Politica
Attività venatoria: accolto il ricorso di WWF e LAC. Malaigia e Zaffiri (Lega) chiedono le dimissioni di Pieroni

Con provvedimento del 24.10.2018, il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso alla sentenza del TAR Marche presentato dalle due Associazioni Ambientaliste WWF e LAC: alla luce della mancanza del Piano Faunistico Regionale, ha accolto le motivazioni del ricorso, vietando con effetto immediato ogni forma di caccia nelle Zone di Protezione Speciale (ZPS) e Zone di Interesse Comunitario (ZPS) e durante il mese di febbraio.

Attività venatoria: accolto il ricorso di WWF e LAC. Malaigia e Zaffiri (Lega) chiedono le dimissioni di Pieroni

“La sospensiva del Consiglio di Stato è solo l'ultima dimostrazione dell'incapacità della Giunta regionale per l'inadeguatezza dimostrata nel corso degli anni e  per gli evidenti conflitti interni alla maggioranza, che ha più a cuore i piccoli interessi dei suoi esponenti, piuttosto che lo sviluppo della nostra Regione”. Così il Capogruppo della Lega Sandro Zaffiri. “Sospendere la caccia significa sospendere un ingente indotto economico per le molteplici attività che si intrecciano all'attività venatoria”.

Interviene il consigliere Marzia Malaigia, vicepresidente della seconda commissione. “Il settore venatorio è uno dei pochi segmenti che garantisce alla Regione un indotto economico di proporzioni enormi, non solo per le tasse pagate dagli aderenti, sempre più alte, ma anche per il giro d’affari che genera dal punto di vista turistico e ambientale, specialmente nelle aree interne che notoriamente faticano a ripartire dopo il sisma”. “Pensiamo alla produzione e alla vendita degli indumenti tecnici per svolgere l'attività venatoria - prosegue la Malaigia - pensiamo agli agriturismi, ai ristoranti, ai b&b nei quali si recano durante le giornate di caccia centinaia di persone, pensiamo ai produttori di selvaggina, pensiamo certamente anche alla produzione di armi, come alle altre attività commerciali a cui si rivolge chi pratica questo sport”.

“Non basta dunque la caccia riservata nelle aree indicate dall'ordinanza, anche poiché questo porterebbe all’esodo di centinaia di cacciatori”. “Come ormai è sotto gli occhi di tutti questa Amministrazione – aggiunge il consigliere Zaffiri -  registra un forte ritardo rispetto a tutti gli atti di programmazione. Il Piano Faunistico Venatorio viene infatti ad accodarsi al già scaduto da anni, Piano socio sanitario regionale: due esempi di come vi sia un'assoluta inadeguatezza ed incapacità politica da parte della Giunta Ceriscioli”. 

“Voglio sottolineare come in questo caso vi sia stata da parte dell'assessore Pieroni una presuntuosa ed arrogante posizione a fronte delle numerosissime sollecitazioni da parte delle  associazioni di settore che, preoccupate per la mancanza dell'atto di programmazione indispensabile per l'esercizio della caccia, dal 2015 hanno costantemente sollecitato alla stesura dello stesso non ricevendo di fatto una risposta concreta”.

“Si tratta di una gravissima omissione da parte dell’Assessore – conclude la Malaigia - che avrebbe agito con una leggerezza e una superficialità che ha dell’incredibile”. ”I  cacciatori che hanno pagato le tasse per disporre di un proprio diritto perderanno giornate utili per usufruire dello stesso; ci chiediamo chi li rimborserà... Una regione, la nostra, che per la quadratura del bilancio, effettua continui tagli addirittura sulla sanità e sul sociale siamo convinti non possa permettersi uno sperpero di denaro di questo tipo per esclusiva inottemperanza propria!!!

"Le responsabilità politiche non possono più essere ignorate ed è per questo che invitiamo l'Assessore Pieroni a rassegnare le proprie dimissioni" conclude la nota stampa.

Letture:2027
Data pubblicazione : 26/10/2018 09:59
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications