Politica
Tassa di soggiorno. Laboratorio Civico: “Massima solidarietà agli operatori e assurdità delle decisioni dell’Amministrazione”

“Finalmente il PD locale ha gettato la maschera del finto buonismo e della collaborazione con tutti per il bene del Paese.  Già in consiglio comunale lo aveva fatto nel corso dell’ultima assemblea quando, di fronte alle puntuali e legittime richieste di chiarimento sulla questione Fim, si era assistito ad un silenzio di tomba dai banchi della maggioranza, naturale conseguenza dell’assenza di qualsiasi attenzione alle parole da noi pronunciate. Ora però ci si lancia in strali e anatemi anche contro gli operatori turistici, rei, a detta del PD, di svendere il paese per il solo fatto di voler puntualizzare che loro hanno da sempre contribuito con risorse proprie anche al buon esito degli eventi organizzati dall’amministrazione” anche il Laboratorio Civico, con il suo capogruppo Alessandro Felicioni, attacca l’Amministrazione Comunale favorevole all’inserimento della tassa di soggiorno.

Tassa di soggiorno. Laboratorio Civico: “Massima solidarietà agli operatori e assurdità delle decisioni dell’Amministrazione”

“Ci sentiamo di esprimere la massima solidarietà con gli operatori e di ribadire l’assurdità delle decisioni che stanno maturando nonostante l’unanimità dei pareri contrari – continua Felicioni -. Quello che più preoccupa, però, è leggere alcune affermazioni dalle quali appare chiaro che chi parla non sa nemmeno bene di cosa si tratti. Intanto è una imposta e non una tassa.  Non è una questione di lessico, la differenza è sostanziale. Fosse stata una tassa ci sarebbe stata una corrispondenza diretta tra quanto pagato ed il servizio offerto; invece, siccome è una imposta, non c’è un legame diretto tra entrate e uscite ma solo una previsione di legge che impone di investire il gettito in servizi per il turismo. Allora il problema è capire se e in che misura ciò che viene pagato è reinvestito come la legge prevede. Non è vero che nessuno vuol pagare le tasse (rectius le imposte); nessuno vuol pagare le imposte destinate ad un servizio che non c’è.”

 

“Leggiamo che occorre istituirla per evitare di chiedere agli operatori un qualcosa di più di quello che la legge ci impone. È falso – prosegue Felicioni -. Intanto sarebbe impossibile chiedere agli operatori qualcosa che non è previsto per legge.  Sono loro che, lo scorso anno, hanno contribuito spontaneamente. E poi non c’è nessun obbligo di istituire l’imposta.  Leggiamo anche che si tratterebbe di una questione di equità. A noi non appare equo imporre un balzello per servizi che vengono forniti dagli stessi operatori. E poi, infine, la confessione e la sintesi di tutto: la malcelata prepotenza di ventilare la possibilità di definire un maggior carico del tributo laddove gli operatori non dovessero continuare a sostenere gli eventi dell’amministrazione” conclude il Laboratorio Civico.

Letture:613
Data pubblicazione : 13/01/2019 13:59
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications