Pubblica Amministrazione
Senza risorse e senza strade: la quotidiana battaglia dei Sindaci contro il dissesto

Dopo Marinangeli da Amandola, anche la Gualtieri chiede attenzione per Monsampietro Morico e per tutto l'entroterra fermano

Senza risorse e senza strade: la quotidiana battaglia dei Sindaci contro il dissesto

Si è sempre detto che tutte le strade portano a Roma. Questa volta, però, si può affermare che tutte le strade devono essere salvate (e subito) da Roma.

 

Partiamo da qui, dall'urgenza di una messa in sicurezza della rete viaria del nostro territorio, per rendere conto della visita negli uffici “che contano” della Capitale da parte di uno dei tanti Sindaci del Fermano, Romina Gualtieri, impegnata a rappresentare le istanze della comunità di Monsampietro Morico. Una piccola Don Chisciotte che, come tanti altri, quotidianamente, si ritrovano ad operare senza risorse davanti ad un gigante chiamato dissesto idrogeologico.

 

Già ad inizio settimana Adolfo Marinangeli, primo cittadino di Amandola, aveva posto l'attenzione su un situazione oramai insostenibile, parlando di un crescente sentimento di rassegnazione.

“Le strade non esistono più - aveva affermato - e al loro posto si sono sostituiti torrenti improvvisi e dirompenti, che rendono impossibile garantire sicurezza e transitabilità. Occorre un patto di collaborazione tra enti, imprenditori agricoli, Protezione civile e Stato, perché se non arriva un aiuto forte dall'alto non riusciamo a venirne fuori, non riusciamo a dare risposte e garanzie ai cittadini”.

 

Dallo stesso Marinangeli era arrivata anche la richiesta di un piano di interventi nazionale, che permetta una riorganizzazione della gestione di territori fragili e abbandonati, proprio come l'area montana del Fermano.

 

“Sono settimane che proviamo a resistere - aveva concluso Marinangeli - ma con i pochi fondi a disposizione siamo ormai al collasso e sull'orlo di soccombere alla continua azione degli eventi atmosferici. Dobbiamo abbandonare il vecchio metodo e cominciare a prendere in considerazione il territorio, la sua estensione i chilometri quadrati che devono essere tutelati e garantiti. I tanti chilometri di strade comunali devono essere sistemate e messe in sicurezza”.

20160623_162520

Anche la Gualtieri, in questi giorni, ha voluto far sentire la propria voce, recandosi presso la Struttura di Missione contro il dissesto idrogeologico presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Tra gli argomenti all'ordine del giorno, i fondi necessari per ricostruire dopo quasi 2 anni il ponte sul fiume Ete Vivo.

 

“Ho avuto l'opportunità di rappresentare l'estrema fragilità del nostro entroterra fermano - ha rimarcato la Gualtieri - rammentando tutti gli episodi che si sono susseguiti dall'alluvione del 2011, che condusse alla totale scomparsa di una strada nella frazione di Sant'Elpidio Morico, poi ricostruita, alla recente bomba d'acqua del 6 giugno scorso, manifestando la forte preoccupazione per l'ardua percorribilità della rete viaria dell'entroterra, al fine di evitare il conseguente isolamento”.

 

Ma quella che si manifesta come una “battaglia quotidiana”, trova come baluardi chi agisce, da punto di vista istituzionale e imprenditoriale, per difendere la propria terra. “In tanti hanno deciso di abitare ed investire nell'entroterra fermano - ha aggiunto il Sindaco - e meritano la stessa tutela di coloro che abitano in altre località. E ancor più andrebbero premiati rispetto a coloro che beneficiano di numerosi servizi nei grandi agglomerati urbani”.

Letture:2503
Data pubblicazione : 24/06/2016 13:10
Scritto da : Andrea Braconi
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications