Politica
Incendio al Circo Orfei. Morese attacca:"Cittadini sangiorgesi vessati dai fastidi delle strutture circensi. È ora di dire basta"

“E’ ora di dire basta a spettacoli circensi che impattano negativamente sulla condizione di vita dei cittadini che abitano nelle zone circostanti” - arrivano immediate le dichiarazioni del coordinatore comunale di Fratelli d’Italia a seguito dell’incendio che si è sviluppato nel circo ospitato nella zona  nord di Porto San Giorgio.

Incendio al Circo Orfei. Morese attacca:

“Se è vero che la politica non può arbitrariamente concedere o meno l’autorizzazione agli “spettacoli viaggianti”, per i quali si avvia iter amministrativo apposito, è altrettanto vero che non può trascurare il lamento dei cittadini sangiorgesi. Ogni anno - continua Morese - i sangiorgesi che abitano nei pressi delle zone che ospitano le strutture circensi sono vessati ingiustamente da tutti quei fastidi che posso risultare dall’avere a due metri da casa, praticamente un zoo”.

 

“E’ normale che sul lungomare nord e sud della nostra città sostino strutture che ospitano animali di ogni genere anche pericolosi? Siamo così sicuri di poter garantire la sicurezza dei nostri cittadini? Sono domande che meriterebbero una risposta certa ed una assunzione chiara di responsabilità. Chiediamo al sindaco e al Consiglio Comunale di rivedere i regolamenti comunali in materia e di potenziare il controllo su queste attività che incidono pesantemente su aspetti chiave della città come igiene, sicurezza, immissioni e, in alcuni casi purtroppo, maltrattamento degli animali detenuti”.

 

“La nostra - spiega Morese - non è in alcun modo una crociata contro il circo che vanta un posto speciale nella tradizione del nostro Paese, ma una segnalazione chiara che viene dai nostri cittadini che debbono subire ingiustamente una serie di vessazioni che non hanno ragione di esistere. Perché se da una parte c’è il diritto di lavorare nel circo, dall’altra c’è il diritto del cittadino di vivere a casa sua senza subire odori maleodoranti e con la sicurezza di non incappare in situazioni pericolose che vanno dagli incendi, all’incontro di animali pericolosi”.

Letture:5400
Data pubblicazione : 21/07/2018 11:54
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
4 commenti presenti
  • Perchè prendersela con i circhi?

    23-07-2018 09:17 - #4
    Perchè tanta rabbia contro i circhi Morese? Potrebbe essere una bellissima destinazione lavorativa per te e per quelli del tuo partito.... Indovina quale ruolo potresti ricoprire in un circo....avresti un futuro! Tu, la Meloni, tanti tuoi colleghi.... pensa che occasione!
  • Franco

    22-07-2018 14:50 - #3
    Morese, per qualche apparizione in più e qualche presunto votarello che cosa non si affermerebbe. Ci sono nazioni in cui la cultura circense è prima rispetto a tante altre attività che da noi vanno per la maggiore, vedi calcio. L'arte circense si studia nelle scuole primarie e Tu vorresti sostenere che una delle maggiori famiglie circensi gli Orfei Italiane creano solo disturbo. Suvvia Morese un pò di cultura non guasterebbe prima di voler essere un politico non credi ? Salvo che nella vostra cultura destrorsa non intendete paragonare le famiglie circensi ai cosi detti "Rom" a voi tanto cari. Morese non arriverete molto lontano con questa politicuccia da quattro soldi !
  • ffrancesco

    21-07-2018 15:49 - #2
    Morese, è vero che la presenza di circhi può essere mal sopportata da alcuni ma non da tutti, Il pericoloso è quando non ci sono i circhi, in quell'aree camprestre vengono posteggiate migliaia di auto senza senso e senza vie di sbocco , li veramente c'è pericolo per un eventuale incendio che si dovesse sviluppare.. a questo punto una ELIAMBULANZA non potrebbe atterrare in nessun posto.
  • Orfeo9

    21-07-2018 14:58 - #1
    Bravo Morese hai ragione, l'unico spettacolo circense ammesso è quello della politica, teatrino infaticabile che tra comunicati stampa e selfie ci allevia le giornate.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications