Sport
Fermana F.C.: gialloblù in 10 ma vincenti. Il gol di Sperotto vale la salvezza. Gettato il cuore oltre l'ostacolo. LEGGI i risultati del Settore Giovanile

Vincere avrebbe significato centrare la salvezza diretta. E così è stato al termine di una gara dove il cuore, la grinta e la determinazione, alla fine hanno fatto la differenza. In 10 per più di un'ora (espulso Manè), il pacchetto arretrato canarino ha retto l'urto di un Gubbio che ha continuato a giocare con 5 giocatori che, in fase di non possesso, restavano ancorati sulla linea dei difensori. E nel finale, a coronamento di una delle ovviamente poche sortite offensive, i canarini sono passati grazie a Sperotto, che ha raccolto sul 2° palo una perfetta imbeccata di Petrucci e depositato in rete un pallone dal peso specifico enorme. Gennari un gigante, ma ottime prestazioni anche dei vari Saporetti, dello stesso Sperotto e di un Cognigni che dopo l'espulsione di Manè e la sostituzione di Lupoli, si è sobbarcato sulle sue spalle tutto il peso del reparto offensivo, non disdegnando frequenti ripiegamenti per dar man forte ai propri compagni di squadra. A meno di cataclismi, è fatta: anche l'anno venturo la Fermana F.C. del Presidente Simoni e del Patron Maurizio Vecchiola disputerà il Campionato Nazionale di Serie C. Non è poco. Settore Giovanile: la Berretti perde a Siena. E da Gubbio, si torna con una vittoria ed una sconfitta.

Fermana F.C.: gialloblù in 10 ma vincenti. Il gol di Sperotto vale la salvezza. Gettato il cuore oltre l'ostacolo. LEGGI i risultati del Settore Giovanile

IL PRE GARA

Durante la seduta di allenamento di Venerdì, Ferrante e Cremona si sarebbero fermati. Ed al momento il recupero del difensore di Giulianova sembrerebbe difficile, mentre per l’attaccante di Tradate si nutrirebbe qualche “speranziella” in più. Nuove defezioni che, se confermate, sarebbero da leggere come autentica iattura, considerando le già sicure assenze di Misin e Comotto (infortunati), Urbinati e Grieco (squalificati). Ad ogni buon conto, sia Ferrante che Cremona fanno parte dell’elenco convocati diffuso pochi minuti fa. LEGGI le probabili formazioni: per la Fermana F.C. confermato il 3/4/1/2? In casa eugubina, chiare le parole del tecnico Sandreani: “La giornata odierna ci aiuterà a capire le varie situazioni. A Fermo ci vorrà un’altra partita perfetta, perchè se si pensa che i nostri problemi siano risolti dopo Fano, è il momento buono che ci sbattiamo il muso. Voglio la stessa prestazione di Fano a livello tattico, e migliorare a livello tecnico e soprattutto negli ultimi 15-20 minuti di partita l’attenzione. Nel finale, a Fano, ci siamo abbassati troppo e anche la condizione fisica è venuta meno”.

 

IL TABELLINO

 

FERMANA F.C. (3/4/1/2): Valentini; Gennari, Manè, Saporetti; Clemente, Doninelli (38' st Favo), Capece, Petrucci; Da Silva (9' st Maurizi); Lupoli (32' Sperotto), Cognigni (38' st Cremona)i. A disposizione: Ginestra, Camilloni, Nasic, Rossetti, Sansovini, Ciarmela, Equizi, Salifu. All. Flavio Destro

 

GUBBIO (3/5/2): Volpe; Dierna, Piccinini, Burzigotti (1' st Cazzola); Kalombo, Ricci, Valagussa (30' st Giacomarro), Malaccari, Lo Porto (40' st Libertazzi); Jallow (16' st Ciccone), Marchi. A disposizione: Battaiola, Paolelli, Bazzoffia, Bergamini, Fontanesi, Sampietro, Manari, Pedrelli. All. Sandreani

 

Arbitro: Sig.Paolo Bitonti di Bologna(Liberato Angotti/Baldelli)

Reti: 37' st Sperotto (FFC)

Ammoniti: Da Silva, Doninelli e Valentini (FFC), Marchi (G)

Espulso: 29' pt Manè (FFC)

Angoli: 6 a 3 per il Gubbio

Recuperi: 1° tempo 1'; 2° tempo 4'

Note: pomeriggio soleggiato e leggermente ventilato. Spettatori presenti 1246 (444 abbonati). Incasso totale peri ad Euro 9.700,00. Presenti 100 sostenitori provenienti da Gubbio.

 

P_20180408_163452

 

LA CRONACA DEL PRIMO TEMPO.

Priva di Comotto, Misin, Urbinati, Grieco, Ferrante e dei lungodegenti D'Angelo e Iotti, la Fermana F.C. prende il campo schierando in mezzo Doninelli e Capece (che da tempo non giocavano) e riproponendo Manè quale direttore d'orchestra del pacchetto arretrato. Le notizie arrivate da Bolzano (ove il Fano ha perso per 2 a 0) dovrebbero togliere pathos ad un match di quelli pesanti, ai fini della classifica assolutamente da non fallire. Ed invece la partenza dei canarini è bruciante. Attraverso cambi di campo sistematici, i locali congegnano la prima occasione. Corre il 5' quando Lupoli (velo di Cognigni) approfitta dell'errata applicazione della tattica del fuorigioco degli ospiti e s'invola verso la porta umbra. Sulla sua conclusione però, Volpe si oppone deviando. Il Gubbio cerca di tenere palla, di contrastare e ripartire, tenendo alta la linea dei difensori, approfittando anche del lavoro sporco svolto dall'ariete Marchi. Uno di quelli che fa reparto da solo, abile a far salire la squadra ed a portare pressing alto. La Fermana F.C. però, continua a macinare gioco. Il problema è che i varchi sembrano essere sempre tutti chiusi. Pochi spazi, sui quali Petrucci e Clemente si gettano con foga (il nostro AP7, oggi capitano, non sarà ancora tornato sui livelli di inizio stagione, ma dopo un periodo di leggero appannamento in questo finale di stagione sta crescendo di rendimento), grazie anche alle trovate di un Mister Destro che inverte le fasce di competenza ad entrambi. Gara in controllo pieno, che rischia di sfuggire di mano per una leggerezza assurda di Manè. Che al 29' si fa espellere dopo aver "battibeccato" con Malaccari. Fermana F.C. in 10 e Staff Tecnico costretto a ridisegnarla tout court: fuori Lupoli, dentro Sperotto, Saporetti va a fare il centrale di difesa e Da Silva scala sulla sinistra per un coperto 4/4/1. Ma nonostante la superiorità numerica, il passare dei minuti dimostrerà che il Gubbio non alzerà i ritmi. La squadra di Sandreani continuerà, per tutta la gara, ad arrivare comodamente sulla tre quarti gialloblù per poi cozzare irrimediabilmente sul muro dei difensori locali, mancando di quel cambio di passo necessario per piazzare la zampata vincente. Così, dalle parti di Valentini arriveranno solo tiri dalla distanza. Ci prova dapprima Ricci (34'), poi Dierna (40'), poi ancora Ricci (43'). Soluzioni velleitarie ed assolutamente prive di pericolosità.

 

IL SECONDO TEMPO.

L'essere costretti a sacrificare Lupoli, fa rima con la rinuncia - necessaria - ad ogni inventiva in zona d'attacco. L'espulsione di Manè finisce dunque per inquinare - passateci il termine - i piani di Mister Destro. Cognigni però, continua a sgomitare contro 3 (tre) difensori che lo braccano in ogni dove. Mah...Per carità, dopo una nuova parata salva risultato di Volpe (è il 3' e la rasoiata mancina di Petrucci sembrerebbe vincente), il Gubbio prende in mano la centralina di comando delle operazioni. Conquista campo con manovre avvolgenti, che sovente sfociano sul versante di sinistra dove Lo Porto scende con una certa puntualità. 5': sul cross dello stesso fluidificante si avventa Jallow, che di testa manda il cuoio a far la barba al palo. Canarini leziosi (non potrebbe essere altrimenti), costretti all'interno della loro metà campo, stoicamente supportati dal super lavoro di un Cognigni generosissimo, mai domo e dal punto di vista della carica e dell'impegno, nonchè dell'efficacia anche difensiva, indubbiamente strabiliante: un leone. All'8' ci prova Marchi, che non inquadra lo specchio della porta gialloblù. Al 13' Valagussa, stesso esito. La supremazia territoriale degli ospiti è cristallina, ma azione più azione meno il canovaccio, in definitiva, è lo stesso dal momento dell'espulsione di Manè e l'assalto ospite (si fa per scrivere...) frutta solo calci d'angolo e tiracci dalla distanza. Tutto ciò, vogliamo sottolinearlo, per la superba prova del pacchetto arretrato canarino che legge sempre impeccabilmente ogni situazione le si pari difronte. Il pubblico sugli spalti apprezza sforzo e capacità di sofferenza dei canarini. Così, dopo una lunga pressione del Gubbio, si arriva al minuto numero 37. Quando la Fermana F.C. fa capolino per la seconda volta dalle parti dell'area ospite. Petrucci fugge sulla sinistra e pennella sul secondo palo. Qualche difensore eugubino applica male la diagonale (o, meglio, non la fa per niente...) e Sperotto, solo soletto, di testa impatta in rete da due passi: 1 a 0. Gol pesantissimo: considerando i risultati che stanno arrivando dagli altri campi (tutti pareggi), c'è da proteggerlo con tutte le forze. Ed allora dentro Favo per Doninelli (stanchissimo, ha dato tutto) e Cremona per far rifiatare Cognigni (assolutamente esausto dopo aver corso per 3). Il Gubbio si getta in avanti, spingendo all'attacco anche il portiere Volpe. Nulla di fatto. Ed al fischio finale, zuffa e parapiglia in mezzo al campo. Momenti di alta tensione e confusione. Ma la Fermana F.C. è salva. Ed alla fine, quel che conta è solo questo. 

 

SETTORE GIOVANILE.

La formazione partecipante al campionato "Berretti", allenata da Remo Orsini, perde 3 ad 1 in quel di Siena. Di Cangiano il gol della bandiera canarina. Perde anche la formazione Under 15 di Scoponi, che a Gubbio va sotto per 3 a 2 (di Suarato e Vitali le firme sulle marcature gialloblu'). Vince, invece, la formazione Under 17 di Mister Zazzetta che sempre a Gubbio si impone per 1 a 2 (doppietta Mejas).

 

Letture:4050
Data pubblicazione : 07/04/2018 13:53
Scritto da : Redazione Sport
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications