Politica
Marcotulli e Felicioni presentano il loro piano di riqualificazione del patrimonio pubblico. E il commercialista promette: "Se vinciamo rinuncio all'indennità da vicesindaco e assessore"

Pronto un piano di ristrutturazione e riqualificazione del patrimonio pubblico, manutenzione del verde, di luoghi d'interesse e strade, partendo da possibili economie nella spesa pubblica, recupero crediti e rinuncia agli emolumenti personali, per una somma di circa 700.000 euro annui.
Un piano a 360°, che parla di livelli importanti da raggiungere che qualifichino l'estetica di Porto Sant'Elpidio, migliorandone l'accoglienza turistica, dando le prime vere risposte per una città che deve tornare a crescere, un progetto che sappia razionalizzare al meglio anche le risorse umane a disposizione, rivedendo in maniera dettagliata i piani di manutenzione dei beni pubblici, dalle strade ai marciapiedi, dalle scuole agli edifici pubblici, dai parchi alle aree verdi.

Marcotulli e Felicioni presentano il loro piano di riqualificazione del patrimonio pubblico. E il commercialista promette:

Questo il primo lavoro che Giorgio Marcotulli e Alessandro Felicioni, alla guida del centrodestra e del Laboratorio civico, hanno sviluppato in questi pochi giorni, frutto della coesione dei due programmi e dell'unione delle competenze.


"Ci hanno detto che sappiamo solo criticare ma loro, leggendo il bilancio, sanno solo spendere – nota Felicioni - I primi cento giorni da assessore al bilancio li impiegherò per concretizzare alcuni interventi di facile attuazione che consentiranno un notevole risparmio della spesa corrente e senza intaccare minimamente i costi del personale o le funzioni fondamentali quali sicurezza, scuola, turismo e commercio. Somme recuperate e da mettere a disposizione della giunta e del consiglio comunale per individuare, con metodo partecipativo e condiviso, il miglior uso possibile in base alle priorità più urgenti. Si parte con le spese di gestione della macchina amministrativa: tra consumi di beni e servizi e "altre spese", impegniamo circa 1,4 milioni di euro. Basta un taglio del 5% per recuperare 70 mila euro. Sul fronte rifiuti un piccolo taglio del 3% della spesa attuale (circa 3,6 milioni) genererebbe circa 100 mila euro di risparmio. Io credo che si possa fare.
E poi il recupero dei crediti tributari. Va potenziato l'ufficio tributi, che potrebbe generare una maggiore efficacia riscossiva nella fase antecedente l'ingiunzione. 350 mila euro possono essere recuperati se si migliora di un 5% la percentuale di incasso attuale. La posizione con la FIM spa (quella non ancora rateizzata) va negoziata e va imposto un versamento importante dell'ordine di alneno 50 mila euro annuali. Sul fronte indebitamento, via alla rinegoziazione con un risparmio in termini di interessi e rate annuali del 5%, per un importo di circa 116 mila euro".

Felicioni annuncia inoltre l'intenzione, in caso di successo, di rinunciare all'indennità da vicesindaco e assessore: "Visto che mi si dice che faccio tutto questo per le poltrone, rinuncerò agli emolumenti, mettendoli a disposizione per la costituzione di un fondo, da asservire a quello che si deciderà, per un importo di circa 35 mila euro, che è da intendere come gesto simbolico di condivisione. Insomma, 700 mila euro all'anno non sono difficili da recuperare, basta volerlo".


"Ristrutturare e riqualificare il patrimonio pubblico, assicurare un piano ciclico di manutenzioni è possibile – assicura il candidato sindaco Giorgio Marcotulli – Insieme abbiamo redatto un programma concreto e fattibile che nell'immediato fornirà risposte alla collettività. Il centrodestra aveva già assunto nel suo programma alcuni impegni precisi da attuare nei primi 100 giorni. Insieme al Laboratorio civico abbiamo studiato ulteriori proposte che andranno ad ottimizzare il funzionamento della macchina comunale. Stiamo parlando di razionalizzare l'utilizzo del personale, con una calendarizzazione degli interventi che dedichi specifiche giornate alla cura del verde o di altre porzioni del patrimonio pubblico. Stiamo parlando di interventi ciclici di manutenzione dei plessi scolastici secondo i gradi di priorità. Ad ogni settore della pubblica amministrazione abbiamo deciso di dedicare un gruppo di lavoro, che si occuperà di studiare le problematiche ed elaborare soluzioni nel breve, medio e lungo periodo".

Letture:1903
Data pubblicazione : 20/06/2018 15:28
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications