Sport
Fermana F.C.: canarini corsari. Gol di Manè: 0 a 1 il finale, Mestre espugnata. Tutti i senatori in panchina. Mercato: in arrivo 2 Under dalla Fiorentina?

Out Ginestra, Gennari e Misin – tutti alle prese con i rispettivi acciacchi – in settimana Mister Destro ha maturato la convinzione che il 3/4/3 non fa al caso dei canarini. Copione troppo impegnativo, rispetto agli attori a sua disposizione. Oggi a Portogruaro (Stadio “Giovanni Mecchia”, inizio ore 14 e 30) si è ritornati ad un più prudente 4/4/2. Che poi, a conti fatti, è il modulo tattico che ha portato più punti alla causa gialloblù. Mestre garibaldino (3/4/3 per  Zironelli) e smanioso di vendicare il ko dell’andata (1 a 0, rigore di Sansovini a 2’ dalla fine). Avvio ed arancioneri a fare la gara, Fermana F.C. a ripartire di rimessa. Valentini fa il Garella e para con qualsiasi parte del corpo, tenendo a galla i canarini. Che in avanti, sprecano due volte con Cremona. E ad inizio ripresa, il gol-partita: angolo di Petrucci, inserimento di Manè sul primo palo, colpo di testa e rete: 0 a 1. Poi sarà ancora SuperValentini, con Manè ed un ispiratissimo Grieco i migliori. Finalmente una squadra in campo e non 11 giocatori: ritrovati foga e carattere, tolto il freno a mano. Morale della favola: Fermana F.C. vincente. Conquistanti tre punti dal peso specifico notevolissimo. Ed ora un finale di mercato che potrebbe regalare qualche sorpresa (in arrivo un paio di Under dalla Fiorentina?) ed un doppio turno interno (Santarcangelo e Teramo) per un finale di stagione scintillante. Banditi lazzi e colpi di tacco, veroniche e "sombreri": la via è quella. 11 cani rognosi grondanti sangue condurranno sicuramente alla salvezza. O forse, a qualcosa di più.

 

Intanto, l'ex centrocampista canarino Andrea Cossu, dopo il mondo della moda abbraccia anche quello di attore sul piccolo schermo.

Fermana F.C.: canarini corsari. Gol di Manè: 0 a 1 il finale, Mestre espugnata. Tutti i senatori in panchina. Mercato: in arrivo 2 Under dalla Fiorentina?

MESTRE - FERMANA F.C.: LE FORMAZIONI UFFICIALI

 

MESTRE (3/4/3): Favaro; Kirwan (46' st Lavagnoli), Perna, Politti; Stefanelli, Casarotto (30' st Zecchin), Boscolo, Fabbri (13' st Mordini); Spagnoli, Sottovia (13' Martignago), Beccaro. A disposizione: Ayoub, Boffelli, Gagno, Gritti, Neto Pereira, Rubbo, Bonaldi. All. Zironelli

 

M.C. FERMANA F.C. (4/4/2): Valentini; Clemente, Manè, Comotto, Sperotto; Petrucci (37' st Favo), Urbinati (37' Doninelli), Grieco, Maurizi; Cremona (30' st Cognigni), Da Silva (15' st Lupoli), A disposizione: Shiba, Equizi, Ciarmela, Margaroli, Massaroni, Camilloni, Ferrante, Sansovini. All. Destro.

 

Arbitro: Luca Zufferli di Udine, coadiuvato dagli assistenti Lorenzo Poma di Trapani e Amir Salama di Ostia Lido.

Reti: 8' st Manè (FFC)

Ammoniti: Urbinati e Camilloni (dalla panchina) entrambi della FFC

Angoli: 5 a 3 per il Mestre

Recuperi: 1° tempo 2'; 2° tempo 6'

Note: spettatori totali 1185 (499 abbonati), dei quali 45 sostenitori provenienti da Fermo.

 

IMG-20180127-WA0008

 

 LA CRONACA DEL PRIMO TEMPO

Destro a sorpresa. Password: tutti i senatori in panchina. Lupoli, Sansovini e Doninelli, si accomodino. Ne viene fuori una Fermana F.C. da corsa, "ignorante", capace di rintuzzare colpo su colpo ad un Mestre che inizialmente fa la gara. I canarini sembrano aver ritrovato anche la foga dei giorni migliori. Manè ancora difensore centrale (Ferrante in panchina) e Maurizi chiamato - con ottimi risultati - a lavorare duro sulla doppia fase. In avvio è Valentini a tenere a galla la squadra gialloblù: il portierone si immola all'8' ed all'11' rispettivamente su Spagnolli e Sottovia, respingendo le minacce con qualsiasi parte del corpo. E sebbene non sembri stilisticamente perfetto, l'efficacia è straordinaria. Zironelli non si fida e sgancia spesso Casarotto dalla sua posizione di mediano. Veneti pronti ad alzare i ritmi di gara ed a velocizzare la manovra, ma la Fermana F.C. agisce bene di ripartenza. 13': Clemente imbecca Cremona, che entra in area e conclude in diagonale (fuori di poco). Al 20' ed al 23', Valentini ancora protagonista: di piede salva su Spagnolli. Al 28', da punizione di Grieco, Comotto svetta ma non inquadra la porta. Piace questa Fermana nuova (vecchia...) versione, con i giocatori pronti a sacrificarsi in ogni zona del campo. Un tentativo di Beccaro (42'), subito pareggiato da quello altrettanto velleitario di Da Silva (43'): in entrambi i casi, portieri senza problemi. Occasione finale per Cremona (44'), ma la sua conclusione non inquadra lo specchio. 

 

LA RIPRESA.

Pronti via e canarini subito minacciosi. Corre il 2', quando Da Silva ci prova da fuori (palla alta). All'8' il vantaggio ospite. Angolo di Petrucci, Manè si inserisce sul primo palo, impatta di testa e porta avanti la Fermana F.C.: 0 a 1. Non se ne voglia nessuno: il Mestre è letteralmente sparito dal campo a partire dalla metà del primo tempo e sino alla fine, fatte salve un paio di circostanze dove più per forza di disperazione che per specifici effetti di manovra costruita, non ha mai dato l'impressione di poter recuperare risultato e partita. Ma attenzione: questo è dovuto, più che hai demeriti dei veneti, ai meriti di una Destro band che se l'è giocata senza timori, disputando un grande match soprattutto nel secondo tempo. Al resto hanno pensato mani e piedi di un Valentini formato monstre, che ha ancora una volta confermato tutto il gran bene che si dice sul suo conto di giovane e talentuoso portiere. Ma torniamo al match: dicevamo di un Mestre via via sempre più catatonico, vivo solo grazie a qualche sporadica accelerazione del neo arrivato Mordini. Il 4/5/1 al quale Mister Destro si affida, dopo l'ingresso dell'esordiente Favo per Petrucci e di Doninelli per un Urbinati che si è speso come sempre sino a quanto ha potuto averne, va a sottolineare un "ritorno al passato" che è foriero di punti. Il colpo di testa di Politti (27' della ripresa), sul quale Valentini miracoleggia mantenendo intonsa la sua porta, è in sostanza l'atto conclusivo di una gara che la Fermana F.C. ha meritato di vincere, senza rischiare più nulla e sempre pronta a lottare - con tutti i suoi effettivi - in ogni zona e su ogni zolla del campo. 

 

MESFRM

 

 

Ed Andrea Cossu diventa attore.

Due parentesi con la Fermana F.C., entrambe in Serie D, per una carriera che lo ha portato a calcare anche i campi di Serie B e C. Andrea Cossu però, ultimamente sul mondo del calcio non deve aver puntato troppo. Perché l’ex centrocampista canarino, da qualche tempo già “arruolato” dal mondo della moda, ieri sera è stato notato interpretare una piccola parte all’interno della fiction Mediaset “Immaturi – La Serie”. A lui, il più grande “in bocca al lupo” per questa sua nuova e, gli auguriamo vivamente, prestigiosa carriera.

 

ANDICOSSU

Letture:2458
Data pubblicazione : 27/01/2018 09:45
Scritto da : Redazione Sport
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications