Approfondimenti
Fermo. “AMIAMO LA PIAZZA, MA...”: residenti del centro storico a confronto con Calcinaro e Torresi. Il punto dopo il secondo confronto

I residenti del centro storico tornano a farsi sentire: oggetto del contendere ancora una volta la gestione della logistica degli eventi e delle manifestazioni di Piazza del Popolo.

Dopo un incontro avvenuto lo scorso 31 luglio con l'Assessore al Commercio Mauro Torresi, la settimana scorsa gli abitanti del cuore della città sono stati nuovamente ricevuti dall'amministrazione comunale, stavolta alla presenza anche del Sindaco Paolo Calcinaro.

 

Fermo. “AMIAMO LA PIAZZA, MA...”: residenti del centro storico a confronto con Calcinaro e Torresi. Il punto dopo il secondo confronto

L'obiettivo dei residenti, così come scritto nel volantino distribuito nelle varie abitazioni nei giorni immediatamente precedenti, era quello di “presentare tutte le nostre osservanze e cercare di ottenere qualche riscontro positivo”.

Al centro dell'attenzione non le problematiche “storiche” di chi vive in Piazza del Popolo, quelle legate in particolar modo ai parcheggi e all'accesso con le macchine, ma una serie di situazioni emerse con l'insediamento della giunta Calcinaro.

 

“Fin dal confronto di quest'estate – raccontava Pierpaolo Vallesi, uno dei promotori, nelle ore immediatamente precedenti l'incontro – avevamo segnalato alcune criticità: un calendario di eventi particolarmente congestionato, la mancanza di orari di interruzione della musica, i decibel eccessivi, la sicurezza e ultimamente anche il degrado della Piazza”.

Quest'ultimo è il punto che Vallesi approfondisce maggiormente, raccontando anche di aver girato un video intorno alle 18:30 di lunedì scorso che documentava la sporcizia dopo i quattro giorni della manifestazione Fermo e Pasta: “Abito da 40 anni in Piazza ma non l'ho mai vista in queste condizioni, c'è uno sporco impressionante – attacca -. Vi invito a guardare le condizioni dei sampietrini e della pavimentazione di entrambi i loggiati, in particolar modo di quello a destra entrando dall'arco della Strada nuova. Poi se vi concentrate sulle colonne, su una troverete la muffa, su un'altra l'erbetta: insomma, è una situazione indecente. Amo la Piazza e mi piange il cuore vederla così”.

 

Sul punto, va da sé, l'opinione del sindaco Paolo Calcinaro differisce in maniera sensibile: “In merito alla pulizia dopo Fermo e Pasta ci sono stati problemi imprevisti e di natura eccezionale – spiega il primo cittadino -. Credo comunque che il legittimo fastidio per alcune situazioni specifiche non possa stravolgere l'ottica di tutto: non si possono non vedere i risultati conseguiti da questa amministrazione, dal recupero dell'orologio o del loggiato di San Rocco all'interramento di tutti i cavi e i quadri elettrici che rovinavano l'immagine della Piazza ben più di una macchia di sugo, fino al recente cambio del sistema di illuminazione che l'ha resa molto più luminosa”.

 

In ogni caso, Vallesi riconosce che, almeno per quanto riguarda la musica e il rumore, qualcosa è già migliorato dopo l'incontro di luglio, dato che l'amministrazione si è mostrata disponibile ad ascoltare proposte e consigli anche sul posizionamento dei palchi e degli impianti sonori.

Da parte sua, quindi, massima disponibilità al dialogo e al confronto: “Cerco di gestire il malumore e l'ira di qualche residente particolarmente innervosito dalla situazione – rivela – ma il mio obiettivo è calmare gli animi perché se dall'amministrazione arrivassero risposte adeguate sarei il primo ad essere contento: la nostra è una protesta finalizzata a far sì che le cose vadano nel verso giusto. Amiamo la Piazza e siamo contenti di vederla piena, ma a determinate condizioni per noi residenti e senza che questo porti a un suo degrado complessivo”.

 

Anche perché, evidenzia ancora Vallesi, se prima le manifestazioni si concentravano prevalentemente nel periodo estivo, adesso il programma è particolarmente fitto e spalmato su dodici mesi: ad esempio, spiega sempre il residente, già la sola presenza della pista di ghiaccio sotto Natale tutti i giorni per quasi due mesi rappresenta un notevole aggravio in più rispetto al passato.

Da questo punto di vista, comunque, è risaputo quale sia la posizione dell'amministrazione, recentemente espressa anche da Mauro Torresi: “Il problema fondamentale è quale idea di città e di centro storico abbiamo in mente – scriveva a inizio settembre l'assessore in una lettera aperta sul tema -. Ci stiamo impegnando su molteplici piani per promuovere una strategia di rilancio del centro storico, che passa certo per investimenti su strutture pubbliche, per forme d’incentivazione alle attività commerciali o per eventi di taglio culturale, ma anche per iniziative enogastronomiche, concerti, musica, balli in piazza, animazione per bambini, rievocazioni storiche con annesse cene di contrada e per le tante, tantissime presenze di turisti e anche di fermani di ogni età che hanno deciso di riappropriarsi del centro della loro città”.

 

Ciò non toglie che l'amministrazione sia intenzionata ad ascoltare ancora le richieste dei residenti del centro storico: “Ci siamo ripromessi di aggiornarci prima delle singole stagioni – commenta Calcinaro – ed è chiaro che sia nostro dovere valutare ogni possibile accorgimento. Altrettanto chiaro, però, è che non tutti i desiderata possano essere sempre accolti. Tra l'altro non va nemmeno sottovalutata la rilevanza sociale di avere una serie di eventi significativi in Piazza, perché fanno in modo che i nostri ragazzi rimangano in zona limitando le possibilità che, allontanandosi troppo, finiscano in giri poco raccomandabili”.

 

In chiusura Vallesi si dice moderatamente soddisfatto dell'esito dell'incontro: “E' stata una riunione abbastanza positiva – spiega –. Anche in questo caso ci è sembrato che la giunta sia disposta a prendere in considerazione i nostri suggerimenti. Il nostro obiettivo comunque è semplicemente quello di evidenziare delle problematiche che magari gli amministratori fanno fatica a vedere, non certo quello di arrivare a un'interruzione delle manifestazioni”.

 

Letture:2486
Data pubblicazione : 16/10/2018 12:21
Scritto da : Andrea Pedonesi
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • Marianna

    16-10-2018 21:45 - #2
    Premetto che vi avevo inviato un messaggio alle 12.30 di oggi e che subito dopo è stato cancellato. Ripropongo il mio pensiero : per la sporcizia ci vuole più senso civico e magari qualche operatore in più per accelerare i tempi di pulizia. Per il resto, vi meritate solo di rintanarvi nei centri commerciali il sabato e la domenica
  • FERMANO VERO

    16-10-2018 13:16 - #1
    FUORI DA PIAZZA CHI NON RISIEDE ENTRO LE MURA CITTADINE, BASTA DEGRADO E CASINO, LA PIAZZA è DEI RESIDENTE, ANDATEVENE IN CAMPAGNA A FESTEGGIARE. NOI FERMANI VERI CI SIAMO STANCATI, W LA PIAZZA LIBERA, W UNA PIAZZA CON LOCALI BELLI, W LA PIAZZA PULITA.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications