Approfondimenti
“In cinque anni sparita una città come Recanati”: natalità in picchiata e declino demografico nelle Marche

Nelle Marche nascono sempre meno bambini e la denatalità cresce a ritmi preoccupanti. E’ quanto emerge dai dati forniti dall’ISTAT ed elaborati dall’IRES CGIL. “Nel 2017 nelle Marche sono nati 10.699 bambini, record minimo storico. Rispetto all’anno precedente sono nati 813 bambini in meno (-7,1%), mentre, nell’ultimo quinquennio sono diminuiti di 1.964 unità (-15,5%). Il calo delle nascite rappresenta un fenomeno nazionale, che peraltro ha assunto un carattere strutturale, ma il trend di denatalità registrato nelle Marche è decisamente più alto sia di quello nazionale (-3,2 nell’ultimo anno e -10,9% nel quinquennio) che di quello delle altre regioni del Centro (-1,0% nell’ultimo anno e -14,0% nel quinquennio).”

“In cinque anni sparita una città come Recanati”: natalità in picchiata e declino demografico nelle Marche

“Diminuiscono i figli nati da genitori italiani (-7,3% rispetto al 2016 e -13,6% rispetto al 2013) ma, ormai da diversi anni, diminuiscono soprattutto i nati da almeno un genitore straniero (-6,1% e -24,9%); questi ultimi costituiscono l’8,9% dei bambini nati nelle Marche: valore in linea con la percentuale di cittadini stranieri residenti nelle Marche che si mantiene sostanzialmente stabile negli ultimi 10 anni.”

 

“Prosegue anche la tendenza alla diminuzione della fecondità: nel 2017 il numero medio di figli per donna nelle Marche scende a 1,25 (1,32 nel 2016), peraltro, inferiore sia alla media nazionale (1,32 a livello nazionale e 1,27 nelle regioni del Centro). Valori particolarmente preoccupanti se si considera che una popolazione, senza movimenti migratori, per rimanere costante nel tempo dovrebbe avere mediamente 2,2 figli per coppia.”

 

“Contestualmente nelle Marche crescono i decessi che nel 2017 sono 18.449, ovvero quasi il doppio delle nascite e in forte aumento sia rispetto all’anno precedente (+6,5%) che nel quinquennio (+9,4%), aumento superiore alla media nazionale e delle altre regioni del Centro.”

 

“A questi dati vanno aggiunti quelli di coloro che lasciano le Marche per l’estero: 4.692 persone nel 2017, in leggero calo rispetto all’anno precedente, ma che costituiscono comunque un numero rilevante anche considerando che si tratta solo della punta dell’iceberg di tutti coloro che emigrano all’estero, visto che l’ISTAT rileva solo coloro che hanno effettuato il cambio di residenza. Negli ultimi 5 anni, coloro che hanno lasciato le Marche per l’estero sono stati complessivamente 21.989: un numero impressionante soprattutto se si considera che tra di loro ci sono tantissimi giovani, soprattutto laureati, in cerca di migliori prospettive di lavoro e di vita.”

 

“A fine 2017, la popolazione marchigiana complessiva ammonta a 1.531.753 abitanti, ovvero 6.302 in meno rispetto all’anno precedente e 21.385 in meno rispetto al 2013: quindi è come se in un anno fosse sparito un comune come Pergola e in un quinquennio una città come Recanati! Trend che consolida un forte squilibrio demografico con la riduzione delle nuove generazioni e l’aumento della popolazione anziana.”

 

Secondo Daniela Barbaresi, Segretaria Generale della CGIL Marche, “questi dati evidenziano la necessità di affrontare il tema della denatalità nel nostro Paese e nella nostra regione con decise politiche per la maternità e paternità, e soprattutto garantendo adeguate prospettive di lavoro e reddito; lavoro stabile e retribuzioni adeguate che possano consentire soprattutto ai più giovani di formare una famiglia e decidere di avere dei figli. Politiche di sostegno alla natalità, concrete e incisive, a partire dalla garanzia di un’adeguata rete di servizi per l’infanzia, ben diverse dalle politiche dei bunus mamme o bonus bebè erogati finora che si sono rivelate inefficaci e sbagliate”.

 

“Da questo punto di vista anche la scelta del Governo di cancellare l’obbligo di astensione dal lavoro delle lavoratrici prima del parto va nella direzione sbagliata perché non si tutela ne la salute delle lavoratrici ne quella del nascituro, oltre a minare la libertà delle donne, soprattutto quelle più precarie e meno tutelate” conclude Barbaresi.

Letture:1649
Data pubblicazione : 08/01/2019 11:01
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
3 commenti presenti
  • Papadopulos

    08-01-2019 19:06 - #3
    Certo che i sindacati sono fantastici. Come dice qualcuno, sarebbe opportuno o riformarli o abolirli, vista la loro totale inutilità. Ma benedetta CGIL ma come potete sperare di essere credibili quando siete stati voi, con i vostri governi, a favorire la decrescita della natalità abbandonando una intera classe sociale, quella dei lavoratori e degli impiegati al loro destino. Avete scientemente avallato politiche di precariato sociale, senza battere ciglio e, anzi, girandovi dall'altra parte, solo perchè fatte da governi amici che, anziché, aumentare le nascite hanno terrorizzato le giovani generazioni facendo loro perdere speranza e voglia di unirsi. Avete in maniera scientifica consentito che le politiche fatte dai vostri governi fossero di macelleria sociale e di totale inadeguatezza a garantire un lavoro certo e duraturo. Delocalizzazioni, precarizzazioni, contratti bloccati per anni, flessibilità del lavoro sottopagato e, spesso, non pagato. Il made in Italy è un ricordo del passato avete consentito una globalizzazione parassitaria dove i pochi hanno avuto la meglio sui più e oggi, clamorosamente, scoprite che i figli non nascono più ? Dovete siete stati in tutti questi anni ? Sulla Luna, su Marte o su Giove. Certo siete fantastici. Per anni silenti vi accorgete solo ora che le cose non vanno e, ditemi quali soluzioni proponete, visto che i dati riportati risalgono a qualche decennio ? Far ritornare al governo il PD, magari Monti e la Fornero con i suoi duecentomila esodati che non vi siete neppure accorti che esistevano o meglio sarebbe con un governo Berlusconi ? Forse non sarebbe ora che anche voi cerchiate di rinnovarmi negli uomini e nei pensieri visto che oramai in questo paese di nuovo ci sono solo i migranti ?
  • giuseppe

    08-01-2019 12:37 - #2
    Tranquilli i catto/comunisti boldriniani sinistroidi hanno la soluzione...estirpare dai propri paesi disperati "nuovi italiani" e ripiantarli nel belpaese
  • giorgia

    08-01-2019 12:29 - #1
    E ci rendiamo conto che per la CGIL il problema è che non si abortisce abbastanza facilmente nelle Marche ??? Una faccia di bronzo incredibile, invece di aiutare in modo deciso le donne in difficoltà, chiacchiere al vento.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications