In evidenza
Ruota panoramica, labirinto, cinema in 10D, mostra dei presepi, il ritorno della Casa di Babbo Natale e tanto altro: IL PROGRAMMA del super Natale Fermano

Presentata questa mattina presso l’Auditorium di San Filippo Neri a Fermo la programmazione delle festività natalizie 2018 della Città. Tantissime le novità e tantissimi gli appuntamenti che si rinnovano rispetto agli scorsi anni, per un Natale davvero super.

Ruota panoramica, labirinto, cinema in 10D, mostra dei presepi, il ritorno della Casa di Babbo Natale e tanto altro: IL PROGRAMMA del super Natale Fermano

Francesco Trasatti ha esordito ringraziando Ambra Orfei, presente alla conferenza stampa svoltasi nell’Auditorium di San Filippo Neri. “Con Ambra è nato un rapporto di stima, amicizia e affetto. Lei gestisce l’Ambra Orfei Entertainment e organizza eventi per grandi marchi nazionali e internazionali ma è anche una pioniera dei villaggi di Natale: cito tra tutti Riccione che viene preso come punto di riferimento per la vicinanza al nostro territorio.”

“Da tre anni a questa parte Fermo ha investito nel Natale – ha proseguito il vice Sindaco -: vogliamo che diventi un marchio di fabbrica per la Città perché in questi anni si è creato un gruppo di lavoro composito che mette insieme tante energie e dà soddisfazione. Ambra quest’anno è diventata testimonial e madrina del Natale Fermano e ha trovato un’attrazione che ha permesso di rinnovare l’appuntamento del 2018: la ruota panoramica, che accompagnerà tutte le festività natalizie.”

L’artista Ambra Orfei ha poi ringraziato Trasatti per “aver saputo raccontare con il cuore il Natale di Fermo in questi anni. Non è detto che tutti i comuni siano in grado di affrontare eventi legati all’intrattenimento con la stessa filosofia e con la stessa capacità organizzativa: a Fermo ho notato una certa cura nel confezionamento degli eventi dei due anni precedenti. Avete la fortuna di avere una persona creativa come il vice sindaco che ha saputo realizzare un sogno.”

La Orfei in conclusione si è detta “felice di portare la mia esperienza di lavoro. La volontà era quella di creare una novità per quest’anno e abbiamo pensato alla ruota panoramica, che farà da contorno scenografico a una Piazza già bella di suo.” L'artista Ambra Orfei è inoltre alla ricerca di un luogo per la realizzazione del suo programma Mediaset che racconta l'attività circense e la città di Fermo sarà interessata anche da questo progetto.

Una Ruota Panoramica di 14 metri, autolivellante, non invasiva, con tutte le dotazioni tecniche necessarie: la stessa ruota panoramica, per gli amanti del gossip, del matrimonio di Fedez e Chiara Ferragni, per “la gioia di vedere la Piazza dall’alto, da una prospettiva nuova” ha spiegato Trasatti.

“Anche quest’anno verrà mantenuto il filone fiabesco – ha proseguito il vice Sindaco -: l’aggancio è con il musical “Christmas Carol”, adattamento del Canto di Natale di Dickens.”

 

46161812_2046798012049761_8705266610065113088_n

 

Altra novità sarà il Cinema 10D, organizzato da “Ilmioeiltuo Eventi”, e presente in Piazza del Popolo dal 24 novembre al 16 gennaio. “Ci saranno sette posti per gli spettatori - ha spiegato Silvia Cicconi -: oltre al solito occhialino per le tre dimensioni però ci saranno il movimento delle sedie, gli effetti atmosferici (neve, vento, acqua…) e molti altri effetti per un’esperienza nuove ed emozionante. Un’attrazione simpatica e originale per i bambini e le famiglie ma anche per i più grandi.”             

“L’obiettivo non è quello di stupire con effetti speciali ma vogliamo creare l’atmosfera affinché le persone possano entrare in Piazza e uscire poi più felici. Lasciatemi fare un complimento a Francesco che è un fuori classe nel suo campo ed è normale che poi le Associazioni e i commercianti giocano nella stessa maniera” ha commentato l’Assessore al Commercio Mauro Torresi.

Confermata la vocazione di Fermo Città del Presepe. “In collaborazione con la Pro Loco di Fermo, metteremo un presepe in ogni attività del centro storico in modo da creare un percorso che parte dalle Piccole Cisterne e arriva fino alla Chiesa del Carmine” ha continuato Torresi. Novità di quest’anno un presepe di quattro metri per quattro di un’artista romana nata nelle Marche; inoltre la Mostra dei Presepi quest’anno è stata patrocinata dall’Accademia delle Belle Arti di Ancona.

Piazzale Azzolino invece sarà caratterizzato dal Labirinto di Scrooge e dalla relativa caccia al tesoro, da domenica 9 dicembre a domenica 6 gennaio. La società che ha realizzato il Labirinto è nata dalla Facoltà di Agraria di Ancona e ha raggiunto il suo successo nella città di Senigallia, collezionando 25 mila presenze in due mesi.

“Un Labirinto quello di Piazzale Azzolino, creato utilizzando l’alloro – ha spiegato Iacopo, dell’Associazione ideatrice. “Al divertimento – ha proseguito Torresi - abbiamo aggiunto un ulteriore passaggio che interessasse anche i negozianti. Verrà infatti consegnato un album all’inizio del gioco e alla fine i partecipanti dovranno comporlo con delle tessete che dovranno essere appunto ritirate negli esercizi commerciali.”

 

46164877_354650088641179_1510886369935753216_n

 

Il Sindaco Paolo Calcinaro ha dato il “benvenuto a tutti i presenti per questa “seconda estate” che caratterizza Fermo. Grazie per la vostra voglia di mettervi in gioco in questo contenitore anno dopo anno: senza il lavoro di Mauro e Francesco questo però non sarebbe possibile. Quasi sempre io sono dietro a problematiche molto più materiali, che lasciano poco spazio alla creatività: sapere che c’è chi lavora e porta risultati come quelli che stiamo vivendo in questi anni è qualcosa di inappagabile perché ci si sente con le spalle coperte, questo lasciatemelo dire con lo dico con il cuore e con un elogio allo spirito di squadra.”

“Il Natale di Fermo è un Natale che fa vivere la città e che la rende attrattiva per un territorio abbastanza ampio – ha proseguito il primo cittadino. Molte famiglie individuano Fermo come un luogo per passare un sabato e una domenica, venendo da province limitrofe e non: un valore aggiunto che non va sottovalutato perché la nostra città è bellissima e chi la visita ne rimane molto spesso impressionato. Questa per noi è una conquista.”

La BCC di Ripatransone e del Fermano è uno dei main sponsor del Natale, “non è una banca commerciale: gli utili vengono dati al territorio sotto forma di sponsorizzazioni e siamo lieti di restituirli, attraverso il Natale di Fermo, al nostro territorio - ha commentato Michelino Michetti, Presidente dell'Istituto di Credito -. Per la BCC, nata il primo luglio del 2017, il Natale di Fermo dell’anno scorso è stata la prima sponsorizzazione e ne siamo stati lieti.”

Partner dell’appuntamento natalizio fermano anche la CNA che organizzerà un concerto di beneficenza al Teatro dell’Aquila.

Accolta quest’anno anche la proposta solidale di Muse, associazione che organizza laboratori gratuiti per bambini, focalizzati all’integrazione, su tutto il territorio. “Una parte del ricavato quest’anno verrà devoluto a Muse per la realizzazione dei progetti, un modo di fare beneficenza con una ricaduta sul proprio territorio” ha spiegato Trasatti.

“L’opportunità di legare l’esperienza locale di Muse a quella di personaggi come la qui presente Ambra Orfei è per noi un’occasione importante e mi auguro si possa aprire uno spiraglio sul poter far capire alla comunità quando sia bello lavorare con i bambini per l’integrazione” ha spiegato Carlo Pagliacci.

Non mancherà, nel Natale Fermano, la mostra “Intanto” dell’ideatore Bibi Iacopini che verrà inaugurata il 15 dicembre. Da ricordare anche il Capodanno e la Mostra degli Orologi, realizzati da Stefano Castori, oltre ai mercatini in Piazza del Popolo. Sabato 17 ci sarà l’apertura della Pista di Ghiaccio, da sabato 8 dicembre a domenica 6 gennaio sarà possibile visitare la Casa di Babbo Natale nell’appena restaurato Tunnel di Viale Vittorio Veneto e non mancheranno animazioni per bambini e suggestive illuminazioni per le vie del cuore del centro storico di una città che può vantare un Natale con i fiocchi.

 

46124021_254195295256558_3199005209586040832_n

Letture:5386
Data pubblicazione : 14/11/2018 14:41
Scritto da : Alessandra Bastarè
Commenti dei lettori
18 commenti presenti
  • La lingua italiana passata di moda...

    27-11-2018 17:12 - #18
    Prima di entrare nel tunnel che porta in Piazza del Popolo campeggia sulla sinistra attaccato al muro un lungo enorme striscione.. Dove un errore grossolano testimonia l'incuria per l'uso della lingua italiana che ormai si sa sta passando di moda.. Si fa strada un gergo commercial-divertimentistico vacuo..che rivela mancanza di cultura..di gusto..e di stile.. Al popolo fermano schiumante birette e super-luna park natalizio il compito di scoprire l'errore.. Ma il Comune che ha fatto appendere lo striscione si sarà accorto dell'errore? E se si lo hanno fatto appendere ugualmente? Oppure nemmeno avran letto il mega striscione? Dubbi amletici.. Chi sa quanto sarebbe bello un Natale pieno di Teatro in Piazza.. Pieno di Cultura.. invece che di tristi casette posticce e stolidi pseudo-divertimenti per gente poco esigente... Poi però dovrete raccontarmi quale panorama si vede da quella ruota che non supera l'altezza delle logge.. contenti voi...
  • Fermano vero

    26-11-2018 12:57 - #17
    jaja ha ragione, basta critiche, è natale ce sta la ruota e muti, il presepe ve lo fate a casa vostra!!! w il natale laico!!!
  • MACANTONIO

    26-11-2018 11:44 - #16
    JEJA posizione rispettabilissima ma tu perché rompi a chi rompe? Mettici un po' di buona volontà e vedrai che ci riesci a capire il senso !
  • Jeja

    25-11-2018 19:58 - #15
    Mazza quanto rompete ! Il presepe fatevelo a casa vostra . La ruota nn ve piace ? Non ce salite, la pista ve da fastidio ? Non ci andate! E vivete la vita senza rompe!!!
  • tanta buona volontà .........

    22-11-2018 09:31 - #14
    Non sono un criticone, ma dopo aver visto la ruota panoramica stile luna park, Piazza del Popolo mi è sembrata diventare un circo, un'accozzaglia di componenti che stridono tra di loro. Passi per la piste di ghiaccio, passi gli abeti, come le casette, ma mettere anche la ruota panoramica (per vedere chi pattina?) mi è sembrato eccessivo, una forzatura. Vedremo.
  • cavolo quanta robba ! la cultura qualunque del luna park

    21-11-2018 17:41 - #13
    Complimenti sarà un natale da circo! a carnevale chi sa se metteranno la slitta con le renne! Daje!
  • Fermano Vero

    19-11-2018 12:59 - #12
    Ernesto, ma tu che credi che possiamo fare pagare i dipendenti comunali o gli assessori preposti a turismo? Quelli hanno da fare... ci vuole che paghi la Orfei, per mettere ruota... mica puoi appesantire di lavoro chi è pagato per occuparsi di turismo e non rientra nelle loro competenze il turismo. Figlio mio, dai retta a me, vuoi che tua nonna sia felice? vota COMUNISTA.
  • ERNESTO

    18-11-2018 19:36 - #11
    Si ma a mia nonna che non può più andare in chiesa, mangiare maiale, fare presepi adesso gli devo dire pure che deve votare comunista per far contenti gli extra comunitari ? Mi pare troppo. Era meglio che mi dicevi di portarla al Sassatelli. Raccolgo però l'idea e vedi mai che facendo un giro sulla ruota di Fedez, con panorama mozzafiato sulla casa di Vallesi e una pattinata in mezzo al bosco finto della Piazza dell’ex Popolo, non mi recuperi l'allegria e la voglia di non andare più in chiesa, fare presepi, mangiare maiale e che ne sai mi prenda pure il vizio di uscire la sera ! Grazie Fermano vero perché le tue pillole di saggezza ci stanno aprendo gli occhi sul mondo che ci circonda! Certo che il lavoro si paga e si deve pagare, anche nonna lo dice. Anche la Orfei è giusto che guadagni il suo, che anche il nostro, ma questo è un dettaglio visto che nonna con la pensione sua pensa a tutta la famiglia e speriamo che campi a lungo perchè altrimenti ci toccherà di andare al Ponte e togliere posti agli extracomunitari e questo non sarebbe bello perché loro hanno diritto più di noi di un pasto caldo visto che vengono dai paesi caldi.
  • FERMANO VERO

    18-11-2018 12:13 - #10
    Ernesto, tua nonna deve modernizzarsi, portale a pattinare e a fare un giro sulla ruota panoramica... che sono le vere attrazioni del natale fermano (diciamoci la verità, i presepi, le messe non fanno la grana...). Qui non è una questione di immigrati, sono i soldi che vi levano i presepi e i canti di Natale. PS Comunque il lavoro si paga, se il Comune decide di pagare professionisti per organizzare Natale a Fermo li paghi. Poi le associazioni, lavorano gratis e levano il lavoro ai professionisti. Se eravamo in un regime comunista va bene. ma c'è il capitalismo quindi o si paga o niente. VOLETE I PRESEPI E I CANTI NATALIZI, PASSATE AL COMUNISMO
  • ERNESTO

    17-11-2018 16:09 - #9
    Senti Fermano vero potresti anche avere ragione, anzi hai perfettamente ragione. Ma io adesso ho un grosso problema che gli dico a mia nonna, che è sempre tollerante con tutti e ben disposta con chi non la pensa come lei, che non può andare più in chiesa perché se la vedono gli Islamici o gli Induisti o peggio i Buddisti se la prendono a male e potrebbe essere violentata ? Uffa ed io che speravo di non avere più problemi con l’ebraismo ora mi ritrovo costretto a dire a mia nonna stattene a casa e non ti muovere altrimenti rischi grosso. Concordo perfettamente con Fermano Vero, meglio assecondarli in tutto altrimenti ci guardano brutto, ci dicono che non siamo accoglienti, non guardiamo allo straniero che è dentro di noi, li offendiamo facendo o praticando modi contrari alla loro religione. Tutto questo per un popolo ospitale come noi, MAIIIII…!!! Però Fermano vero a ripensarci mi sorge un piccolo dubbio….ma loro nei loro paesi, nelle loro case, nelle loro società tollerano i cristiani o li considerano razza inferiore ? Nel frattempo che tu ci pensi, per non far dispiacere a mia nonna io un presepe lo faccio lo stesso. Se poi il PD o Salvini o Calcinaro mi dicono che offende il pudore comune e disturba la sensibilità dei nostri cari compaesani extracomunitari…lo tolgo anche se questo crearà un grande dispiacere a nonna…!!!
  • S12

    17-11-2018 15:36 - #8
    Concordo su tutto, con il commento di Diego. Il cuore vitale dei centri storici italiani sono le piazze, che vanno valorizzate come meritano, perché sono le piu' belle risorse che abbiamo , e dovrebbero essere il centro nevralgico di una citta', per non vederla morire.
  • FERMANO VERO POLITICAMENTE CORRETTO

    16-11-2018 19:46 - #7
    IL NATALE NON PUò ESSERE CELEBRATO. ORAMAI SIAMO CIVILTà MULTIETNICA: FERMO è MULTIETNICA! BASTA CON QUESTE TRADIZIONI CRISTIANE CHE DISCRIMINANO I NOSTRI NUOVI CITTADINI. AL MASSIMO SI PUò FESTEGGIORE IL MESE DI DICEMBRE, CHE TANTO OFFENDE NESSUNO, IMPORTANTE è: NIENTE PRESEPI, ALBERELLI DI NATALE, CANZONCINE VARIE CON GESù O ALTRI , OK PER PISTA DI GHIACCIO, MAGNATE (MA SENZA CARNE DI MAIALE) E RUOTONA PANORAMICA. W FERMO MULTIETNICA E LIBERA
  • diego

    16-11-2018 15:42 - #6
    A mio parere, in una città capoluogo, a vocazione turistica, come Fermo , il contributo di professionisti ci sta, eccome se ci sta. Se no , veramente, facciamo la sagra della porchetta estate e inverno e chiudiamola lì. Non dico di escludere il volontariato, anzi, ma ci sono più piani, da integrare, eventualmente, non escludendo professionalità indispensabili ! Poi, volevo far notare che valorizzare il centro storico di Fermo, con la sua sua piazza unica, è valorizzare tutta Fermo ! Non credo che un cittadino che abita a Santa Caterina o a Santa Petronilla, che ne so, sia meno valorizzato: la piazza è di tutti !!! Possibile che un concetto così semplice debba essere sempre ribadito ? Siamo in una città di 35000 abitanti, circa, frazioni comprese, con un unico centro storico, un'unica piazza importante: il centro è il salotto di tutti, proprio di tutti i fermani ! Su, basta con questi micromicromicro campanilismi ! Se muore il centro storico, muore Fermo, ne sono convinto.
  • Francesca

    16-11-2018 10:39 - #5
    Go.BI. dici bene, la progettualità manca e per il resto condivido tutto. Al mio commento voglio aggiungere una precisazione e ci tengo, perché non si fa "tanto per criticà", ma si fa per esprimere la propria opinione! Non dico che la ruota panaromica in primis, pista, villaggio... tutto insieme in piazza non sia d'effetto! Accozzaglia a parer mio, ma d'effetto lo è indubbiamente, quindi tutti resteranno stupiti, tutti faranno e condivideranno foto, ma è illogica una ruota panoramica in un punto non panoramico come osserva giustamente uno dei commentatori qui e tanto più illogica in relazione al tema che, a questo punto, viene meno. Tanto più trovo illogico non valorizzare certe associazioni. "Tanto per criticà" io non voglio condannare chi si impegna, anzi! Ti dico parlaci con chi si impegna davvero e sono le associazioni. Vediamo che ti rispondono! Ambra Orfei lo fa di professione, Campolege o gli amici del presepe hanno altre professioni e il loro tempo libero lo mettono a disposizione dell'amministrazione e di conseguenza della città! Chiedo di valorizzarli perché ne puoi mettere pure tre di ruote panoramiche in piazza, ma prova ad escludere tutto il resto e vediamo che Natale ti resta. Coinvolgere le famiglie come dice GO.BI, giustissimo... il Natale se "Fermo è la città del Natale" deve essere un progetto a 360 gradi su tutta la città e che parte dal basso, non dalla famiglia Orfei. E ci vuole la metà dell'impegno e la metà dei soldi per realizzarlo!
  • GO.BI.

    15-11-2018 21:14 - #4
    Ok i complimenti ci possono essere e ci stanno, almeno per l’impegno. La critica è sempre costruttiva ma forse una considerazione va fatta sul tema Natale. Trasatti è partito circa tre anni fa se non prima. E'un grande organizzatore di eventi a cui manca una progettualità di lungo termine. Non so se lui avesse in mente un Natale da costruire nel tempo, mai uguale e che avesse un unico filo conduttore che partendo dalla Piazza poi man mano si dipanasse nei quartieri per essere un Natale di tutti e non di Fermo Centro. E' forse questo il più grande limite. Un vizio di quasi tutti gli amministratori dei vari comuni, guardare al Centro senza accorgersi del resto. Le iniziative sono molte ma come suggerisce Francesca sembrano un tantino una accozzaglia di cose senza un tema lineare. Vedete, Fermo ha un potenziale in termini di associazioni e di persone veramente fantastico l'Associazione degli amici del Presepe, composta da splendide persone potrebbe essere un volano per far conoscere ai ragazzi l'arte del Presepe, i suoi segreti e il suo fascino. Perché non creare corsi continui per i giovani e meno giovani e interessarli all’arte del Presepe ? Potranno essere gli artisti del domani di quella fantastica e unica magia di creare opere d’arte che si chiamano Presepi. Allora perché un concorso per sole attività commerciali e non per tutti i cittadini. Giusto Fermo città del Presepe dove tutti, ogni famiglia, si cimenta realizzando nel proprio condominio o nella sua finestra un Presepe. Sarebbe una attrattiva e un modo di sentirsi tutti partecipi del Natale Fermano. Perché no anche i murales potrebbero essere un veicolo di cultura e di partecipazione per le scuole e i singoli artisti come Bazzani. Oramai in questa società strenuamente votata all’egoismo personale ci è rimasto, solo il Natale per dimostrare di poter essere diversi e più umani. Se poi ci togliete anche questo non ci resta che…. Piangere…!!!
  • tanto pe criticà

    15-11-2018 11:37 - #3
    Sì, è proprio vero, a Fermo quello che fai, fai male ! Ancora il Natale fermano deve cominciare e nemmeno si sono viste le novità, che già si critica con un' accozzaglia di recriminazioni male assortite. Almeno, il beneficio del dubbio vogliamo darglielo a chi si è impegnato tanto ? Poi, se è il caso, si critica. Io spero che, invece, ci saranno tanti occhi spalancati e tanti complimenti !
  • Panoramica de che...

    15-11-2018 10:42 - #2
    Francé,si commentato tutto justo però non si ditto na cosa... la rota panoramica in piazza? Che panorama volemo vedé... vedemo da su ato solo quilli che pattina praticamente. Se è rota PANORAMICA da sta in un postu panoramicu, no?!
  • Francesca

    15-11-2018 10:14 - #1
    E' vero che a Fermo "quello che fai, fai male", ma secondo me un po' di logica non guasterebbe mai, poi questo o quello può non piacere, ma che almeno tutti ritrovino della logica nelle scelte... e qui di logica ne trovo ben poca. Ma andiamo con ordine! "Fermo città del Natale" o qualcosa del genere dovrebbe, nelle intenzioni di Trasatti, diventare un marchio di fabbrica. Ci sta! Ricordo lo slogan "Fermo città Natale", quando bastavano belle luminarie a far da tetto alla splendida Piazza del Popolo e qualche associazione ad organizzare eventi di pregio per fare un Natale dai buoni numeri e anche raffinato. Erano altri tempi, ma se il Natale di Fermo faceva e fa numeri sempre crescenti lo si deve a chi ha iniziato. Lo si deve alla Contrada Campolege che ha scelto, e forse dovrebbe ripensarci, di portare la Casa di Babbo Natale al tunnel togliendola al quartiere di San Giuliano che resta spoglio al pari di tutti gli altri. E' un vero spettacolo il tunnel riconvertito in casa di Babbo Natale, un'attrazione ben costruita e, non dimentichiamolo: è Babbo Natale il brand che oggi funziona. Castelli su castelli, iniziative su iniziative in tutto il mondo e persino i paesetti si adoperano per mettere su misere case di Babbo Natale. L'amministrazione ci punta? Non mi pare da quello che leggo, eppure dovrebbe dati i numeri che fa e le scolaresche che porta anche nei giorni feriali. La mostra dei presepi? Che numeri fa e faceva. Gli amici del presepe potrebbero ben rispondere... e chi li valorizza? Anzi... ricordo qulche polemica! Questi sono i veri elementi di un Natale, magari classico, ma assolutamente immortale! Però no, innoviamo! Va bene, facciamolo assessore Trasatti. Allora prendiamo il racconto di Dickens e rendiamolo filo conduttore del nostro Natale, mi piace e lo dico sinceramente. Peccato che poi ci porti a Fermo la ruota panoramica del luna park che c'entra come i cavoli a merenda con Dickens. E il cinema 10D? ah be... Poi c'è la pista di pattinaggio e i mercatini, ormai assodati, e su quelli nulla da eccepire. Io la storia del filo conduttore la lascerei da parte, perché alla fine è solo una forzatura per legare un'accozzaglia di roba che rende la piazza caciarona. Caciarona a maggior ragione se la pista trasmette h24 la migliore musica pop del momento! Almeno mettete due canzoni di Natale, perché Dickens non so se sarebbe d'accordo!!! Senza contare i soldini spesi. Ambra Orfei non si muoverà certo gratis e Silvia Cicconi neppure. Se i fondi per loro ci sono siamo felici, non ci piace neppure a noi l'austerity, ma investiamoli sulle associazioni, il vero motore della città e del Natale. Campolege, l'Associazione Amici del Presepe, la Contrada San Bartolomeo che si adoperava per il presepe vivente e seppure non fosse "stratosferico" faceva il pienone o sbaglio? E poi gli altri quartieri... qualche incentivo a loro, ai commercianti che potrebbero metterci del loro e beneficiare di un minimo di considerazione da parte dell'amministrazione centrale. Fermo città del Natale, ma solo in piazza con Dickens che si rivolta nella tomba e la gente che si fa i selfie sotto la ruota come Fedez e Ferragni... che circo ragazzi! Passassero presto questi due anni!
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications