Politica
Porto Sant'Elpidio, -4 al consiglio comunale aperto sull'erosione. Il Laboratorio Civico dice no alla mozione condivisa: "Non ci presteremo ad alcun teatrino, quella di sabato solo una passerella"

Si scalda il clima a Porto Sant'Elpidio in vista del consiglio comunale aperto di sabato mattina a Villa Baruchello sull'annosa questione dell'erosione costiera, durante la quale prenderanno la parola anche i vertici dell'amministrazione regionale, dal governatore Luca Ceriscioli agli assessori Fabrizio Cesetti, Moreno Pieroni e Angelo Sciapichetti.

In vista del consesso le forze politiche cittadine di maggioranza e di opposizione stanno lavorando a una mozione condivisa: chi sicuramente non appoggerà quest'iniziativa è però il Laboratorio Civico di Alessandro Felicioni, che ha ufficializzato la propria contrarietà con una nota stampa.

Porto Sant'Elpidio, -4 al consiglio comunale aperto sull'erosione. Il Laboratorio Civico dice no alla mozione condivisa:
Alessandro Felicioni

"Non voteremo alcuna mozione al prossimo consiglio comunale, quello “aperto” per discutere dell’erosione - scrive Felicioni nella nota -.  Non ci presteremo ad alcun teatrino né daremo il nostro avallo a quella che presumibilmente sarà una pura e semplice passerella politica con la quale si darà ufficialmente il via alla campagna elettorale per le regionali del prossimo anno".


"Possiamo permettercelo - prosegue il consigliere comunale. Non dobbiamo rendere conto ad alcun partito, non dobbiamo sostenere alcuna candidatura per le regionali; facciamo riferimento solo ai cittadini di Porto Sant’Elpidio. E non pensiamo sia utile né questa transumanza di personaggi che mai e poi mai hanno dato prova di tenere alla nostra città, né la sceneggiata che si sta organizzando in cui, dopo aver risolto il problema principale di arginare eventuali interventi inevitabilmente e legittimamente scomposti da parte di qualche cittadino che non ha più molta voglia di cerimoniali, l’amministrazione locale si strapperà le vesti per giurare e spergiurare che l’impossibile è stato fatto e, di rimando, quella regionale, guarda caso dello stesso colore, prometterà di fare in un anno quello che non ha voluto fare in 10".


"L’unico colpo di scena che potrebbe insaporire l’insipida minestra che ci stanno propinando, e che forse ci farebbe cambiare idea, sarebbe vedere il sindaco e la maggioranza mettere spalle al muro l’amministrazione regionale dichiarandosi pronta a non sostenere il partito nelle prossime elezioni senza la certezza, nero su bianco, delle scogliere emerse. Ce li vedete? Io no - punge Felicioni -. Noi pensiamo che unirci al carrozzone in processione a chiedere non si sa bene cosa ci precluda definitivamente la possibilità di tornare sull’argomento e mettere l’amministrazione comunale (attuale e passata) di fronte alle proprie responsabilità politiche e, perché no, patrimoniali.
Anzi, pensiamo che l’idea sia proprio stata partorita per mettere in fuorigioco tutta l’opposizione. Se tutti siamo d’accordo, qualsiasi cosa succederà ci si dirà serenamente: “Ma abbiamo approvato la mozione tutti insieme, cosa possiamo fare di più?”.
Non firmeremo nessuna manleva a questa amministrazione che, dal nostro punto di vista, ha molte responsabilità sul fenomeno".


"Sicuramente la Regione è stata pessima e, in ogni occasione, non manca di ribadirlo, però quello che pensiamo noi è che le colpe della Regione sono legate ad una fase successiva, quella della ricerca dei rimedi - argomenta il commercialista -. Le colpe dell’amministrazione comunale, invece, sono legate all’insorgere del fenomeno e all’incapacità di limitarlo, anche quando i soldi c’erano. Ricordiamo che tra barriere soffolte, sacchi di tela e ripascimenti sporadici ed inutili la nostra amministrazione ha sperperato oltre 8 milioni di Euro: 8 MILIONI!
Prendersela ora con la Regione perché non fa le scogliere emerse e non chiedersi se e in che misura sussistono colpe interne per l’aggravarsi del fenomeno è come prendersela con il dottore che ci diagnostica un male incurabile e non con ciò che lo ha provocato".


"La nostra posizione sull'erosione è la stessa di sempre - prosegue Felicioni -. Noi pensiamo che il danno non sia solo di origine naturale ma anche dovuto ad alcuni interventi posti in essere dalle precedenti amministrazioni e dall'incompetenza e superficialità con la quale si è portato avanti il progetto delle scogliere sommerse. Il lungomare a ridosso della spiaggia senza alcuna analisi preventiva delle conseguenze, i pennelli a nord e a sud che hanno di fatto impedito il ripascimento naturale, la grottesca operazione delle scogliere sommerse nella quale sono stati dilapidati più di otto milioni e che ci ha portato alla causa con la ditta esecutrice.
Appiattirsi oggi su una posizione così supina significherebbe scagionare l'amministrazione attuale e quella precedente da qualsiasi responsabilità. Non possiamo permetterlo.
E nessuno ci venga a dire che se non votiamo la mozione non vogliamo le scogliere emerse.
Se non sono servite infinite processioni e richieste dei balneari ed innumerevoli mareggiate per convincere la Regione nemmeno a richiedere lo stato di emergenza (ma il sindaco non aveva fatto fare la corsa ai balneari solo qualche settimana fa per rendicontare tutti i danni, con la assicurazione del supporto della Regione?!?), non pensiamo che una mozione congiunta, ad un anno dalla scadenza del mandato elettorale, possa fare molto, se non, appunto, disimpegnare l'amministrazione locale e magari aprire la campagna elettorale per le regionali dell'anno prossimo, con promesse tanto eclatanti quanto vane"

Letture:3557
Data pubblicazione : 19/02/2019 10:40
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications