Politica
Parità di genere, Ceriscioli e la Bora al convegno organizzato dal comitato "Voce donna": "Tempi maturi per l'approvazione della legge regionale"

"Il coraggio di cambiare le cose è una componente fondamentale della buona amministrazione. Con questa proposta di legge regionale sulla doppia preferenza di genere stiamo facendo un'opera che darà un contributo importante al lavoro del consesso regionale, anche di chi ci sarà dopo di noi, perché va a incidere favorevolmente sulla natura e la qualità della partecipazione democratica".

Parità di genere, Ceriscioli e la Bora al convegno organizzato dal comitato

Così il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli è intervenuto stamattina al convegno "Doppia preferenza di genere, una questione di democrazia paritaria e civiltà", promosso ad Ancona dal Comitato spontaneo "Voce donna" e sostenuto dall'assessorato Pari opportunità della Regione Marche: un'occasione per fare il punto sull'iter della proposta di legge regionale sulla doppia preferenza, in attesa di approvazione.

 

A tal proposito, il Governatore ha sottolineato come nel percorso della norma la Giunta regionale abbia voluto principalmente favorire il metodo del confronto, evitando il ricorso a strumenti decisionali più "coercitivi" per affrontare la discussione. Ora è però giunto il momento di dare un seguito a una richiesta che arriva da direttive nazionali: "Laddove la parità rappresentativa di genere è stata introdotta - ha continuato Ceriscioli - si è rilevato un miglioramento significativo della dialettica politica e dei processi decisionali. Sono fermamente convinto che i consessi sia regionali che comunali debbano essere lo specchio della società che rappresentano. La diversità dei punti di vista è un contributo, un arricchimento cui non si può rinunciare, e la parità di genere ne è una delle espressioni più evidenti. Ora è necessaria una presa di posizione netta per portare a termine questo percorso, scongiurando il rischio che, come spesso capita in Italia, si faccia trascorrere del tempo non dedicandolo alla maturazione di un dibattito costruttivo sui temi, quanto piuttosto sperando di aggirare il senso della norma nazionale e riuscire a mantenere lo status quo. È compito invece della buona politica dare seguito ai cambiamenti ancora prima che diventino coscienza collettiva. E per fare questo è necessario mettere da parte i destini personali per questioni più alte, più grandi, per orizzonti più vasti".

 

I lavori, che hanno visto gli interventi tra gli altri di Francesca Puglisi, ex presidente della commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, Alessia Centioni, che a Bruxelles ha fondato e presiede la EWA, la European Women Alliance, e della presidente della Commissione regionale pari opportunità Meri Marziali, sono stati conclusi dall'assessora regionale alle Pari opportunità Manuela Bora. "I tempi sono maturi per arrivare all'approvazione di questa legge - ha detto Bora - È una battaglia che voglio portare fino in fondo, di cui sono sempre stata assolutamente convinta e che sono certa potremo vincere: il mio impegno sarà totale e se entro fine anno questa proposta di legge non sarà calendarizzata, come assessore alle Pari opportunità mi prenderò la responsabilità di andare in aula anche a costo di essere sfiduciata. Mi piacciono veramente poco i giochetti di chi associa pretestuosamente la battaglia per la doppia preferenza a quella delle preferenze elettorali: sono due cose diverse. Se poi vogliamo ripensare anche le leggi elettorali in base alla legge nazionale 20/2016, che prevede una sorta di perequazione, facciamolo pure, ma non è questo il tema. Qui c'è un divario che va colmato subito: la democrazia non può più aspettare, le donne marchigiane non possono più aspettare'.

Letture:1366
Data pubblicazione : 10/11/2018 15:36
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications