Sanità
Fermo, Medicina: presentati stamane i lavori della 39^ Tornata degli Studi Storici dell’Arte Medica e della Scienza e del Simposio Medico (Palazzo Azzolino, 14-15/09)

Si apriranno Venerdì prossimo, 14 Settembre (ore 9, Sala Consiliare della Camera di Commercio di Fermo), i lavori della 39^ Tornata – International Conference, mentre quelli relativi al Simposio Medico, si svolgeranno nel pomeriggio dello stesso giorno (a partire dalle ore 14, Sala Assemblee della Carifermo). Lavori che si concluderanno Sabato 15 Settembre, con la Tavola Rotonda sul “Medical Humanities e storia della medicina nella formazione medica: futuro e prospettive”. Un convegno internazionale di livello assoluto, organizzato dallo Studio Firmano per la Storia dell’Arte medica e della Scienza e sostenuto dalle Università di Padova, Macerata e Politecnica delle Marche; dal Centre for the Study of Medicine and the body in the renissance, dall’Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri, dalla Camera di Commercio, da Comune e la Provincia di Fermo, dalla Cassa di Risparmio di Fermo, dai MITI, dall’Area Vasta 4/Asur Marche, l’Inrca/Irccs, dal Laboratorio Piceno della dieta mediterranea e, per quanto concerne la mostra dedicata a Loris Premuda, da Daca Vetrine.  

Fermo, Medicina: presentati stamane i lavori della 39^ Tornata degli Studi Storici dell’Arte Medica e della Scienza e del Simposio Medico (Palazzo Azzolino, 14-15/09)

L’evento è stato presentato stamane nel corso di una Conferenza Stampa svolta nella Sala Conferenze dell’Ordine dei Medici, Chirurghi ed Odontoiatri della Provincia di Fermo, introdotta e moderata dalla Dr.ssa Anna Maria Calcagni (Presidente dell’ OMCeO provinciale stesso) che, dopo i saluti di rito, ha altresì sottolineato la presenza di illustri relatori: “Prevista la partecipazione di personaggi di livello internazionale, per uno dei momenti più importanti e rappresentativi per l’intero territorio”. Il saluto delle istituzioni cittadine è stato portato dal Vice Sindaco di Fermo Francesco Trasatti: “Un consolidato rapporto di collaborazione che rinnoviamo, mantenendo una sinergia che va al di là del valore scientifico, poiché pone ancora una volta la nostra città in vetrina. Il lavoro di organizzazione di questo evento di altissimo prestigio è stato grande e notevole e per questo ringrazio tutti i soggetti coinvolti. La Medicina è parte di questa città e patrimonio della stessa: l’occasione è quella di mettere sul tavolo le grandi potenzialità di Fermo, città Unesco, che proprio attraverso queste iniziative va a qualificare quel riconoscimento di “Città degli Studi” che quest’anno ci è stato assegnato”.

Al centro della Tornata, i temi riconducibili alla “Storiografia Medica del ‘900 in Europa”, che verrà dibattuto ed affrontato da studiosi di fama internazionale (su tutti il Prof. Vivian Nutton) e della Storia della Medicina e la Medicina contemporanea in dialogo tra loro nel corso del Simposio Medico “Dalla Medicina di Precisione alla visione olistica”, che illustrerà il percorso compiuto dalla medicina dagli albori del metodo scientifico sino ad oggi. Il tutto, anche attraverso il ricordo delle Tornate che dal 1955 vedeva il Dr. Mario Santoro raccogliere a Fermo i principali storici della medicina italiana ed europea del ‘900 e di fatto collocando la nostra città fra le più all’avanguardia in relazione alla storiografia medica.

“Abbiamo messo insieme due eventi importantissimi – ha fatto notare il Dr. Andrea Vesprini, Reggente dello Studio Firmano – Uno storico/medico, l’altro collegato alla storia della medicina, ma proiettato sull’attualità. Il tutto, finalizzato a far uscire la storia della medicina – disciplina di settore - anche all’esterno, perché dalla rilettura di quanto avvenuto nel passato possiamo imparare molto: la storia insegna molto, anche su questo. Successivamente, Sabato mattina ci sarà una tavola rotonda molto importante, che riguarderà il futuro della formazione del medico attraverso il confronto fra studiosi europei, tenendo presente l’aspetto del rapporto umano medico/paziente”.

La 39^ tornata suggellerà anche il sodalizio tra lo Studio Firmano e l’Università degli Studi di Padova, nel segno di Loris Premuda, storico della medicina che ha legato il suo nome non solo all’ateneo patavino, ma anche alla Studio Firmano stesso, al quale ha donato la sua meravigliosa biblioteca privata in nome della grande amicizia che lo legava al Prof. Mario Santoro.

Significativo, anche l’intervento del Dr. Licio Livini, Direttore dell'area Vasta 4 di Fermo, che dopo essersi complimentato per il lavoro di tutela della storia di questo importante settore della scienza portato avanti dallo Studio Fermano, ha sottolineato che: “Questo è il momento di guardare avanti, al di là dei progressi tecnologici. Dobbiamo guardare a quello che sarà la medicina, anche attraverso l’aspetto della valorizzazione del medico. Mi sento di affermare che in futuro ci mancheranno i medici: una prospettiva che stiamo prendendo in seria considerazione. Credo che sia giunto il momento di iniziare una opportuna discussione, in un percorso che parta dall’alto coinvolgendo istituzioni ministeriali, regioni, atenei, ordini dei medici, sindacati, società scientifiche e quant’altro, per arrivare all’adeguamento della dotazione medica. Lavorando tutti insieme, si potrà arrivare al valore ed alla tutela del lavoro medico. Non so se nel programma ci sarà spazio, ma l’occasione del Simposio appare giusta per discutere anche di questo, perché una discussione in tal senso ed in prospettiva credo sia opportuno avviarla. Questo allarme non è teorico, ma lo stiamo toccando con mano quando registriamo difficoltà nell’andare a reperire soprattutto certe figure mediche. A breve, questo potrà mettere in difficoltà i servizi: è il momento che ognuno, per la propria parte, qualcosa debba fare”.

“Il tratto di questo Simposio – ha puntualizzato il Dr. Pietro Scendoni, Coordinatore Scientifico dello stesso e membro del Consiglio Direttivo dello Studio Fermano – è che oggi la medicina del futuro non può prescindere da un passato. La medicina di precisione è medicina che ancora deve venire, ma si palpa. Cioè non c’è un farmaco che va bene a tutti, non c’è un approccio che va bene a tutti, ma uno personalistico. Nella medicina specialistica che abbiamo oggi, la necessità è quella di mettere in rete efficienza ed efficacia dei vari specialisti. Non possiamo pensare al medico tuttologo di 40 anni fa, ma non possiamo nemmeno reggere la medicina iperspecialistica che abbiamo oggi se non ci mettiamo in una visione olistica, che non è medicina alternativa, ma abbraccia la visione complessiva del paziente”.  

20180908_123405

Registrati anche gli interventi del Prof. Alici Biondi dell’Università di Macerata, del Rettore dell’Università Politecnica delle Marche Dr. Sauro Longhi, della Dr.ssa Fabiola Zurlini (Vice Reggente e Responsabile Scientifico dello Studio Firmano), del Presidente della Camera di Commercio Graziano Di Battista, del Dr. Giampiero Macarri e di Giulio Cesare Vinci Gigliucci, già ambasciatore d’Italia a Stoccolma.

Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications