Politica
Botta e risposta Lega e PD. Tulli vs D'Alessio sui risultati elettorali, il sisma, l'Hotel House, la sanità e la Camera di Commercio

“Penosa ed imbarazzante è la politica del Partito democratico sia a livello nazionale che locale, visto il risultato elettorale ottenuto nelle ultime votazioni – l'attacco del consigliere Lega Gianluca Tulli. Lasciando da parte la stucchevole polemica sull'istituzione della nuova questura di Fermo, facilmente documentabile tra l'altro, veniamo ad alcuni temi politici glissati dal coordinatore comunale D' Alessio.”

Botta e risposta Lega e PD. Tulli vs D'Alessio sui risultati elettorali, il sisma, l'Hotel House, la sanità e la Camera di Commercio

“Nessuna risposta sulla camera di commercio Marche sud – continua la nota di Tulli. Lega e M5s si stanno battendo per difendere questa istituzione, molto importante per le piccole e medie imprese locali. Il PD cosa pensa? Cita in maniera strumentale il giornale Avvenire sui dati delle morti in mare dei migranti. I dati reali, resi noti il 17 luglio 2018 a Ginevra dall'Oim, l'Agenzia delle nazioni Unite per la immigrazione, vedi grafico riportato, dimostrano come le morti certe siano passate dal 2017 a metà luglio 2018, da 3116 a 1443, a sostegno, se ce ne fosse ancora bisogno, della tesi che meno partenze, non regolari, meno morti.”

 

“Sul punto Hotel House di Porto Recanati, il PD, per anni alla guida della regione, non si è mai interessato seriamente del problema ed anzi, sottacendo le criticità, ha fatto credere che fosse un esempio di convivenza – prosegue il consigliere della Lega. Ora prendo atto, da quanto affermato dal coordinatore D'Alessio, che la soluzione proposta dal Pd e ribadita dal Sen. Verducci è la fornitura, da parte della regione, di un container per un presidio di polizia permanente. Come dichiarato dalla consigliera regionale Malaigia, secondo il PD, “con un paio di agenti a turno, gli ascensori cominceranno a funzionare, la fogna a cielo aperto ed i rifiuti si dissolveranno, gli appartamenti sequestrati e abusivamente occupati spariranno, i cadaveri sotterrati nei dintorni riprenderanno vita, tornerà l'acqua potabile, gli spacciatori si redimeranno”.”

 

“In merito alla critica rivolta all'attuale maggioranza sulla questione terremoto – ha proseguito Tulli - mi limito a fare solo alcune considerazioni: ricostruzione ferma, cittadini che alloggiano ancora negli alberghi, moduli abitativi consegnati non agibili e molti ancora da consegnare. A distanza di due anni, l'inefficienza dimostrata dal governo centrale e regionale penso non abbia eguali. Una serie di emendamenti, approvati dal governo attuale, ha migliorato sostanzialmente un D.L, fatto dal governo PD, deficitario in molti aspetti.

 

“Un'ulteriore domanda che pongo al coordinatore D'Alessio è sulla sanità. Dopo che il Partito Democratico ha reso la sanità fermana la cenerentola della regione Marche, chiedo a che punto è la realizzazione del nuovo ospedale. Nel 2016, in pompa magna, si è fatta una conferenza stampa per dire che l'ospedale sarebbe stato realizzato entro il 2018, ma a parte qualche nastro rosso per delimitare la zona, nulla più” ha cobncluso.

 

 

Non si è fatta attendere la risposta di Carlo D'Alessio, Segretario Cittadino PD di Fermo: “Evidentemente il buon Tulli sta ancora cercando di ottenere il punteggio per l'abilitazione di giovane dirigente della Lega. Dopo la partenza d'obbligo contro gli immigrati, la prova prevede la polemica giornaliera con il PD, non importa su cosa e con quale fondamento, ed il tiro al Rom con il fucile ad aria compressa. Al fine di evitare quest'ultima prova, gli rispondiamo anche oggi, sperando che il Tulli raggiunga il punteggio necessario.”

 

 

Fa bene Tulli, leghista di ferro da 20 giorni, a dire che sulla questura ed altro (Provincia compresa) "è meglio non parlarne più perché a parlare ci penseranno i documenti!" Infatti, quando la polemica spicciola lascerà il passo alla storia, troveremo che sulla proposta di legge relativa alla istituzione della provincia di Fermo in Regione, c'è il nome di Pietro Diletti, in Parlamento quello di Fabrizio Cesetti, e dell'istituzione della questura quello di Paolo Gentiloni. Tutto il resto, come direbbe il compianto Franco Califano, "è noia!"” - la puntualizzazione di D'Alessio.

 

Sulle "batoste elettorali" – ha proseguito il Segretario PD - da dirigente locale qual'è ancora Tulli, (poi tra una ventina di giorni si vedrà vista la rapidità di carriera) crediamo che farebbe bene ad occuparsi di quelle della Lega locale, visto che, pur in un momento favorevolissimo a livello nazionale, riescono a perdere dappertutto a livello locale. Dopo Sant'Elpidio a mare e Porto San Giorgio, è arrivata anche la batosta di Porto Sant'Elpidio, dove le vittorie sono tutte targate PD!”

 

Infine sulla camera di commercio, vorremmo chiedere a Tulli alcune cosette, se ad esempio ne comprende il funzionamento, se sa da chi sono composte, se sa chi decide, come si sono espresse le rappresentanze territoriali che la compongono, se sa come si sono espresse le altre camere di commercio della regione, se sa che anche in caso di stop del Governo saranno gli stessi soggetti a doversi esprimere di nuovo?

Se Tulli sa dare risposte a queste domande, cosa di cui dubitiamo fortemente, la domanda è:- da chi, la politica, dovrebbe difendere la camera di commercio di Fermo? Da loro stessi?

È evidente, e concludiamo, che Tulli parla di cose che non conosce e non si sforza di capire, nel piu puro stile Legastellato, convinto che in fondo, una falsità ripetuta piu volte diventi verità. In questo pensiamo che Tulli, sia del tutto coerente con il "Governo del cambiamento" in salsa Gattopardiana” ha concluso D'Alessio.

 

 

“Nessuna risposta sulla camera di commercio Marche sud – continua la nota di Tulli. Lega e M5s si stanno battendo per difendere questa istituzione, molto importante per le piccole e medie imprese locali. Il PD cosa pensa? Cita in maniera strumentale il giornale Avvenire sui dati delle morti in mare dei migranti. I dati reali, resi noti il 17 luglio 2018 a Ginevra dall'Oim, l'Agenzia delle nazioni Unite per la immigrazione, vedi grafico riportato, dimostrano come le morti certe siano passate dal 2017 a metà luglio 2018, da 3116 a 1443, a sostegno, se ce ne fosse ancora bisogno, della tesi che meno partenze, non regolari, meno morti.”

 

“Sul punto Hotel House di Porto Recanati, il PD, per anni alla guida della regione, non si è mai interessato seriamente del problema ed anzi, sottacendo le criticità, ha fatto credere che fosse un esempio di convivenza – prosegue il consigliere della Lega. Ora prendo atto, da quanto affermato dal coordinatore D'Alessio, che la soluzione proposta dal Pd e ribadita dal Sen. Verducci è la fornitura, da parte della regione, di un container per un presidio di polizia permanente. Come dichiarato dalla consigliera regionale Malaigia, secondo il PD, “con un paio di agenti a turno, gli ascensori cominceranno a funzionare, la fogna a cielo aperto ed i rifiuti si dissolveranno, gli appartamenti sequestrati e abusivamente occupati spariranno, i cadaveri sotterrati nei dintorni riprenderanno vita, tornerà l'acqua potabile, gli spacciatori si redimeranno”.”

 

“In merito alla critica rivolta all'attuale maggioranza sulla questione terremoto – ha proseguito Tulli - mi limito a fare solo alcune considerazioni: ricostruzione ferma, cittadini che alloggiano ancora negli alberghi, moduli abitativi consegnati non agibili e molti ancora da consegnare. A distanza di due anni, l'inefficienza dimostrata dal governo centrale e regionale penso non abbia eguali. Una serie di emendamenti, approvati dal governo attuale, ha migliorato sostanzialmente un D.L, fatto dal governo PD, deficitario in molti aspetti.

 

“Un'ulteriore domanda che pongo al coordinatore D'Alessio è sulla sanità. Dopo che il Partito Democratico ha reso la sanità fermana la cenerentola della regione Marche, chiedo a che punto è la realizzazione del nuovo ospedale. Nel 2016, in pompa magna, si è fatta una conferenza stampa per dire che l'ospedale sarebbe stato realizzato entro il 2018, ma a parte qualche nastro rosso per delimitare la zona, nulla più” ha cobncluso.

 

 

Non si è fatta attendere la risposta di Carlo D'Alessio, Segretario Cittadino PD di Fermo: “Evidentemente il buon Tulli sta ancora cercando di ottenere il punteggio per l'abilitazione di giovane dirigente della Lega. Dopo la partenza d'obbligo contro gli immigrati, la prova prevede la polemica giornaliera con il PD, non importa su cosa e con quale fondamento, ed il tiro al Rom con il fucile ad aria compressa. Al fine di evitare quest'ultima prova, gli rispondiamo anche oggi, sperando che il Tulli raggiunga il punteggio necessario.”

 

 

Fa bene Tulli, leghista di ferro da 20 giorni, a dire che sulla questura ed altro (Provincia compresa) "è meglio non parlarne più perché a parlare ci penseranno i documenti!" Infatti, quando la polemica spicciola lascerà il passo alla storia, troveremo che sulla proposta di legge relativa alla istituzione della provincia di Fermo in Regione, c'è il nome di Pietro Diletti, in Parlamento quello di Fabrizio Cesetti, e dell'istituzione della questura quello di Paolo Gentiloni. Tutto il resto, come direbbe il compianto Franco Califano, "è noia!"” - la puntualizzazione di D'Alessio.

 

Sulle "batoste elettorali" – ha proseguito il Segretario PD - da dirigente locale qual'è ancora Tulli, (poi tra una ventina di giorni si vedrà vista la rapidità di carriera) crediamo che farebbe bene ad occuparsi di quelle della Lega locale, visto che, pur in un momento favorevolissimo a livello nazionale, riescono a perdere dappertutto a livello locale. Dopo Sant'Elpidio a mare e Porto San Giorgio, è arrivata anche la batosta di Porto Sant'Elpidio, dove le vittorie sono tutte targate PD!”

 

Infine sulla camera di commercio, vorremmo chiedere a Tulli alcune cosette, se ad esempio ne comprende il funzionamento, se sa da chi sono composte, se sa chi decide, come si sono espresse le rappresentanze territoriali che la compongono, se sa come si sono espresse le altre camere di commercio della regione, se sa che anche in caso di stop del Governo saranno gli stessi soggetti a doversi esprimere di nuovo?

Se Tulli sa dare risposte a queste domande, cosa di cui dubitiamo fortemente, la domanda è:- da chi, la politica, dovrebbe difendere la camera di commercio di Fermo? Da loro stessi?

È evidente, e concludiamo, che Tulli parla di cose che non conosce e non si sforza di capire, nel piu puro stile Legastellato, convinto che in fondo, una falsità ripetuta piu volte diventi verità. In questo pensiamo che Tulli, sia del tutto coerente con il "Governo del cambiamento" in salsa Gattopardiana” ha concluso D'Alessio.

Letture:1116
Data pubblicazione : 29/07/2018 18:20
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • Cartesio

    30-07-2018 16:45 - #2
    Due povere comari che, al calar del sol,e con il loro “fascio” dell'erba (quella rimasta) portano un mazzolin di rose e di viole, onde, siccome sono abituati, (Renzi o Verducci e tanti altri a scelta) ornare, dimani (quando sperano di tornare grandi), al dì di festa (le elezioni) il petto e il crine. Siede con le vicine (Bargoni, Rossi, Di Ruscio, Berlusconi, Salvini e Di Maio) su la scala a filar i vecchierelli , (Calcinaro ed i tanti giovani vecchi della politica) incontro là dove si perde il giorno e novellando del loro buon tempo (quando pensavano tutti di diventare importanti, indispensabili e…statisti) e quando tutti ai dì della festa (le elezioni) si ornavano (di mille promesse), ed ancor sani e snelli soleano danzar (danzar sta per parlare) la sera intra (insieme) di quei ch'ebbero compagni dell'età più bella (Ceroni, Renzi, Bersani, Berlusconi, e Bertinotti) . Parafrasando il Sabato del Villaggio abbiamo la sintesi dell’inutile soliloquio dei due duellanti oramai piccole testimonianze di un tempo passato. Tulli ultimo nato in casa Lega e D’Alessio un segretario per tirare a campare. Brave persone ma “inutili” alla vera politica. Ci vuole altro per risollevare la sinistra e ci vogliono altri per dare spessore alla Lega. Che dire….. in alcuni casi è meglio tacere che raccontar poesie…inutili!
  • NON MI SEMBRA

    29-07-2018 18:39 - #1
    Non mi sembra che il livello del dibattito in questione sia talmente elevato da dover essere scritto due volte di seguito nello stesso articolo. O forse volevate garantire il diritto di parola a tutti e due i "dibattenti" ?
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications