Sanità
Nuovo ospedale di Fermo. Donati della CISL: " Argomento pre-elettorale tra opportunisti e marziani". LEGGI LA NOTA INTEGRALE

“Dopo mesi di silenzio a seguito della messa a nudo della politica della propaganda di alcuni emeriti esponenti politici locali, che ne avevano fatto materia di consenso elettorale, è ripartito il tormentone sul nuovo ospedale di Fermo”. Inizia così la nota del segretario regionale Cils Giuseppe Donati sul futuro del nuovo ospedale di rete. “Segnale questo che la macchina elettorale per le elezioni regionali del 2015 si è messa in moto e che i consueti opportunisti non intendono, nemmeno stavolta, perdere l’occasione di privarsi di un argomento che nel recente passato ha permesso loro di conquistare voti e poltrone”.

Nuovo ospedale di Fermo. Donati della CISL:

Donati che, nella sua nota, spiega: “La Cisl FP, negli ultimi anni, in ogni occasione e sede, ha evidenziato la “patacca” nascosta dietro gli altisonanti annunci di certezza sulla fattibilità dell’opera e sulla sua realizzazione. Per questo il sottoscritto è stato definito come un soggetto che spargeva pessimismo a danno del territorio. E’ arrivato, però, il giorno fatidico in cui tutti si sono accorti che il finanziamento per il nuovo ospedale non c’era e, dopo i clamori iniziali e lo sconcerto dei veri o falsi creduloni e dei marziani che non si sono resi conto dove vivono, è sceso il silenzio su quanto avvenuto. Nessuno di coloro che con questo argomento aveva fatto campagna elettorale, ha chiesto scusa ai fermani e neppure si è assunto la responsabilità delle promesse non mantenute. Nessuno!”.

Segretario regionale CISL che prosegue: “Adesso, dopo l’annuncio scontassimo della ricandidatura Spacca, senza pudore alcuno, ricomincia la tiritera. Come Sindacato CISL FP abbiamo l’obbligo morale di denunciare innanzitutto, che grazie alle patacche sul nuovo ospedale, il territorio di Fermo, negli anni, ha perso tempo prezioso e finanziamenti essenziali per eseguire le opere necessarie e rendere accettabili, decenti e a norma le strutture sanitarie dell’Area Vasta 4. Questo, nei confronti del territorio, è stato un vero e proprio delitto, perché, al pari di altre realtà marchigiane, se alcuni lavori strategici di ristrutturazione fossero stati adeguatamente finanziati quindi eseguiti e conclusi prima dell’acuirsi della crisi, oggi non saremo di fronte a cantieri aperti da anni e lavori faticosamente mandati avanti con la paura che qualche ditta che li sta eseguendo possa fermarsi”.

 

LEGGI LA NOTA INTEGRALE

Letture:2570
Data pubblicazione : 14/07/2014 10:01
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications