Dalla parte giusta
"DALLA PARTE GIUSTA". Il Natale a scuola in nome di Gesù

Nelle ultime ore ha fatto molto discutere quanto avvenuto in questi giorni in una scuola elementare della Riviera del Brenta, ai confini tra le Province di Venezia e Padova. Nell'istituto in questione le maestre avevano chiesto di omettere il nome di Gesù da una canzoncina di Natale per non offendere la sensibilità dei compagni di classe non cattolici: a ribellarsi alla decisione una bambina di 10 anni che, raccogliendo le firme dei compagni, è riuscita ad ottenere che la canzone si cantasse nella sua versione originale.

E' questo l'episodio al centro della riflessione dell'avvocato Andrea Agostini nel nuovo appuntamento della sua rubrica "Dalla parte giusta".

In una galassia non troppo lontana, i bambini sono prigionieri. Strappati via da mamma e papà, essi vengono condotti da nuove creature artificiali, genitori 1 e 2, in un luogo di detenzione, la famigerata scuola dell’integrazione, dove ogni tradizione culturale è bandita.
Tolti i crocifissi dalle aule, nessuna sensibilità viene più urtata e le giornate si succedono uguali tra loro fino all’arrivo della recita natalizia, quando alcuni bambini colmi di gioia nel cuore chiedono si canti il nome di Gesù.
Come d’incanto ecco allora che la prigione si apre al buon senso.
"Su, brindiamo! Festeggiamo! Questo è il giorno di Gesù", e così in coro cantando i bambini festanti tornano nelle case per augurare ai propri cari un “Buon Natale in allegria”.


Una favola dei tempi moderni? No.
E’ la realtà contemporanea delle elementari di Riviera del Brenta in Veneto dove le maestre che avevano omesso il nome di Gesù dalla canzone natalizia per rispetto dei non cattolici, sono state costrette a ripristinare il testo originale in forza di una petizione scritta da una bambina di 10 anni e sottoscritta dai suoi compagni di scuola.
Accade così che una piccolina sale in cattedra a insegnare ai grandi che l’attività di culto religioso si pone sullo stesso piano di qualsiasi altra attività parascolastica facoltativa, sia essa culturale, sportiva o ricreativa.


Un concetto elementare di laicità dello Stato eppure non semplice da comprendere se è vero che è stato necessario addirittura l’intervento del Consiglio di Stato, sez. VI, sentenza 27 marzo 2017, n. 1388, per riformare quanto deciso dal Tar Emilia Romagna, sentenza 9 febbraio 2016, n. 166, che aveva invece ritenuto fosse illegittimo concedere, pure che in orario extrascolastico e con gli alunni accompagnati dai familiari, l’uso dei locali scolastici ai parroci per la Benedizione della Pasqua.
Un braccio di ferro questo nelle scuole pubbliche tra laici e cattolici, che ci valse all’epoca della decisione della corte bolognese la prima pagina del New York Times.
All’epoca non lessi quella pagina di giornale, forse perché ieri come oggi preferisco le favole dal lieto fine dove una piccolina insegna a tutti noi adulti i valori di tolleranza, di rispetto reciproco, di valorizzazione della persona, di affermazione dei suoi diritti, di riguardo alla sua libertà, di rifiuto di ogni discriminazione, di autonomia della coscienza morale nei confronti dell'autorità.
E’ la laicità dello Stato italiano cantata da una bambina nel nome di Gesù.

Letture:1157
Data pubblicazione : 02/12/2018 11:57
Scritto da : Avv. Andrea Agostini
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications