Politica
Porto San Giorgio. Gramegna risponde alla Vitturini sulle problematiche dei giovani: "Da parte sua approccio demagogico e superficiale, il Comune fa e farà ancora la sua parte"

Ad alcuni giorni di distanza dal consiglio comunale di Porto San Giorgio, il vicesindaco e assessore alle politiche sociali Francesco Gramegna ha voluto rispondere a un tema sollevato durante la seduta e cavalcato anche nelle ore successive da parte della consigliere di minoranza Maria Lina Vitturini, quello del ruolo dell'amministrazione comunale nella gestione delle problematiche di alcuni giovani della città.

Porto San Giorgio. Gramegna risponde alla Vitturini sulle problematiche dei giovani:

"Scaricare sull'Amministrazione comunale la risoluzione dei problemi di "alcuni" giovani della nostra città è molto pericoloso perché potrebbe costituire un alibi per quelle famiglie che non riescono a svolgere il loro ruolo educativo - scrive Gramegna -. L’approccio del consigliere Maria Lina Vitturini a un tema tanto delicato appare, come spesso le capita, demagogico e superficiale".

 

"Va necessariamente premesso che non tutti i giovani bevono e fanno uso di droghe - puntualizza Gramegna -: la città è animata da iniziative sane e di lunga tradizione, dall’impegno delle numerose associazioni sportive a storiche realtà aggregative come l’Azione cattolica per ragazzi, il Centro Don Bosco, il Ricreatorio San Giorgio, gli scout, fino al contributo offerto dai centri parrocchiali.

Chiedere un rapporto stretto del Comune con le Forze dell’ordine significa non conoscere che ciò c’è già ed è continuo. Appena qualche giorno fa il sindaco Nicola Loira ha avuto un incontro con il Questore proprio sull’argomento e nell’occasione ha indicato quelle zone del centro in cui dei giovani potrebbero venire in contatto con adulti già conosciuti come consumatori di sostanze stupefacenti. Per arginare fenomeni serve un patto a tre tra famiglie, scuola e istituzioni da cui nessuno può tirarsi indietro.

"Il Comune fa e farà ancora la sua parte - chiarisce il vicesindaco -. Intendiamo costituire, partecipando a un bando della Regione, un Osservatorio per le attività educative e ricreative, un ente che vedrebbe la collaborazione di varie associazioni ed enti in cui gravitano adolescenti e pre adolescenti. E’ prevista la promozione e lo sviluppo di corsi di formazione ad operatori ed educatori delle associazioni per agganciare e promuovere eventi ed azioni sul territorio. Tra novembre e dicembre poi prenderanno il via iniziative al Centro di aggregazione giovanile (cortile Magnolie) e nel Ricreatorio San Giorgio, con il quale è iniziato un percorso di collaborazione su una programmazione delle attività rivolte ai giovani".

 

"Non dimentichiamo infine l’ambizioso progetto “Goal”, di recente presentazione - chiude Gramegna -. Siamo disponibili, come Assessorato alle Politiche sociali, a collaborare ad iniziative provenienti direttamente anche dalle famiglie e chiediamo alle stesse di avvicinarsi al mondo associativo per l’organizzazione di eventi che riguardano proprio i giovani e la comunità".

Letture:1250
Data pubblicazione : 22/10/2018 12:43
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications