Il punto di Antonio
Il giorno del matrimonio

Ricordo il primo matrimonio a cui partecipai, non ero poi così piccolo e tutto mi sembrava straordinario: dall’abito della sposa alla cerimonia fino alle pietanze e ai tavoli pieni di gente in festa.

Il giorno del matrimonio

I giorni prima di sposarsi (poesia romana di strada) [1]

Lavoro tutta la giornata e quando verso le 7 ritorno tu esci con le amiche e io mi guardo un video porno. Come stiamo bene insieme, è proprio un incastro perfetto, l’unico momento in cui ci incontriamo è l’ora di andare a letto. Quando arrivano però le ferie possiamo rendere giustizia al nostro amore, stiamo tutto il giorno insieme e litighiamo in media per 8 ore.

Siamo proprio fatti l’uno per l’altra e lo devono riconoscere tutti, la chiesa e la società. Sono anni che ti dico andiamo dal prete per sposarci, tu hai una famiglia molto religiosa e io la devo rispettare pure se bestemmio tutto il giorno faccio il corso prematrimoniale. 500 partecipazioni, uomini, donne e bambini compresi, abbiamo affittato pure un pullman per i tuoi parenti calabresi. Altrettante bomboniere di raso e coi confetti rosa, 5 mila euro solo per il vestito della sposa.

Deve essere un giorno unico, un giorno che non ci dobbiamo mai scordare ma con tutti i debiti che sto mettendo in piedi questo pericolo non c’è. Tu per esser sicura che questo giorno non ce lo scordiamo vuoi foto, album e filmino che riprende tutto quello che facciamo. Il fotografo mi chiede di ridere, di scherzare, di fare cose da stupido in cui sono naturale come il tonno in confezione ma torniamo al giorno più bello. Andiamo dritti all’altare, due ore di sermone per poi poter scendere le scale e tuo cugino ha distribuito riso a pacchi e come sempre te li tirano negli occhi.

Facciamo una carovana, andiamo tutti al ristorante. Solo con l’aperitivo è sazia già tutta la gente perché deve essere un giorno unico, un giorno che non ci dobbiamo mai scordare. Ho speso 100 euro a testa per avere almeno 8 portate. Ti pare che ci dobbiamo far parlare dietro da tutte le zie riunite?

Il discorso, la torta a tre piani, il brindisi con tutti i parenti. Giriamo da un tavolo ad un altro, dobbiamo fare tutti contenti. Arriva poi la sera, le scarpe strette e i piedi che ti fanno male. Tu crolli sul letto e io con gli occhi aperti non riesco ad addormentarmi, tu dormi come sempre e pare che nulla ti faccia mai effetto. Io mi sento strano, ho come un vuoto dentro il petto.

Mi alzo e cerco di capire che cosa è cambiato dopo tutto questo teatrino, il mio mondo si è trasformato? Mi guardo allo specchio, mi fisso negli occhi e capisco che c’è una differenza straordinaria: adesso che mi sono sposato ho i debiti con una società finanziaria.

 

Malattie della pelle in Arabia Saudita e India[2]

Il matrimonio potrebbe portare la coppia ad un potenziale focolaio di malattie. I tre problemi principali sono: 1) le locali tradizioni matrimoniali potrebbero portare a malattie della pelle; 2) il matrimonio potrebbe essere l’unica causa per una coppia di avere malattie infettive cutanee (verruche, follicolite) o malattie trasmesse sessualmente (HIV) da uno dei due membri. Le future coppie devono curare le malattie della pelle prima che esse possano esser trasmesse; 3) l’utilizzo di prodotti cosmetici potrebbero dare maggiori complicazioni proprio in questa fase cerimoniale

Il matrimonio dopo una lunga convivenza in Nuova Zelanda[3]

Da decenni i sociologi discutono se la diffusione della convivenza tra coppie omo ed eterosessuali indichi un cambiamento delle relazioni oppure una nuova via verso il matrimonio. Nel secondo caso, quale è la causa? Le coppie che convivono legalizzano la loro relazione quando sembra che ci siano pochi diritti sociali o giuridici. Anche se il tasso di convivenza è in aumento, il matrimonio ancora mantiene gran parte del suo valore simbolico e culturale.

Paradossi matrimoniali nel Regno Unito

Il tasso di matrimoni nel Regno unito è in calo mentre sono in aumento le separazioni e i divorzi. Il matrimonio non è considerato più necessario per legittimare i rapporti sessuali, le relazioni a lungo termine o la genitorialità. Allo stesso tempo i matrimoni sono diventati più importanti, sia come aspirazione sociale che come cultura popolare. Il conteggio mostra che i matrimoni sono un’esposizione sociale del successo e nel matrimonio sono coinvolti i celebranti in modo da adattare e ripensare la tradizione come un processo di bricolage, di ‘fai da te’. Si arriva quindi a quattro categorie che sono causa del matrimonio: il progetto di coppia, la relazionalità, la rivisitazione della tradizione e il consumismo romanticizzato (dalle industre delle nozze).

Il punto di Antonio

Ho preferito introdurre con una poesia di strada di uno dei quartieri popolari di Roma, il Pigneto, perché il senso comune è importante e condiziona le nostre percezioni e scelte. Questa forma matrimoniale popolare è estremizzata ma non così lontana dai discorsi che spesso si sentono nei luoghi della quotidianità.

Parallelamente alle realtà locali italiane ne esistono altre, soggette a tradizioni, costumi e trend del paese indagato. Nelle culture dove è forte l’uso di prodotti di cosmesi esiste un elevato rischio di dermatiti ed altre malattie della pelle. Nei paesi in cui si ha un aumento della convivenza è solo una fase transitoria verso l’acquisizione, tramite matrimonio, di un completo riconoscimento sociale e giuridico. Il matrimonio che sembrerebbe non più necessario diventa un simbolo di successo sociale.

Ripensando alla partecipazione al primo matrimonio mi fermo sui 10 minuti netti di rituale/procedimento in cui viene posta la domanda di atto di libertà da parte del celebrante/ufficiale verso gli sposi. In un tempo così breve viene cambiata completamente la propria vita insieme a quella della persona amata. Vale la pena una riflessione sulle statistiche mondiali del matrimonio, sull’età e la correlazione col guadagno economico personale (in termini salariali), col trend delle nascite prematrimoniali, col tasso di istruzione quando ci sono forti differenze di età fra i due sposi? Questa procedura di approfondimento andrebbe fatta se non con una prospettiva di fede ma almeno con una prospettiva di scienza.

 

[1] Poesia di strada a Roma, quartiere Pigneto https://youtu.be/LTHIo_3iWYU

[2] “Wedding ceremony and skin diseases; a need for vigilance!”, Al Aboud

[3] “A ‘brave thing to do’ or a normative practice? Marriage after long-term cohabitation”, Baker

“Wedding paradoxes- individualized conformity and the perfect day”, Carter

Letture:2006
Data pubblicazione : 14/05/2017 07:20
Scritto da : Antonio Pallotti
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications