Religione
E' nella quotidianità che qualcuno ti passa accanto e ti dice "vieni". Riflessione di Mons. Conti con i diaconi e candidati al diaconato
E' nella quotidianità che qualcuno ti passa accanto e ti dice
E' nella quotidianità che qualcuno ti passa accanto e ti dice

Venerdì 26 febbraio scorso, a casa "San Lorenzo", Mons. Luigi Conti ha guidato la riflessione per i Diaconi e i Candidati prossimi al diaconato, sul Vangelo di Matteo e, in modo particolare, sul tema della chiamata, prendendo in considerazione Mt 9,9 (la chiamata di Matteo) e Mt 4,18-22.

Ha messo in evidenza che non si è chiamati una volta per tutte, anche se dal Vangelo può sembrare così, e ha invitato a comprendere la dinamica della chiamata nella Bibbia così da comprendere la nostra chiamata, evitando che della vocazione si abbia una dimensione troppo umana. Analizzando il testo, ha spiegato che la situazione in cui si trova il chiamato è una situazione feriale: mentre sta lavorando. Infatti, è nella ferialità - ha continuato - che qualcuno ti passa accanto e ti dice "vieni". Questo è una situazione simbolica, perché, in genere, la chiamata avviene mediante fatti ben precisi, in un momento di difficoltà, ad esempio, o grazie a parole che ci hanno rivolto delle persone che ci hanno accostato.

Spesso nelle chiamate, come in quelle dei profeti, c'è l'obiezione "ma io come posso....". Questo per ricordare che i chiamati non sono migliori di altri ed hanno continuamente bisogno di convertirsi a Dio. Dopo l'obiezione dell'uomo, nel testo sacro troviamo il gesto di rassicurazione di Dio a Mosè titubante davanti al roveto ardente, Dio risponde: "Io sarò con te", dà istruzioni, poteri taumaturgici e un interprete, nella persona di Aronne , per ricordarci che solo nell'amore di Dio le azioni diventano efficaci.

Facendo riferimento al versetto 18 del capitolo 4° di Matteo, scopriamo che se diciamo "Sì" a Dio dobbiamo prendere un treno in corsa, cioè entriamo a far parte di una vita dinamica che non va sprecata ma spesa. Infatti, Gesù cammina, è in movimento e chiama quando gli uomini sono fermi. Sottolineando questo aspetto l'Arcivescovo ha sollecitato tutti a chiedersi che cosa significhi, per noi, questo "stare fermi" e proseguendo si è soffermato sulla vocazione nell'ordinazione diaconale. Infatti, essa si fa concreta nel momento in cui il candidato pronuncia il suo "eccomi" davanti al Vescovo ma ha bisogno di una cura, di una formazione permanente, altrimenti si corre il rischio di perdersi. La vocazione ha bisogno di essere alimentata, non a caso il Concilio Vaticano II parla di formazione permanente. Occorre ritrovare spesso lo specifico della propria vocazione, la propria "vocabilità", anche per poterla cogliere negli altri e farla, eventualmente, scoprire ad altri. Inoltre, ha continuato, non si può riuscire ad essere fedeli alla chiamata semplicemente affidandosi alla coerenza, occorre la Fedeltà, di Dio, anzitutto, ma quella è certa; una fedeltà che può essere vissuta in particolare attraverso la virtù dell'obbedienza.

Proseguendo nell'analisi del testo, l'Arcivescovo ha spiegato che Gesù compie un altro gesto particolare "vide", che vuol dire "fissò lo sguardo" sul chiamato, uno sguardo che è già in progetto per quella persona. Poi, Disse loro: "venite dietro a me"; Dio si fa Voce per chiamarci alla Sua sequela. E' da lì che inizia il nostro cammino essendo consapevoli di Chi stiamo seguendo; poiché rischiamo di seguire un'idea di Gesù Cristo, magari anche importante, ma una nostra idea, come, ad esempio, fecero gli apostoli che lo videro come colui che avrebbe restaurato il regno di Israele, piuttosto che Gesù/Dio stesso. E forse, è per questo motivo, ha continuato che Matteo ha inserito questo brano prima delle Beatitudini in cui si svela il nuovo regno di Dio.

Ha poi evidenziato l'originalità di questo Maestro, diverso da quelli dell'epoca che venivano cercati dai discepoli. Qui è Lui che cerca i discepoli in obbedienza al disegno del Padre, e li cerca perché possano mostrare la fedeltà e l'amore di Dio. E questo - ha concluso Mons Conti - è motivo di speranza, specialmente davanti ai nostri limiti. Possiamo seguire Gesù contando soprattutto sulla sua Fedeltà e su questa base poggiare la nostra.

"
Letture:1325
Data pubblicazione : 03/03/2010 12:34
Scritto da : redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications