Politica
Niente Bolkestein per 15 anni ai lavoratori del comparto balneare, la soddisfazione di Marinangeli: "Con la Lega si passa dalle parole ai fatti"

"Ieri è stata una giornata di svolta positiva per il destino lavorativo dei balneari. È stato raggiunto l'accordo al Senato che consente di escludere dall'applicazione della direttiva Bolkestein i lavoratori del comparto balneare per i prossimi 15 anni (sono 20 in caso di gestione diretta da parte del titolare della concessione, 25 per il concessionario che abbia l'attività balneare unica fonte di reddito)". E' soddisfatto Marco Marinangeli, capogruppo della Lega in consiglio comunale a Porto San Giorgio, per un accordo che andrà naturalmente ad esplicare i suoi effetti positivi anche sugli operatori sangiorgesi.

Niente Bolkestein per 15 anni ai lavoratori del comparto balneare, la soddisfazione di Marinangeli:

"Questa scelta consentirà alla categoria di lavorare più serena e tornare a investire - commenta infatti l'ex candidato sindaco -.  Un' ingiusta e inappropriata direttiva aveva generato fin qui delusione, sfiducia e incertezze. Grazie al Governo torna a splendere il sole per un comparto fondamentale per lo sviluppo turistico del nostro paese, che aveva smesso di fare investimenti. Cancellata una brutta pagina, ma il lavoro del Governo non finirà qui: la prossima tappa sarà la cancellazione definitiva dell'applicazione della direttiva Bolkestein".

 

"Questo risultato è stato possibile grazie all'impegno della Lega e del ministro Gianmarco Centinaio, che si è impegnato a dare una soluzione al problema, promessa ribadita pubblicamente l'8 dicembre scorso in Piazza del Popolo a Roma - sottolinea il consigliere -. Questa scelta del Governo é evidente che abbia ripercussioni positive anche per Porto San Giorgio, dove operano oltre 70 concessionari di spiaggia e l'attività dei balneari rappresenta una fetta importante dell'economia cittadina. Personalmente e a nome della categoria dei balneari, con la quale ci siamo da sempre confrontati, voglio pubblicamente ringraziare il commissario marchigiano della Lega Paolo Arrigoni e tutti i nostri parlamentari marchigiani, che hanno sostenuto e veicolato le richieste di noi che rappresentiamo la base e il filo diretto con i cittadini. Ascolto, impegno e concretezza rappresentano le caratteristiche della Lega. Ancora una volta dalle parole ai fatti". 

Letture:1049
Data pubblicazione : 18/12/2018 09:42
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
3 commenti presenti
  • marco

    18-12-2018 19:16 - #3
    Beato consigliere di opposizione, oltre a rimarcare che la sua, la vostra opposizione fa ridere il Sindaco e la sua Amministrazione, mi permetta di di aggiungere che sono quasi 12 anni che la Bolkestein viene prorogata dai vari governi che si sono succeduti. E' quindi assolutamente ridicolo attribuirsi il merito di averla bloccata. Siamo seri, consigliere: lei era molto meglio come civico, più moderato, meno interventista e mano logorroico. Il potere logora chi non ce l'ha. Fatevi una ragione della vostra irrilevanza.
  • marco marinangeli

    18-12-2018 11:48 - #2
    Mi permetta di dire che il suo commento abbia origine da informazioni confuse, che la direttiva non fosse applicata ai balneari Italiani non risulta da nessuna parte, piuttosto e' vero il contrario. Per risponderle al suo quesito cosa centra la Lega, e' evidente che la proposta e' arrivata al Senato su proposta della Lega e votata, le aggiungo per trasparenza anche da alcuni gruppi di opposizione. Per quanto riguarda le chiacchiere a cui lei fa riferimento, mi sento di poter dire senza nessuna polemica che appartengono ad altri e non alla Lega , che contrariamente ogni giorno dimostra di ascoltare e di procedere, laddove possibile, con soluzioni concrete ai problemi dei cittadini.
  • MA COME NO....

    18-12-2018 10:17 - #1
    Si vabbe' ma che ca.....ppero c' entra la Lega? E' stato ampiamnte precisato che la direttiva NON si sarebbe mai applicata alla situazione italiana.... solo che i nostri concessionari avevano iniziato il pianto greco (visto che c' erano, pure turco - cipriota - siriano - sangiorgese e costiero adriatico) appena si sentì parlare di "mettere delle regole".... ma scherziamo? E se dobbiamo seguire le regole quando riusciamo a fare soldi? E' stata la direttiva europea fin da subito a NON applicarsi a noi, non le chiacchiere della Lega.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications