Sanità
Sanità fermana. Cisl: “Entro fine settembre decine di dipendenti perderanno il lavoro a causa della scadenza dei contratti a tempo determinato. Nessuno sconto al nuovo direttore Livini"

Area Vasta 4. “I temi contrattuali sul tappeto – spiega il segretario regionale CISL Giuseppe Donati - sono tantissimi come pure i problemi storici della sanità fermana che stentano a trovare risposte concrete. Di sicuro è finito il periodo feriale estivo, connotato da tante parole a ruota libera, le promesse politiche più disparate, il chiacchiericcio vario”. A preoccupare è un fatto su tutti: a fine settembre decine di dipendenti dell’Area Vasta 4 di Fermo perderanno il lavoro.

Sanità fermana. Cisl: “Entro fine settembre decine di dipendenti perderanno il lavoro a causa della scadenza dei contratti a tempo determinato. Nessuno sconto al nuovo direttore Livini

Donati che ci va giù duro: “Promesse che sono andate da un nuovo ospedale a Fermo alla grande rivoluzione dell'Asur, al nuovo ruolo dei Direttori di Area Vasta. Cambiare tutto per non cambiare nulla. L'ASUR rimane il carrozzone di sempre ed i Direttori di Area Vasta sono sempre, per modo di dire, commissariati visto che autonomamente possono decidere quasi nulla. In Area Vasta 4, il 14 settembre inizierà un confronto vero e senza sconti. La CISL FP vorrà risultati. I contratti pubblici sono bloccati da 6 anni e per i dipendenti la trattativa aziendale è fondamentale”.

La domanda che la CISL pone all’attenzione pubblica è: da dove si riparte a Fermo? “Prima di tutto – spiega Donati . per la CISL FP va chiarito, che senza una vera e seria politica sul personale, ogni promessa fatta da Marini e Livini ai Sindaci e alle varie associazioni sono destinate a rimanere tali. Nelle Marche dal 2009 ad oggi sono stati tagliati 2000 dipendenti mentre in Area Vasta 4 i posti liberi e non coperti sono circa 180. L'idea della Regione è di tagliare ancora sul personale. A farne le spese saranno soprattutto i tanti operatori a tempo determinato che vedranno non rinnovato il loro contratto ed i giovani infermieri che si affacciano al mondo del lavoro senza prospettive. Entro fine settembre in Area Vasta 4 in decine di dipendenti perderanno il lavoro a causa della scadenza dei contratti a tempo determinato. Questo, non perché sono superflui ma solo perché bisogna risparmiare. Per capire l'emergenza, basterebbe analizzare quanto avvenuto nei mesi estivi durante i quali gran parte dei turni di ferie del personale infermieristico è stata coperta con ore aggiuntive in assenza di personale sostituivo. Con questa filosofia, Fermo è destinata a rimanere l'ultima della classe in sanità. Non per scarsa preparazione e competenza dei professionisti sanitari ma per scelte regionali folli messe in atto negli ultimi anni, accompagnate da un'azione di rappresentanza politica locale troppo timida, poco autorevole ma molto opportunista”.

Segretario regionale di CISL che aggiunge: “Ceriscioli in pieno agosto ha tracciato con la DGR 666 la rotta della sanità almeno per quel che resta del 2015. Taglio netto delle risorse per investimenti, beni e servizi e tecnologia e parziale sostituzione del personale. Pensare che nei servizi territoriali ma anche ospedalieri di AV4 molte apparecchiature sono vetuste se non addirittura dichiarate dallo stesso ufficio tecnico “da rottamare” per vecchiaia. Si potranno sostituire? Visti i tagli, se verranno sostituite non avverrà a breve. Per capire quanto sarebbe necessario investire in acquisti, basterebbe andare a vedere con quali automobili si spostano gli infermieri dell'ADI ed il loro chilometraggio medio. Per non parlare delle liste di attesa, piaga che potrebbe essere affrontata e risolta se ci fossero le necessarie risorse per il personale che permettesse l'apertura serale dei servizi. I Direttori dell'ASUR e di AV non hanno perso occasione per dire che bisogna coinvolgere il personale nella nuova visione della sanità. A Marini e a Livini suggeriamo di essere conseguenti e di provvedere entro il 2015 all'attribuzione ai dipendenti di una fascia economica ( fasce bloccate da 6 anni) e liquidare SUBITO agli operatori dell'AV 4 il salario di produttività e le indennità di disagio, vergognosamente bloccati a causa di passaggi illegittimi previsti dal carrozzone ASUR. Se un Direttore di Area Vasta, infatti, non ha nemmeno, come prevede la legge regionale n.17, il potere di sottoscrivere definitivamente gli accordi decentrati, per quale motivo dovrebbe percepire 120 mila euro all'anno? Qualcuno risponda ai dipendenti perché i soldi bloccati dall'ASUR sono parte del loro stipendio e non una simpatica elargizione. Al contrario, una reazione forte sarà inevitabile”.

Letture:3826
Data pubblicazione : 10/09/2015 11:02
Scritto da : Paolo Paoletti
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications