Sanità
Al via la campagna antinfluenzale nelle Marche, con 250 mila dosi disponibili gratuitamente I medici danno il buon esempio aderendo all'iniziativa social

È iniziata oggi, nelle Marche, la campagna antinfluenzale 2015-2016, con molti medici che aderiscono all'iniziativa social #IoVaccino. Fino al 31 dicembre oltre 250 mila dosi di vaccino sono gratuitamente disponibili presso gli ambulatori dei medici di medicina generale e i servizi vaccinali dell'Asur (Azienda sanitaria unica regionale). Sono chiamate a vaccinarsi le persone a rischio, gli anziani sopra i 65 anni, i soggetti con patologie croniche e gli stessi operatori sanitari, molti dei quali stanno aderendo alla compagna social #IoVaccino.

Al via la campagna antinfluenzale nelle Marche, con 250 mila dosi disponibili gratuitamente  I medici danno il buon esempio aderendo all'iniziativa social

Questa mattina, Fabrizio Volpini (presidente della IV Commissione permanente Sanità e Politiche sociali), Alessandro Marini (direttore generale Asur) e Giuliano Tagliavento (dirigente Asur PF Prevenzione e Promozione della salute), si sono sottoposti alla vaccinazione presso il Dipartimento di prevenzione di Ancona, rilanciando l'iniziativa nazionale divenuta virale sui social network. È stata promossa da un gruppo di genitori, dopo che una bimba di pochi mesi ha contratto una malattia che si credeva debellata e prevedibile con un semplice vaccino. VaccinarSì, il portale delle vaccinazioni della Società italiana di igiene ha rilanciato l'iniziativa, invitando gli operatori sanitari a partecipare e diffondere immagini con gli hashtag "#IoVaccino", "#IoMiVaccino, No alla #disinformazione e #TeamVaxItalia.

Nella stagione 2014-2015 milioni di italiani si sono ammalati di influenza. Sono stati segnalati oltre 450 casi gravi e 160 decessi per influenza confermata: quasi l'80% dei casi gravi e il 90% dei decessi presentavano almeno una patologia cronica preesistente, ma solo il 7,6% risultava vaccinato. Di qui l'appello rinnovato a proteggersi tramite il vaccino, con gli stessi medici a dare il buon esempio.

Soggetti a rischio. Vengono considerate persone a rischio, per le quali la vaccinazione è gratuita, tutti gli anziani che abbiano superato i 65 anni di età, soggetti affetti da malattie croniche a carico dell'apparato respiratorio o cardiocircolatorio, soggetti affetti da diabete mellito e altre malattie metaboliche, da malattie renali con insufficienza, da malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie, da tumori, da immunodepressione congenita o indotta da farmaci o da HIV, da malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinale, da patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici, da malattie neuromuscolari, bambini e adolescenti sottoposti a trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico. Altre categorie, per le quali è, inoltre, raccomandata la vaccinazione, sono gli operatori sanitari e tutti i soggetti impiegati in attività di assistenza o, comunque, di primario interesse collettivo, i contatti stretti familiari di soggetti appartenenti alle categorie a rischio sopra elencate, le donne in gravidanza nel secondo e terzo trimestre e gli individui ricoverati in strutture di lungodegenza, case di riposo oppure frequentanti Centri diurni per portatori di handicap. La vaccinazione antinfluenzale è inoltre fortemente consigliata per quanti, per motivi di lavoro, vengono a contatto con animali (es. allevatori, macellatori, veterinari) che potrebbero essere fonte di infezione da virus influenzali aviari.

Letture:2564
Data pubblicazione : 16/11/2015 16:02
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • a pensar male.....

    16-11-2015 17:34 - #1
    Ma come? Non è pericoloso vaccinarsi? Si va incontro all' autismo, alla demenza, alla irradiazione da nuclei radioattivi che servono al Supremo Potere Mondiale per sapere tutto di noi: cosa diciamo, mangiamo, leggiamo, quante volte sparliamo del Governo, andiamo al cesso e facciamo l' amore, se mettiamo le corna al comiuge o mangiamo le braciole proibite.... Rischiamo la vita, il tumore, la distrofia, la tubercolosi, la demenza senile precoce, diventiamo scemi e telecomandati e magari diamo pure retta a Salvini ! Oh, ma ci pensate ai rischi della vaccinazione! Lo dice INTERNET sa, mica io !
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications