuale controllo da parte delle forze di polizia municipale che già tanto fanno per quelle che sono le loro possibilità, con un coinvolgimento della prefettura, delle altre forze dell'ordine e le associazioni di categoria" le parole del Capogruppo Lega di Porto San Giorgio.
"Riconosciuto il grande lavoro portato avanti fin qui dal corpo dei vigili urbani di Porto San Giorgio - ha continuato Marinangeli -, capitanati dal comandante Paris Giovanni, chiedevo all'amministrazione comunale l'apposizione di cartelli, laddove si ricordava che è vietato vendere merce contraffatta e vietato l'acquisto da parte dei consumatori. I consiglieri del PD hanno definito l'iniziativa un'assurdità, un problema estetico l'apposizione di cartelli, che già si fa abbastanza in questa direzione, che i problemi del commercio non li risolviamo con la lotta all'abusivismo commerciale. La mia proposta evidentemente non aveva la presunzione di risolvere il problema del commercio in Italia ma come amministratore pubblico ho l'obbligo di difendere i nostri commercianti che in mezzo ad un mare di difficoltà ogni giorno affrontano il problema del lavoro con impegno e rispettando le leggi. Abbiamo tutti l'obbligo di ripristinare la legalità. Sono stato accusato di avere fatto strumentalizzazione politica."
"La verità emersa - tuona il capogruppo della Lega - è che questa maggioranza è ostaggio di un partito democratico, sempre più distante dalle esigenze dei cittadini, che non da soluzioni ai problemi, ma è chiusa all'interno di una posizione ideologica fallita a tal punto da dichiarare che la Lega non metterà bandiere a Porto San Giorgio, piuttosto le vada a mettere altrove. Considerate che l'esempio concreto di certe scelte che ho suggerito di seguire sono state portate avanti da una amministrazione di centrosinistra nel 2016, esattamente dal comune di Cervia Milano Marittima, laddove il problema è stato azzerato. Per questa amministrazione di sinistra probabilmente la concorrenza sleale fatta ai nostri commercianti non rappresenta un problema. È emersa una evidente volontà di non risolvere un problema evidente perché proposto dalla Lega ma con piacere contrariamente alle posizioni ideologica degli esponenti del partito democratico, debbo con soddisfazione registrare la condivisione e soprattutto la corretta interpretazione della mozione da parte dell’assessore Valerio Vesprini che ha sottolineato, che la mozione presentata, poteva essere lo strumento per sensibilizzare i cittadini e magari favorire una cultura diversa fra quei cittadini che comprano merce contraffatta."
"Per questa amministrazione di sinistra il commercio abusivo non rappresenta un problema importante. La Lega continuerà a battersi al fianco dei nostri commercianti regolari e a lavorare per ripristinare la legalità" ha concluso Marinangeli.

Letture:1461
Data pubblicazione : 02/08/2018 10:56
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • ffrancesco

    02-08-2018 16:16 - #1
    Se quelli che vendono , sono spinti dalla disperazione,chi li ha spinti alla disperazione??? Quelli che acquistano, lo fanno per spirito filantropico, per dare un pezzo di pane a chi ha fame e non per appendersi un braccialetto da 5 €
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications