Le storie di Umberto
Quando a Tre Archi i tedeschi abbandonarono un treno pieno di ogni ben di Dio

Se si percorre la ciclabile, parallela alla ferrovia, che da Casabianca va a Tre Archi, si possono facilmente notare due costruzioni in muratura, ridotte a ruderi, situate a fianco della ferrovi. E' una vecchia stazione ferroviaria ridotta così da un bombardamento alleato, nel lontano 1943.

Quando a Tre Archi i tedeschi abbandonarono un treno pieno di ogni ben di Dio

C'era un treno merci tedesco, fermo in quella stazioncina, quando subì un'incursione aerea che bloccò il convoglio e ridusse la stazione come la si può, tuttora, vedere.

 

Quel treno pieno di ogni ben di Dio, bloccato ed abbandonato dai tedeschi, fu una vera manna per gli abitanti di Monte Marino e di Monte Secco, che scesero a frotte dalla collina per fare incetta di scatolame di ogni genere, sigarette, liquori, cioccolato.

 

La fame di allora era talmente tanta che per arraffare il più possibile, invece di portare a casa, nascondevano la refurtiva dentro fratte e tombini, tornando immediatamente sul treno per un'altra incetta!

 

Il movimento non sfuggì a Ferruccio de' Pipà, che, radunata sul momento una squadra di capodarchesi, fecero un raid prelevando la refurtiva che gli altri avevano nascosto dentro i tombini e tra le siepi!

Compiuto il raid, i Capodarchesi, si appostarono oltre la curva de’ “Lu Chiattu” per controllare i movimenti dei ladri derubati. Da lontano, assistettero ad una rissa, a un coinvolgimento totale degno di un film western.

 

Gli abitanti di Monte Marino e quelli di Monte Secco, irrimediabilmente scippati, se le stavano dando di santa ragione, accusandosi reciprocamente di essere i ladri: "Je’ sta vé", disse “Lu Tutu” a “Lu Rutì”, che insieme agli altri capodarchesi, osservavano la colluttazione da lontano: 

"Non se rrubba a casa de' ladri!", detto da loro che erano famosi per ciò. 

 

Ho avuto la fortuna di non aver vissuto la guerra, ma questa storia che farà sorridere, nasconde una triste realtà: per colpa di una guerra per la conquista ed il potere, si combatteva una guerra tra poveri per … fame!

Letture:2377
Data pubblicazione : 21/01/2018 09:08
Scritto da : Umberto Fratalocchi
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications