Politica
La denuncia di Fratelli d'Italia: "Nelle Marche una sanità senza guida". Poi altro affondo su Ceriscioli: "Arroccato sul controllo del potere"

"La sanità regionale senza guida se non sulla gestione politica degli appalti sui nuovi ospedali e sulle carriere apicali dei servizi. Cioè scegliere solo dove fare gli ospedali unici di Area, gestire le procedure di affidamento, nominare più primari amici possibili." Questa è la denuncia dei vertici regionali di Fratelli d'Italia esposta in una conferenza stampa tenuta in Consiglio Regionale.

La denuncia di Fratelli d'Italia:

CARLO CICCIOLI – COORDINATORE REGIONALE DI FRATELLI D'ITALIA:
"Sui nodi veri – dichiara Carlo Ciccioli, Portavoce regionale - che sono il reclutamento del nuovo personale medico in previsione di migliaia di pensionamenti dal prossimo anno, la riduzione dei tempi delle liste di attesa delle prestazioni (le Marche sono penultime in Italia davanti solo alla Campania) e sulle eccellenze nessuna capacità politica. Solo gestione burocratica attraverso funzionari e stretti collaboratori di Ceriscioli. Quest'ultimo, da buon professore di matematica, ha ridotto la sanità marchigiana ad una questione di "algoritmi".

Dopo 3 anni e mezzo di Giunta e a poco più di un anno dalle elezioni in Regione è tempo di bilanci e quello sulla sanità è assolutamente negativo. "Molti operatori se ne vanno nel privato perchè hanno perso la motivazione nella sanità pubblica. Tutto questo – continua Ciccioli - non lo diciamo solo noi, ma lo dice anche il Consigliere Regionale del PD Fabrizio Volpini, medico, che è anche Presidente della Commissione Sanità. Avuta la delega di gestire i problemi dal Presidente Ceriscioli, se ne è andato dicendo di "aver dato indietro una delega farlocca" che non gli consentiva di decidere niente né di prendere alcun provvedimento sanitario. Guarda caso Volpini è stato sostituito da un Consigliere regionale del PD, Federico Talè, anch'egli di Pesaro come il Governatore, geometra, senza alcuna competenza sanitaria che così certamente non potrà disturbare il "manovratore": si tratta di un soggetto che ha addirittura patrocinato un convegno contro le vaccinazioni obbligatorie. In realtà grazie a Dio, con grandi sforzi del personale medico e paramedico, le strutture cercano di autogestirsi senza guida, ma spesso mancano materiali sanitari, attrezzature e soprattutto gli organici sono ridotti all'osso perchè le nuove assunzioni, pur decise, vengono procrastinate all'infinito per contenere la spesa".


ELENA LEONARDI – CAPOGRUPPO REGIONALE DI FRATELLI D'ITALIA: In questa sede, come più volte affermato, si intende denunciare la grave assenza di strategie e programmazione. Voglio ricordare la mia interpellanza di un anno fa che rimarcava l'assenza del rinnovo del Piano Socio Sanitario, strumento indispensabile per la corretta pianificazione e programmazione della sanità di una Regione. Mi è stato risposto che è un metodo obsoleto e che bastava applicare le linee Ministeriali del cosiddetto Decreto Balduzzi.
Oggi, invece, si muovono, a distanza di un anno dal mio atto regionale, con una serie di audizioni e presentazioni di una bozza di Piano Socio Sanitario che non si sa quando vedrà la luce.
Come Vicepresidente della Commissione Sanità ho denunciato più volte il problema della lunghezza delle liste di attesa: è necessario che lo si affronti concretamente perchè sino ad ora ha condotto al ricorso forzato alla sanità privata oppure a strutture sanitarie fuori Regione o, peggio ancora, alla rinuncia alla cura.
Questa Giunta Regionale ha disatteso il suo stesso programma elettorale quando si prometteva di ridurre le liste di attesa e di avere una sanità più equa. Rivendico, come consigliere regionale di Fratelli d'Italia, il blocco della proposta di legge numero 145 del 2017 nella quale si prevede un ingresso, a parere della sottoscritta senza adeguate garanzie, dei privati nella sanità pubblica.
Ricordo infine che Fratelli d'Italia è sempre in prima linea su tutti i territori in materia di sanità, soprattutto quelli dell'entroterra e quelli colpiti dal sisma. Il vulnus del nuovo Piano Socio Sanitario è quello dell'inserimento delle aree disastrate dal terremoto come capitolo specifico e degno di rilevanza nella nuova pianificazione e programmazione sanitaria marchigiana. Un aspetto da curare e sviluppare è quello della telemedicina, che colmi le distanze orografiche e anche quelle psicologiche che si sono create tra i cittadini e le istituzioni che governano la sanità.


FRANCESCO ACQUAROLI – PARLAMENTARE ELETTO ALLA CAMERA DEI DEPUTATI
E' doveroso fare una premessa: quella della sanità è una materia nella quale occorre essere costruttivi e responsabili senza strumentalizzare, linea che noi di Fratelli d'Italia stiamo seguendo a tutti i livelli politico-istituzionali. Ma è doveroso anche evidenziare come sono anni che si dibatte di sanità nella Regione Marche senza un'idea definita e condivisa con i territori, soprattutto nel rapporto tra pubblico e privato. Manca un confronto serio, alla luce del sole, di tutta la politica marchigiana.
Intendo far presente con forza che col superamento della Riforma Fornero si rischia di vedere velocemente 25.000 medici in Italia andare in pensione, 2000 dei quali nelle Marche, senza un adeguato e pianificato turn over con personale preparato ed adeguato, soprattutto in settori chiave come l'emergenza-urgenza, la chirugia e così via. Questa è una problematica che sollevo con forza sia verso la Regione sia verso il Ministero della Salute. Un aspetto del quale si parla troppo poco e che, se non preso in tempo, esploderà da qui a poco.

Letture:2344
Data pubblicazione : 27/10/2018 11:52
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications