Sport
Gran premio ciclistico internazionale di Capodarco. Finale a due e vittoria all’ultimo metro di Riccardo Donato. Per la prima volta nella storia decisa una momentanea neutralizzazione della gara

Pioggia e vento non hanno fermato Gaetano Gazzoli ed i suoi numerosissimi collaboratori. Per la prima volta nella storia del Gran Premio, per motivi di sicurezza, è stata decisa una momentanea neutralizzazione della gara. Numerose anche le cadute ma fortunatamente senza gravi conseguenze. Forse l’edizione di quest’anno del Gran Premio Ciclistico Internazionale di Capodarco è stata sicuramente quella dove la pioggia è stata l’indiscussa protagonista anche se fortunatamente si è allontanata quando all’arrivo mancavano una trentina di chilometri ed il numeroso pubblico presente si è potuto godere uno spettacolare finale senza far ricorso all’ombrello.

Gran premio ciclistico internazionale di Capodarco. Finale a due e vittoria all’ultimo metro di Riccardo Donato. Per la prima volta nella storia decisa una momentanea neutralizzazione della gara

Gran Premio Capodarco 2015 che quest’anno ha cambiato formula essendo riservato ai soli ciclisti Under 23.
La bandierina del via ufficiale viene abbassata sotto la pioggia, tra gli altri dal neo sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro, alle 13e33. Al via 191 atleti con numerose nazionali e club esteri presenti e tutte le migliori formazioni italiane.
Parte iniziale della gara che come di consueto si svolge sull’asse, tutto pianeggiante, Lido di Fermo – Porto San Giorgio sud che come al solito è caratterizzata da scatti e contro scatti fino all’ultimo giro quando su Porto San Giorgio si scatena un breve ed intenso temporale che causa il parziale allagamento del sottopasso ferroviario a sud di Porto San Giorgio e l’impossibilità del suo transito in condizioni sicurezza, così che la Direzione di Corsa, decide di neutralizzare la gara e dopo il superamento dell’ostacolo, seppur con qualche difficoltà, di tutti i corridori e dei mezzi al seguito, ripete il via ufficiale della gara poco prima dell’inizio della prima ascesa per Capodarco.
Continua a piovere ma, nonostante le avverse condizioni atmosferiche, anche i corridori continuano a darsi battaglia con fughe non decisive, fino ad inizio del penultimo giro quando dal gruppo dei migliori evadono il nazionale australiano Schults e l’italiano Velasco, poco dopo raggiunti da Riccardo Donato.
Al suono della campana il vantaggio dei tre è di 40 secondi, durante la discesa verso San Marco alle Paludi l’australiano Schultz scivola e restano solo due al comando, il gruppo, guidato dalla nazionale australiana, reagisce ed a metà ultima salita per Capodarco sono solo 15 i secondi di vantaggio della coppia di testa che però non molla e sono loro che vanno a giocarsi la vittoria finale appaiati sul muro finale.
Sul punto più difficoltoso del muro prende un discreto vantaggio Velasco, sembra fatta, ma è, l’ex tricolore Juniores, Riccardo Velasco con un finale da batticuore a superare l’avversario pochi metri prima della striscia di arrivo.

Letture:3038
Data pubblicazione : 16/08/2015 19:17
Scritto da : Tiziano Vesprini
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications