Sanità
Porto San Giorgio. Croce Azzurra, intervento del sindaco Nicola Loira

“Grazie al lavoro di squadra che vede coinvolta l'Amministrazione comunale, la presidente Marisa Trobbiani, l'ex presidente Massimo Agostini, il nuovo direttivo della Croce Azzurra, la Regione e i vertici dell'Asur, la triste vicenda che ha coinvolto la Pubblica assistenza sangiorgese s'avvia a trovare una positiva soluzione che torna ad assicurare il servizio sul territorio cittadino”.

Porto San Giorgio. Croce Azzurra, intervento del sindaco Nicola Loira

E' quanto sostiene il sindaco Nicola Loira nel suo intervento sulla vicenda legata alla Croce Azzurra. L'Amministrazione comunale ha fattivamente contribuito in virtù delle buone relazioni tenute direttamente dal primo cittadino. “Il territorio non è rimasto mai sguarnito del servizio, La Croce verde di Fermo ha messo a disposizione i propri mezzi garantendo l'efficacia dell'azione quotidiana ai cittadini – prosegue Loira - . Nei giorni scorsi si è parallelamente andati avanti con l'attività amministrativa, che coinvolge l'Asur e la Regione. Porterà, nel giro di pochi giorni, a ripristinare le attività della Croce azzurra in seguito ad un sopralluogo. Se ne occuperà un'apposita Commissione, la quale valuterà strutture e mezzi ed in seconda battuta rilascerà i relativi accreditamenti ed autorizzazioni”.
Senza voler attribuire colpe e responsabilità su quanto avvenuto nei giorni scorsi, Loira intende esprimere soddisfazione e gratitudine per l'unità di intenti e la sinergia che a vari livelli è stata messa in campo “affinché la comunità torni a beneficiare del prezioso servizio della Croce Azzurra. Ferisce profondamente – prosegue poi - constatare, prima come cittadino poi come sindaco, che per l'ennesima volta c'è chi non perde l'occasione per speculare su più fronti, strumentalizzando a proprio vantaggio anche una questione così seria che riguarda indistintamente tutta la comunità ed una istituzione tanto cara alla stessa. E' auspicabile che atteggiamenti come questi, ai quali nonostante gli anni non è facile abituarsi, possano definitivamente cessare. Talvolta rimanere in silenzio può essere il modo migliore per fare gli interessi della comunità sangiorgese”.

Letture:4290
Data pubblicazione : 16/10/2015 15:40
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • Lucio D.

    17-10-2015 02:15 - #2
    A volte penso che a capo di certe Amministrazioni ci mettano il meno capace di tutto il pollaio, oppure quello che si ritiene il più furbo fra i galli e le galline che popolano certi partiti politici, ed il caso della Croce Azzurra di Porto San Giorgio sta a testimoniarlo, oltre ogni precisazione. I fatti raccontano di un sindaco che, per farsi bello e intraprendente, si auto-elogia per una cosa che si guarda bene dallo spiegare, cita “tristi avvenimenti” che, (.)Come mai non racconta da cosa sia stato causato l’eventuale pericolo? Ci nasconde che cosa abbia provocato il possibile danno per la popolazione, a lui basta incensarsi per trasformare la “triste” vicenda in un MEGA SPOT PROMOZIONALE sulle proprie capacità di mediazione, dimenticando di accennare ad un eventuale procurato allarme che la legge potrebbe anche punire severamente. Ho il timore, ma a sto punto credo sia una certezza, che costui ci ritenga tutti (...)gente che non si merita spiegazioni ma solo finte rassicurazioni, non avendo da costui nessuna spiegazione seria dei fatti in questione, neanche l’avere un dubbio sulle capacità organizzative della dirigenza della Croce Azzurra, costui le veda come una cattiveria che gente di scarso valore umano, come dovrebbero essere quelli come noi, solleva per mettere in difficoltà la sua stessa Amministrazione, mentre è proprio l’atteggiarsi a salvatore della Patria Assistenziale, senza raccontarci la verità, dimostra che non di dubbio sul mal funzionamento della Croce Azzurra bisognerebbe avere, ma addirittura sulla sanità mentale di questo sindaco dalle amicizie numerose. Se Loira crede che dopo questo comunicato possa zittire le folle, forse sta sbagliando i suoi calcoli, è proprio con comunicati del genere che la gente comune si comincia a domandare da chi viene amministrata, da chi detiene le leve del potere, e con quale arrogante permesso si permetta di accusare di speculazioni strumentali tutti quelli che invece dovrebbero prima di tutto conoscere i motivi della “triste” vicenda e poi giudicare chi si sia comportato bene e chi meno bene e non ascoltare una sola campana che, in questo caso suona stonata, talmente stonata da indurre in molti ad un ripensamento circa il mantenerla sul campanile oppure demolirla come certi atteggiamenti indurrebbero a fare.
  • Pino

    16-10-2015 16:03 - #1
    Un foglio di via no eh? ??
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications