Dalla parte giusta
BARRIERE ANTIRUMORE FERROVIARIO: SI’ O NO? Parola all'Avvocato Agostini

Nuovo appuntamento su Informazione.tv con la rubrica dell'Avvocato Andrea Agostini. Barriere antirumore ferroviario: si o no? E' questo un dei temi  più dibattuti in Regione nell'ultima settimana, dunque, cerchiamo di vederci chiaro con questo approfondimento.

 

BARRIERE ANTIRUMORE FERROVIARIO: SI’ O NO? Parola all'Avvocato Agostini

Il Piano di Risanamento Acustico di Rete Ferroviaria Italiana prevede per la lunghezza del tracciato ferroviario la realizzazione, su basamenti di altezza variabile, di pannelli in acciaio alti fino a 8 metri.

 


Quali le ragioni di attualità di un’opera simile?
La risposta è nell’alta velocità, che con essa porta l’esigenza di tutela dall’inquinamento acustico delle popolazioni interessate.

 

Del resto chi vorrebbe mai vivere in un ambiente rumoroso?
E’ questione dunque di tutela sia del diritto alla salute, che del diritto di proprietà di chi è prossimo alla ferrovia.

 


Ma al contempo, chi vorrebbe mai un affaccio su un muro di acciaio, quando prima si godeva della vista del mare o della collina? Chi andrebbe mai a fare una passeggiata lungo un viale cittadino, una volta che questo venisse sfregiato da un pannello delle dimensioni di una casa di 3 piani?

 

Vi è dunque anche un interesse alla tutela del paesaggio.

Il quadro si complica ulteriormente in considerazione del fatto che siamo in presenza di un servizio di trasporto pubblico essenziale e pertanto porre un veto, specie da parte di una singola comunità locale, rappresenterebbe un anacronistico danno alla crescita economica del Paese.

 


Come uscirne?


Il riferimento non può che essere alla legislazione in materia: la legge quadro sull’inquinamento acustico, L. 26 ottobre 1995, n. 447; il regolamento esecutivo sull’inquinamento acustico da traffico ferroviario, il DPR 18 novembre 1998, n. 459; i criteri per la predisposizione dei piani degli interventi di contenimento e abbattimento del rumore, il Decreto del Ministero dell’Ambiente 29 novembre 2000.


In breve abbiamo che R.F.I. per abbattere la rumorosità deve intervenire:


1) innanzitutto “direttamente sulla sorgente rumorosa”;
2) in secondo ordine “lungo la via di propagazione del rumore dalla sorgente al ricettore”;
3) infine “direttamente sul ricettore” interessato dal rumore ossia sugli edifici e le loro pertinenze esterne, sulle aree naturalistiche vincolate, sui parchi pubblici e sulle aree esterne destinate ad attività ricreative ed allo svolgimento della vita sociale della collettività.

 


Quest’ultimo intervento però, se è vero che è residuale rispetto ai primi due e cioè interviene quando questi non sarebbero sufficienti a contenere le immissioni rumorose entro limiti di tollerabilità, è altrettanto vero che è da preferirsi allorquando “lo impongano valutazioni tecniche, economiche o di carattere ambientale”.

 


R.F.I. dunque prima di intervenire con barriere antirumore lungo il tracciato ferroviario, misura n.2, dovrebbe dimostrare l’impossibilità di abbattere l’inquinamento acustico intervenendo direttamente sulla sorgente rumorosa, misura n.1, ad esempio la tipologia dei convogli e delle rotaie.

 


Alle comunità locali e alla Regione Marche l’onere di chiedere che ai pannelli lungo il tracciato vengano preferiti interventi su singoli edifici e su precise aree di interesse in quanto di minore impatto ambientale.

 


Non è però pensabile la questione venga affrontata a macchia di leopardo da ciascun Sindaco o dal Presidente della Regione.

 


Trattandosi infatti di interesse nazionale, non può che pretendersi uniformità di azione amministrativa a tutela tanto della salute pubblica che dell’ambiente.

 


Questo è il quadro normativo, la volontà politica? Chissà!

Letture:2556
Data pubblicazione : 27/01/2019 09:39
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • E ALLORA IL LUNGOMARE ?

    28-01-2019 09:42 - #2
    Se dobbiamo preoccuparci della bellezza del panorama, andiamo allora a passeggiare per il lungomare del ridente Comune rivierasco di cui l' Avv. Agostini è stato Sindaco.... Guardiamo il meraviglioso spettacolo di mura di cemento - giochi all' aperto - trampolini - sovrastrutture - illuminazioni artificiali - antenne - e chi più ne ha più ne metta.... che coprono la vista monotona e ripetitiva del solito mare, con le solite onde nel solito eterno e noioso movimento sulla riva del mare.... Vuoi mettere che bello spettacolo!
  • ffrancesco

    27-01-2019 14:47 - #1
    Carissimi tutti da 80 anni che convivo con il rumore dei treni . Non toccate nulla perchè qualsiasi cosa fate sarebbe sempre peggiore. Quale soluzione proponete per le ondulazioni dei condomini al 4° piano che sembr sempre il terremoto quando passano i treni? Non ci sono soluzioni . E' piacevole vedere i treni transitare, i rumoridei freni, la bellezza del mare e la meraviglia delle colline. Per quacuno che soffre d'insonnia propongo di accollarsi il costo di fare interrare la ferrovia da Casabianga a Marina palmense ( La Manica) come qualche vecchoi amministratore aveva a suo tempo sognato.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications