Religione
Amandola si prepara a rendere omaggio al Beato Antonio suo protettore

Il freddo e la neve di gennaio non fermeranno i festeggiamenti di Amandola per il suo cittadino più illustre, con un triduo pieno di appuntamenti spirituali e culturali. Il Beato Antonio (nato il 17 gennaio 1355 – 25 gennaio 1450), il cui corpo è conservato intatto nella cappellina della Chiesa di S. Agostino da 566 anni, è da tutti riconosciuto come il protettore della città di Amandola e la sua devozione va ben oltre i confini del comune montano.

Amandola si prepara a rendere omaggio al Beato Antonio suo protettore

Per questo il comune con la parrocchia e la preziosa confraternita degli Agostiniani di S. Nicola da Tolentino, ogni anno organizza una grande festa in occasione della sua nascita in cielo.
Sabato 23 gennaio, alle ore 17,00 presso la Sala Consiliare del Comune, l’amministrazione comunale presenterà il nuovo libro del prof. Raffaele Tassotti di Montalto "Le Foglie di Mortula", ispirato alle reali vicende della Storia Picena ed Amandolese in particolare. Sarà presente il sindaco di Amandola, dott. Adolfo Marinangeli che introdurrà la serata.
“Come ospite d’eccezione - dice il sindaco - avremo anche il professor Moscatelli dell’Università di Macerata, esperto medievalista, che pochi mesi fa ha presentato un interessantissimo lavoro sull’Abbazia di S. Ruffino. L'incontro con il prof. Tassotti tra l'altro sindaco di Montalto Marche sarà un'altra ghiotta occasione per scoprire l’importanza storica di Amandola. Non è un caso che quest’anno abbiamo voluto inserire anche questo evento all’interno delle festività del B. Antonio, in modo da scoprire sempre più l’importanza di Amandola a livello storico e culturale”.
Per quanto riguarda il triduo di preghiera, va segnalata, sempre sabato 23, l’omelia tenuta dal vice parroco di Amandola, Don Christian Bulai sulle virtù del Beato Antonio di Amandola, messo a confronto col Beato Antonio di Ducrovic, paese d’origine del sacerdote.
Domenica 24, alle ore 11, verrà inaugurata la mostra permanente, voluta fortemente dall'amministrazione comunale sui documenti storici del B. Antonio nel corridoio della Chiesa, allestito dalla Confraternita in collaborazione con il Comune .
Lunedì 25, ore 11. 30, messa solenne presieduta dal Priore agostiniano di Tolentino P. Massimo Giustozzo. Per l’occasione la Confraternita, la quale ha preso in gestione il convento dopo che tre anni fa gli Agostiniani hanno lasciato per carenza di vocazioni, provvederà alla vestizione di tre nuovi confratelli. Per l’occasione il Maestro Sandro Barchetta animerà la sacra Liturgia con musiche all’organo ottocentesco, il quale ha ritrovato il suo suono originario, grazie al recente restauro finanziato dall’amministrazione comunale.

Letture:1335
Data pubblicazione : 18/01/2016 10:54
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications